ARTICOLI CORRELATI

Lavori-e-professioni-a-rischio-oncologico

Lavori e professioni a rischio oncologico

Tra le patologie della cute più insidiose e diffuse c’è sicuramente il Melanoma, un tumore della pelle che negli ultimi decenni è cresciuto in modo significativo, ma la cui eziologia rimane a tutt’oggi ancora poco conosciuta.

La memoria a breve e quella a lungo termine

La Memoria è una funzione del sistema nervoso centrale che consente a tutti gli esseri animali di poter utilizzare al meglio le conoscenze provenienti dall’esperienza:  possono essere così affrontati,  in

Troppo stress e poco sonno nemici del cuore

Di studi in merito ne sono già stati fatti parecchi, ma le nuove evidenze e la quantificazione del rischio cardiovascolare associato all’eccessivo stress sul lavoro e al sonno scarso, presi

Angioma cutaneo

Gli angiomi della pelle sono neoformazioni per lo più benigne, dovute all’anormale sviluppo cellulare dei vasi sangunei o linfatici. La forma più comune di angioma cutaneo è l’emangioma, che consiste in una proliferazione dei

Artrosi alla spalla: come curarla

L’artrosi rappresenta la malattia degenerativa delle articolazioni. Ciò si verifica quando la cartilagine, che normalmente funge da copertura protettiva per le ossa permettendo un movimento fluido e senza dolori, va incontro

Foruncolosi – Che cos’è?

La foruncolosi è un’infezione profonda dei follicoli piliferi generalmente causata dal batterio Stafilococco aureo e che colpisce principalmente il viso. La foruncolosi è un’infezione profonda dei follicoli piliferi generalmente causata dal batterio Stafilococco aureo e che colpisce principalmente il viso. I foruncoli, che possono manifestarsi

L’orticaria nel bambino

Un segno tipico dell’orticaria nel bambino è rappresentato dai ponfi che appaiono sulla pelle un pò a rilievo e possono presentarsi più o meno arrossati.

Si può prevenire il glaucoma?

Nervo ottico

La prevenzione più significativa del glaucoma sta nel sottoporsi ad una visita oculistica al presentarsi dei primi disturbi o dei sintomi specifici della malattia oculare.
E’ buona norma sottoporsi ad un controllo degli occhi da parte di uno specialista oftalmologo anche a lunghi intervalli di tempo (5-7-10 anni)  e sebbene non si avvertano particolari disturbi visivi, cosi che si possa prevenire in tempo qualsiasi cambiamento delle funzioni fisiologiche degli occhi.

Se poi si presentano disturbi relativi alla qualità della visione, al bulbo oculare, alla cornea o in generale alla percezione del mondo esterno allora la prevenzione sarà più efficace se ci si sottopone ai controlli anche annualmente o oppure ogni due anni, tenendo conto anche della fascia di età in cui ci si trova.
Questi controlli periodici sono in grado di individuare un glaucoma nelle sue fasi iniziali , che nella logica del trattamento rappresentano le migliori occasioni per prevenire un progressivo impoverimento della vista, o almeno un suo rallentamento, evitando che la malattia porti chi ne è colpito fino alla cecità.

Il glaucoma, per effetto della pressione intraoculare danneggia gradualmente il nervo ottica, logorandone la fibra.

Se nella propria famiglia esiste una storia della malattia allora è consigliabile un controllo periodico costante e soprattutto un trattamento farmacologico che contrasti in modo sicuro l’avanzare della malattia.
Sempre facendo riferimento a quanto consigliato dal proprio oculista come azioni mirate a contenere o rallentare gli effetti della malattia, dietro istruzioni dettagliate la persona sofferente di glaucoma potrà praticare alcuni esercizi oculari che hanno come obiettivo il rafforzamento del movimento dell’occhio ed anche delle sue funzioni.

Anche un’attività fisica moderata come una camminata o come il nuoto possono contribuire ad un miglioramento generale della circolazione e ad una riduzione della pressione intraoculare, evitando però di praticare esercizi che richiedono un abbassamento della testa rispetto al corpo (come alcune posizioni Yoga) che possono portare maggiori quantità di sangue alla testa.

Una volta che lo specialista ha prescritto al paziente una adeguata terapia farmacologica contro il glaucoma, spesso basata su colliri mirati a diminuire la pressione all’interno dell’occhio e a proteggere cosi la struttura del nervo ottico, è importante che non si sospenda in nessun caso la terapia, nemmeno quando non si riscontrano sintomi specifici.
La continuità e la regolarità della terapia possono garantire una protezione per il nervo ottico ed una buona gestione della malattia.

Si consiglia di evitare di esporre i propri occhi al rischio di lesioni sia come quelle provocate dalla luce e dall’esposizione al sole Indossando occhiali protettivi, ed anche da possibili traumi di tipo sportivo, che potrebbero ulteriormente danneggiare l’apparato visivo.

SPECIALISTI CORRELATI

  • Foto del profilo di Dr. Alessandro Paraskevopoulos
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Ortopedici

    • Via Dante Ruffini 28 - Cremona
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Massimo Cappella
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Dentisti,Chirurghi

    • Corso Re Umberto 79 - Torino
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott. Marco Jacobbi
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Oculisti,Chirurghi

    • Corso Guglielmo Marconi 11 - Torino
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott. Andrea Accardo
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Ortopedici

    • Via Argine 604 - Napoli
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Maddalena Napolitano
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Dermatologi,Medici Estetici

    • Via Giovanni Falcone 13 - Pago del Vallo di Lauro
    Telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Cefalea tensiva

La cefalea tensiva è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per gli episodi di dolore diffuso a tutto il capo, di intensità lieve o moderata, che

Stimolazione cerebrale profonda

La stimolazione cerebrale profonda (Deep brain Stimulation, DBS) è una metodica neurochirurgica che prevede l’impianto nel cervello di elettrodi che, opportunamente posizionati e attivati da un generatore di impulsi inserito

Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è un disturbo psichiatrico caratterizzato da pensieri ricorrenti, accompagnati da paure e preoccupazioni del tutto irrazionali e immotivate, che portano chi ne soffre a ripetere continuamente,
La rinite allergica

Rinite allergica

La rinite allergica è un’infiammazione della mucosa che riveste le cavità interne del naso (mucosa nasale).
Dsturbo bipolare

Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare è un disturbo dell’umore complesso e delicato da gestire che porta chi ne soffre a sperimentare periodi di umore depresso, caratterizzati da sintomi analoghi a quelli della

Declino cognitivo lieve

Il declino cognitivo lieve (Mild cognitive imparment, MDI) è una forma di decadimento delle prestazioni intellettive e delle capacità di memorizzazione e organizzazione delle attività intermedia tra il fisiologico calo

Malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer è la più comune e severa patologia degenerativa del cervello, caratterizzata da un progressivo decadimento delle funzioni cognitive (in particolare, della memoria e del linguaggio), associato

Mal di testa

Il mal di testa o cefalea, occasionale o ricorrente, è uno dei disturbi più diffusi tra persone di ogni età e di ogni parte del mondo, che, a seconda della

Astigmatismo

L’astigmatismo è un’imperfezione nella curvatura della cornea – la membrana trasparente convessa che costituisce la porzione anteriore della tonaca fibrosa del bulbo oculare – oppure della forma del cristallino. Normalmente,

Cataratta

La cataratta è una condizione oculare determinata dall’opacizzazione del cristallino, la lente dell’occhio che viene attraversata dalla luce diretta alla retina e indispensabile per la visione. Quando il cristallino si

FORMAZIONE