ARTICOLI CORRELATI

Uomo seduto in posizione scorretta

Cattive abitudini che causano mal di schiena

Quando il mal di schiena è presente troppe volte nel nostro quotidiano, dopo aver fatto tutte le indagini cliniche per escludere delle specifiche patologie, bisogna interrogarsi sulle proprie abitudini, cancellando o modificando quelle che potrebbero esserne la causa.

Burocrazia in ambito lavorativo

Una delle principali cause di stress lavorativo è la burocrazia, che viene chiamata spesso in causa, quando sembra che i problemi non abbiano soluzione. Nell’attuale assetto organizzativo sociale e lavorativo

Bruno S. Frey. Non solo per denaro.

Secondo Bruno S. Frey l’uomo non è spinto a lavorare solo per fattori economici, infatti nel suo libro esprime con chiarezza alcuni concetti fondamentali sull’argomento. La crisi dell’attuale assetto aziendale

Hai paura della folla? Una nuova scoperta scientifica potrebbe aiutarti

hai-paura-della-folla-una-nuova-scoperta-scientifica-potrebbe-aiutarti

Mentre l’agorafobia è il timore degli spazi aperti o molto grandi, la demofobia è esattamente la paura della folla. La folla che passa di fianco, che crea trambusto, che cammina vicino, che semplicemente respira accanto. Chi è demofobico ha difficoltà nel passeggiare in un luoghi come le stazioni, peggio se centrali nella rete cittadina, o in piazze affollate, o in centri commerciali molto frequentati, o in mezzo all’autostrada verso destinazioni comuni.

Camminare in mezzo alla folla in modo rapido e indolore è quasi un’arte. Ma per alcuni è stressante navigare in mezzo ad altre persone cercando una via d’uscita dal caos. Per capire meglio come si comportano le persone in scenari simili, alcuni ricercatori universitari hanno montato delle videocamere nella città di Eindhoven e nelle stazioni ferroviarie locali, registrando tutti gli spostamenti per 6 mesi. Per la precisione, le camere sono state montate nei punti più affollati, e attivate per tutta la giornata. Milioni di pendolari sono stati coinvolti, inconsapevolmente, nella ricerca.

Questa enorme mole di dati ha portato i ricercatori a osservare come le persone reagiscono a breve e a lungo termine quando devono passeggiare tra la folla. Da una parte ci sono le ‘forze sociali’, gruppo del quale fanno parte tutte le persone che riescono in anticipo a comprendere le traiettorie altrui, evitando ogni collisione e lasciandosi lo spazio necessario per passare. Di solito la distanza alla quale puntano per passare senza sfiorare i corpi o i vestiti altrui è pari a 75-80 centimetri.

Dall’altra ci sono invece quelli che cercano di evitare la collisione all’ultimo, perché non si accorgono del sopraggiungere di un altro individuo. In questo caso i pedoni cambiano completamente direzione o fanno una drastica deviazione per evitare l’impatto. Nello studio, per motivi di privacy, non è specificato se tali pedoni sono realmente poco consapevoli delle distanze oppure se sono semplicemente distratti dagli smartphone. Ma poco cambia.

Sulla base di questi comportamenti i ricercatori stanno costruendo un modello matematico in grado di prevedere, data una grande folla, i singoli movimenti di ciascuno dei componenti della stessa. Lo scopo? Sicuramente è quello di trovare un modo per aiutare i futuri architetti e urbanizzatori a realizzare delle strutture adatte a migliorare e aumentare lo spazio per ogni singolo pedone.

Come è stato notato nello studio, una stazione ferroviaria è diversa da un terminal degli autobus. Per accedere a determinati binari, le persone camminano spesso nella stessa direzione, mentre in un terminal con ampi spazi ci sono diverse occasioni per dei… frontali tra camminatori. Di conseguenza, un futuro con carreggiate più comprensibili e spazi più organizzati potrebbe tornare utile a tutte quelle persone che oggi evitano le grandi folle, per il timore di esserne schiacciate o per il terrore di perdere la bussola.

Gli autori della ricerca sono: Alessandro Corbetta (Eindhoven University of Technology), Jasper A. Meeusen (California State University, Long Beach), Chung-min Lee (California State University), Roberto Benzi (Università Tor Vergata Roma), Federico Toschi (Eindhoven University of Technology e CNR-IAC, Italia)

 Una Cura Architettonica contro la demofobia?

Per demofobia si intende la paura della folla, la paura cioè non solo di star in mezzo alla folla, ma anche di camminare in luoghi affollati come stazioni, centri commerciali o strade molto frequentate. 

Chi soffre di questo disturbo si sente oppresso ed incalzato dalla presenza degli altri, fa fatica a mantenere il proprio percorso, teme di essere schiacciato o di perdere il controllo e l’orientamento.

Ma, come si comportano le persone in tali situazioni?

Alcuni ricercatori, appartenenti a differenti università (Eindhoven University of Technology , California State University, Università Tor Vergata Roma) hanno esaminato 6 mesi di filmati provenienti da telecamere montate in luoghi particolarmente affollati della città di Eindhoven e delle sue stazioni ferroviarie.

Dall’esame di questa enorme mole di dati si è potuto osservare come alcune persone sembrano capaci di prevedere in anticipo la traiettoria degli altri e quindi correggere la propria, evitando collisioni e riuscendo a lasciarsi lo spazio (75-80 cm) necessario per passare; altre invece evitano la collisione solo all’ultimo momento,  con improvvisi cambiamenti di direzione o con disorientanti deviazioni.

Sulla base di queste osservazioni si sta cercando di costruire un modello matematico che permetta di prevedere i comportamenti dei singoli. Tutto questo per fornire ad architetti ed urbanisti dei dati attendibili per progettazioni calibrate non solo sulla funzione del luogo da progettare ma anche sul modo prevalente di comportarsi della gente che lo deve frequentare.

In un futuro quindi spazi meglio organizzati potrebbero attenuare il disagio, in alcuni casi addirittura il panico, di persone spaventate dalla folla.       

SPECIALISTI CORRELATI

  • Foto del profilo di Dott.ssa Manola Marini
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Urologo,Andrologo

    • Piazza Kolbe 14 - Martinsicuro
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott. Ugo Grossi
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Proctologi,Chirurghi Generali,Terapisti del Dolore

    • Piazzale dell'Ospedale 1 - Treviso
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott. Marco Filipponi
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Chirurghi Generali,Chirurgo Vascolare

    • Via dei Prati della Farnesina 67 - Roma
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Clelia Carlucci
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Ginecologi

    • Via Fontana 14 (5 piano) - Milano
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Marco Braga
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Chirurghi Generali,Proctologi

    • Località  Montecroce Snc - Desenzano del Garda
    Telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Declino cognitivo lieve

Il declino cognitivo lieve (Mild cognitive imparment, MDI) è una forma di decadimento delle prestazioni intellettive e delle capacità di memorizzazione e organizzazione delle attività intermedia tra il fisiologico calo

Malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer è la più comune e severa patologia degenerativa del cervello, caratterizzata da un progressivo decadimento delle funzioni cognitive (in particolare, della memoria e del linguaggio), associato

Shock, emergenza medica

Può accadere che la circolazione del sangue attraverso il corpo subisca una improvvisa modificazione dando luogo ad una condizione di shock fisiologico, con diminuzione del flusso e di crisi da

Emicrania

L’emicrania è una cefalea primaria che si manifesta con attacchi ricorrenti di mal di testa di intensità moderata o severa, di durata variabile dalle 4 alle 72 ore, intervallati da

Sonno e disturbi dell’umore

Disturbi del sonno e disturbi dell’umore sono legati a un doppio filo e si influenzano a vicenda in modo articolato. Decenni di studi e di esperienza clinico-pratica, tanto nell’ambito della

Sincope

Con il termine sincope ci si riferisce a un episodio di svenimento, ossia a un’improvvisa perdita dei sensi, che può interessare persone di qualunque età e che può essere indotta

Ansia

L’ansia o, più precisamente, il “disturbo d’ansia generalizzata”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”. È una malattia psichiatrica caratterizzata da: preoccupazione e ansia intense

Disturbo da alimentazione incontrollata

Il disturbo da alimentazione incontrollata è un disturbo del comportamento alimentare che si caratterizza per l’incapacità nel controllare l’assunzione di cibo, che si traduce nel ripetersi più o meno frequente

Distonia neurovegetativa

Se si ha la pazienza di intervistare un medico di famiglia il cui ambulatorio è sempre molto affollato, si scoprirà che una buona parte di pazienti sono afflitti da disturbi

Cefalea

La cefalea, il cosiddetto “mal di testa”, è probabilmente la forma più comune di dolore. Si tratta di un dolore cronico o ricorrente che interessa varie strutture del capo, come

FORMAZIONE