ARTICOLI CORRELATI

Insetticidi cloro-organici

Tra gli insetticidi cloro-organici troviamo aldrin, dieldrin, endrin, dicofano e lindane. Essendo sostanze che resistono alla degradazione chimica possono persistere nell’ambiente e di conseguenza è obbligatorio ritirarli dall’uso in quasi

La nicotina: come reagire?

Oggi la nicotina in agricoltura si utilizza molto meno rispetto al passato, ma viene utilizzato ancora nelle applicazioni in orticoltura. Una dose orale di non più di 40 mg di

Camminiamo mezz’ora

Il tempo bello favorisce l’attività fisica esterna. Se si vuole praticare un’attività motoria basilare, come ad esempio una semplice camminata, basta dedicare una mezz’ora al giorno, anche se a giorni

Iperventilazione: cosa fare?

Si tratta di iperventilazione quando la respirazione è più veloce e profonda del solito, in seguito ad uno stress emotivo o ansia. I sintomi dell’iperventilazione sono: il respiro veloce e

Cos’è la fibrosi polmonare idiopatica?

La Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF) è una malattia respiratoria rara caratterizzata dalla deposizione di tessuto connettivo o “cicatriziale” nei polmoni; in pratica il tessuto polmonare sano che è un tessuto elastico viene

Insufficienza respiratoria

insufficienza_respiratoria

Si è in presenza di una condizione di “insufficienza respiratoria” quando l’apparato respiratorio non è in grado di assicurare efficienti scambi gassosi attraverso i polmoni, impedendo di mantenere un adeguato bilancio tra i livelli di ossigeno (O2) e/o anidride carbonica (CO2) nel sangue.

Quando è presente soltanto una scarsa concentrazione plasmatica di O2, si ha un’insufficienza respiratoria “ipossiemica” (tipo I o parziale), di comune riscontro in associazione a malattie polmonari come la polmonite o l’edema polmonare. Quando è presente anche una concentrazione plasmatica di CO2 più elevata del normale si parla di insufficienza respiratoria “ipercapnica” (tipo II o totale), tipicamente associata alle forme gravi/avanzate di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e di asma.

L’eccesso di CO2, che nel plasma si trasforma in acido carbonico (H2CO3) e carbonato di idrogeno (HCO3-), promuove la diminuzione del pH ematico, che da neutro diventa debolmente acido. Questa condizione viene parzialmente corretta dai reni che “tamponano” il pH del sangue, riportandolo verso la neutralità, attraverso l’aumento della concentrazione plasmatica di HCO3- (che viene maggiormente riassorbito dal tubulo renale anziché escreto con le urine).

Tuttavia, quando l’insufficienza respiratoria e l’aumento della concentrazione plasmatica di CO2 sono significativi, il meccanismo omeostatico renale non è più sufficiente a garantire un pH ematico neutro e si instaura la cosiddetta “acidosi respiratoria”, condizione che rappresenta a tutti gli effetti un’emergenza medica poiché gran parte delle funzioni fisiologiche fondamentali dell’organismo sono impostate per svolgersi in presenza di un pH ematico intorno a 7,3-7,4.

L’insufficienza respiratoria può essere acuta o cronica: la prima insorge in modo rapido e improvviso (per esempio, a causa di un trauma toracico o di un edema dell’epiglottide su base allergica); la seconda ha un esordio più graduale e può persistere per mesi o anni, peggiorando in modo brusco a causa di fenomeni estemporanei come un’infiammazione o un’infezione respiratoria acuta (come avviene, per esempio, in occasione delle riacutizzazioni di BPCO o di fibrosi polmonare).

Chi soffre di insufficienza respiratoria cronica, spesso, presenta anche il cosiddetto “cuore polmonare”, una condizione cardiaca caratterizzata dalla dilatazione del ventricolo destro del cuore, con conseguente compromissione della funzione di pompa e insorgenza di insufficienza cardiaca destra.

SPECIALISTI CORRELATI

  • Foto del profilo di Dr. Danilo Grasso
    attivo 2 anni fa

    Chirurgo Vascolare

    • Via Giuseppe Garibaldi 33 - Latina
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Antonio Russo
    attivo 2 anni fa

    Urologo,Andrologo

    • Via Mergellina 50 - Napoli
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott. Massimo Bulckaen
    attivo 2 anni fa

    Fisiatri,Internista

    Telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Piera Farfaglia
    attivo 2 anni fa

    • Via Amerigo Vespucci 24 - Gallarate
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Luca Semeraro
    attivo 2 anni fa

    Nefrologi,Internista

    • Via Salvatore Maugeri 10 - Pavia
    Telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Enfisema polmonare

L’enfisema è una condizione respiratoria che fa parte del quadro clinico caratteristico della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) ed è caratterizzato da una progressiva distruzione dei setti e degli alveoli polmonari

Polmonite

La polmonite è una malattia respiratoria caratterizzata dall’infiammazione acuta degli alveoli e/o degli spazi interstiziali dei polmoni, indotta da cause diverse, non sempre facili da identificare. L’infiammazione può svilupparsi in
La rinite allergica

Rinite allergica

La rinite allergica è un’infiammazione della mucosa che riveste le cavità interne del naso (mucosa nasale).

Rinite

Come tutti i termini medici che finiscono in “ite”, la rinite si riferisce a una situazione di infiammazione che, nello specifico, interessa le mucose del naso (dal latino, rhino) e

Pleurite

La pleurite è una malattia respiratoria caratterizzata dall’irritazione e dall’infiammazione acuta della pleura, la membrana composta da due strati che avvolge i polmoni e li separa dagli altri organi e

Bronchiti

Con il termine bronchite si intende un’infiammazione acuta della trachea e dei bronchi che generalmente insorge come conseguenza di un’infezione virale o, più raramente, batterica. In persone complessivamente sane e

Influenza

L’influenza stagionale è una malattia infettiva di origine virale che si trasmette per via respiratoria attraverso le particelle di vapore cariche di virus diffusi nell’aria da individui infetti, attraverso la

Insufficienza respiratoria

Si è in presenza di una condizione di “insufficienza respiratoria” quando l’apparato respiratorio non è in grado di assicurare efficienti scambi gassosi attraverso i polmoni, impedendo di mantenere un adeguato

Allergie e intolleranze alimentari

Le reazioni fisiche a certi alimenti sono comuni, ma per la maggior parte sono causate da un’intolleranza alimentare piuttosto che da un’allergia alimentare. Un’intolleranza alimentare può causare alcuni degli stessi

Asma allergico

L’asma allergica è una malattia cronica che colpisce le vie aeree e, in particolare, i bronchi, ossia i canali che permettono il passaggio di aria da e verso i polmoni.