ARTICOLI CORRELATI

Cause dell’infertilità maschile

Attraverso la storia, le donne sono state sempre accusate di essere la “causa” dell’infertilità maschile. Dal caso tristemente famoso di Enrico VIII che divorziava a ripetizione dalle sue mogli “sterili”, ai

Abitudini Sessuali: L’Outercourse, il sesso non penetrativo

I partners sessuali possono orientarsi verso l’ Outcourse per diverse ragioni di ordine pratico, ideologico, morale o religioso, per limitare il rischio di gravidanze, per una questione di preferenze sessuali , come alternativa al periodo mestruale, per impedimenti di ordine medico che sconsigliano la penetrazione in un dato periodo.

Il varicocele: sintomi, cause e cura

Il varicocele è una dilatazione patologica delle vene testicolari (o spermatiche), che decorrono lungo il funicolo spermatico e che hanno il compito di drenare il sangue dai testicoli. Tale alterazione provoca un gonfiore

Sifilide: cosa c’è da sapere

La sifilide è un‘infezione sessualmente trasmessa (IST) causata dal batterio Treponema pallidum. A livello mondiale, è la terza più diffusa Ist di tipo batterico dopo la clamidia e la gonorrea. Trasmissione

Prostatite: cosa c’è da sapere

La prostata è una ghiandola dell’apparato urogenitale atta alla produzione del secreto prostatico, un fluido che durante l’eiaculazione, nell’uretra, si mescola con lo sperma proveniente dai testicoli per dare origine
Cos'è l'identità sessuale?

Cos’è l’identità sessuale?

L’identità sessuale è un costrutto che indica il modo in cui una persona vive il piacere, il sentimento, il rapporto con gli altri e come agisce la propria sessualità attraverso

La performance sessuale: un obiettivo di entrambi i sessi, ma con diverse motivazioni

La performance sessuale: un obiettivo di entrambi i sessi, ma con diverse motivazioni

Che la sessualità maschile sia differente da quella femminile (e viceversa) è cosa scontata. Del resto il vecchio adagio francese affermava orgogliosamente “Vive la difference!”, lasciando intendere come proprio da questa differenza origini la tensione e l’attrazione tra i sessi.

Nell’atto sessuale c’è sia attrazione per l’altro (e per la sua diversità appunto) sia attenzione a se stessi e a quello che ognuno attraverso la sessualità rappresenta di sé in relazione alla propria immagine ideale, alla propria completezza, alla stima di sé e al senso più profondo connesso con l’essere uomo o donna (che naturalmente risente degli stereotipi culturali).

Se l’atto sessuale viene vissuto come una forma di affermazione di sé, da cui trarre sicurezza ed identità, esso può assumere le caratteristiche di una prestazione, di un rendimento, di una verifica di competenza/capacità (quella sessuale appunto). Ora questo accade frequentemente in adolescenza, nel periodo in cui domina, anche in questo campo, l’insicurezza ed un compensatorio bisogno di affermazione. Con la maturità la sessualità dovrebbe gradualmente ridimensionare queste caratteristiche narcisistiche per diventare sempre più una delle modalità attraverso le quali la persona si esprime ed entra in relazione con l’altro.

Il maschio sin da piccolo è molto concentrato sul proprio organo sessuale, che è esterno, e, dal momento che lo stato di eccitazione è chiaramente visibile, focalizza sull’erezione, sulla sua qualità, sulla sua durata e sulla quantità (di erezioni appunto) il valore e la valutazione della prestazione stessa. In queste situazioni l’attenzione è rivolta a se stesso e la sessualità sembra una gara dove il soggetto stesso misura i punteggi, collegando a questa misurazione la stima di sé, la propria sicurezza, l’autoaffermazione ecc. È noto che gli uomini tengono continuamente d’occhio qualità e quantità della proprie prestazioni e della propria carica sessuale.
Inutile dire che se qualcosa va al di sotto delle aspettative prestazionali, tutto il corollario di valori che in maniera posticcia è stato connesso con la prestazione sessuale crolla, senza che la persona abbia strutturato una rete protettiva che, includendo variabilità e possibilità di insuccesso, possa preservare la stima di sé.
E questo può succedere dal momento che la sessualità è qualcosa di molto complesso, dove corpo e psiche, pensieri, sentimenti e reazioni corporee interagiscono. inoltre, data la rigidità della struttura di partenza, c’è il rischio che si strutturi un circolo vizioso in cui domina l’ansia da prestazione, con conseguenti problemi erettili, eiaculazione precoce, anorgasmia, evitamento. Ognuna di queste situazioni ha un significato specifico che andrebbe analizzato con l’aiuto di un professionista.

Per la femmina il gioco della sessualità si esprime inizialmente, e in alcuni casi prevalentemente, come capacità di attrarre, di sedurre (nel senso etimologico del condurre a sé). La donna scopre via via nel corso della sua vita le potenzialità di piacere derivanti dal suo corpo. Eccitazione ed orgasmo sono fenomeni “intimi”, che non hanno un riscontro esterno e palese. L’aspetto di performance nelle femmine è dato proprio dalla capacità di piacere (all’altro) e di essere un oggetto di attrazione (secondo un’immagine ideale che rispecchia i canoni della moda oltre che l’immaginario personale). Attraverso un continuo giro di verifiche basate su incontri con possibili partners, riprese fotografiche e video da inviare ai social networks le donne misurano il proprio quoziente di seduzione. Questi elementi rientrano sempre nel gioco della seduzione, i problemi sorgono quando tutto è imperniato su di essi, quando si “collezionano” le conquiste o si dipende dall’approvazione dell’altro o si assume un atteggiamento compiacente (alcune donne simulano l’orgasmo) o giudicante. Fenomeni di anorgasmia, calo del desiderio, dispareunia, vaginismo possono essere conseguenti e, anche in questo caso, il ricorso ad uno specialista psicologo, esperto di sessuologia, sarebbe opportuno.

SPECIALISTI CORRELATI

  • Foto del profilo di Dott. Salvatore Nicolardi
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Cardiochirurghi

    • Piazza Filippo Muratore 1 - Lecce
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott. Antonio Brando
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Ortopedici

    • Via Ballarini 2 - Domodossola
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Marco Ometti
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Ortopedici

    • Via Cavenaghi 1 - Liscate
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Gianpiero Iannuzzo
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    Neurochirurghi

    • Via Cardarelli Antonio 9 - Napoli
    Telefono
  • Foto del profilo di Prof.ssa Silvia Migliaccio
    attivo 2 anni, 5 mesi fa

    • Via Bu Meliana 12 - Roma
    Telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Calcolosi renale

La calcolosi renale è una patologia molto diffusa nei Paesi industrializzati, compresa l’Italia, soprattutto tra gli uomini adulti, colpiti con una frequenza circa doppia rispetto alle donne. I calcoli renali

Prostatite

La prostata è una ghiandola a forma di castagna, del diametro di alcuni centimetri, presente soltanto negli uomini; è posizionata davanti al retto, al di sotto della vescica e circonda

Procreazione medicalmente assistita (PMA)

La procreazione medicalmente assistita (PMA) comprende una serie di tecniche indirizzate a compensare situazioni di infertilità di coppia, che possono dipendere dall’uomo o dalla donna. L’infertilità di coppia è definita

Tumore della vescica

Il tumore della vescica è una delle neoplasie più diffuse in età adulta nei Paesi occidentali, soprattutto nel sesso maschile. Nella maggior parte dei casi, si sviluppa a partire dalle

Emorroidi

Le emorroidi sono strutture vascolari dell’ano e del retto inferiore, che servono per mantenere la continenza fecale. Se si gonfiano o infiammano diventano patologiche e causano una sindrome nota come

Colica Renale

Un attacco di colica renale rappresenta una delle più incresciose esperienze cliniche per via del dolore intenso causato dai calcoli renali che possono essere presenti dal rene fino al condotto

Tumore alla prostata

La prostata è una ghiandola a forma di castagna, del diametro di alcuni centimetri, presente soltanto negli uomini; è posizionata davanti al retto, al di sotto della vescica e circonda

Tumore del seno

Il tumore del seno è la neoplasia più diffusa nella popolazione femminile di ogni parte del mondo, seppur con prevalenza differente in funzione dell’area geografica, dell’etnia e delle abitudini di
La Malattia di Peyronie o del Pene Curvo

Malattia di Peyronie o del pene curvo

La malattia di Peyronie è una patologia derivante da una anomalia del pene dovuta ad un tessuto cicatriziale fibroso che compare sul pene modificandone la forma in erezione, che diventa
L'anorgasmia

Anorgasmia

L’anorgasmia è la sindrome con la quale si indica la difficoltà ad avere orgasmi anche dopo una normale stimolazione sessuale. L’intensità e la frequenza di orgasmi nelle donne sono variabili

FORMAZIONE