Prendi in mano la tua salute

Prendi in mano la tua salute

Prendi in mano la tua salute

ARTICOLI CORRELATI

Lo shock nei bambini

Lo shock è la condizione in cui l’apporto circolatorio è insufficiente a sopperire alle necessità metaboliche dell’organismo. L’ipoperfusione tissutale può realizzarsi attraversi tre meccanismi: la riduzione della massa sanguigna globale,

La figura del pediatra

Un nuovo video podcast di My Special Doctor a cura della Dott.ssa Maria Chiara Villa e del Dott. Piercarlo Salari

I bambini e la noia

La nostra vita (e quella dei nostri figli) sembra rispondere ad una sorta di imperativo categorico “vietato annoiarsi“. Siamo alla continua ricerca di nuovi stimoli ed il nostro stile di

Ritardo della crescita nei bambini: che fare?

“Un certo ritardo della crescita è un fenomeno molto comune nei primi anni dell’età evolutiva. Questo avviene perché la crescita è un processo complesso e multifattoriale in cui vanno considerate

Privazione, abbandono e malattia

Quanto le esperienze di abbandono, privazione o traumi possono incidere sia sullo sviluppo psichico, sia sull’organizzazione e sullo sviluppo cerebrale?

La persona assistita ed i suoi diritti (advocacy)

Prima di introdurre il concetto di advocacy si rende necessaria una sintetica trattazione storica e legislativa per la presa di visione dell’evoluzione della figura dell’ostetrica/o. L’articolo 1, del codice deontologico

Il taglio sicuro

Un nuovo video podcast di My Special Doctor a cura del Dott. Piercarlo Salari

L’approccio al dolore nel bambino

baby-215303_1280

Come bisogna reagire quando il nostro piccolo lamenta un qualche tipo di dolore fisico ? La cosa più saggia e consigliata è quella di rivolgersi al proprio pediatra prima di somministrare al piccolo qualsiasi tipo di medicinale. Innanzitutto il pediatra ha bisogno di acquisire alcune informazioni per capire il tipo e l’entità del dolore ed è bene perciò che i genitori (se il bambino non è ancora in grado di esprimersi da solo) si preparino a rispondere. Sarà lui stesso a consigliare i farmaci più adatti per ogni situazione e tipologia di dolore.

L’uso dei farmaci

Il farmaco di prima scelta nel dolore lieve-moderato senza infiammazione, come nel caso della dentizione, dolore di crescita ed emicrania, è il paracetamolo somministrato per via orale, che può essere somministrato sin dal primo giorno di vita grazie all’ottimo rapporto in termini di efficacia e sicurezza. Il paracetamolo agisce entro 30 minuti circa e il suo effetto analgesico permane per 4-6 ore. Il paracetamolo può essere inoltre impiegato anche a digiuno, a un dosaggio più alto rispetto a quello indicato per la febbre, come indicato dal pediatra, ma sempre in relazione al peso del bambino e senza superare nell’arco di un giorno la soglia di 60 mg/Kg nei bambini d’età inferiore a 3 mesi e di 80 mg/Kg in quelli più grandi. La somministrazione del farmaco per via rettale è da lasciare sempre come alternativa, per esempio nel caso in cui il bambino non sia in grado di assumere nulla per bocca a causa del vomito.

Per il dolore associato a infiammazione dopo il terzo mese di vita e oltre i 5,6 Kg di peso è di scelta l’ibuprofene, da somministrare a stomaco pieno, in base al peso e con un intervallo di almeno 6-8 ore (contro le 4-6 ore del paracetamolo) e senza superare il dosaggio massimo di 30 mg/Kg in una giornata.

Va in ogni caso ricordato che il trattamento del dolore, affinché sia efficace, deve avvenire secondo uno schema a orari fissi e non al bisogno. Infine se al dolore si associano manifestazioni locali, quali per esempio fuoriuscita di materiale dall’orecchio oppure arrossamento o tumefazione dopo una caduta, oppure se dovesse aumentare di intensità è sempre consigliabile il consulto del pediatra.

Tra tutti i disturbi il dolore è quello che più mina l’integrità fisica e psichica del bambino e in più angoscia e preoccupa i suoi familiari, con un notevole impatto sulla qualità della vita e della assistenza. Per questa ragione non deve essere sottovalutato né tantomeno banalizzato: anche nei casi in cui si hanno ragioni per sospettare che un bambino possa fingere di sentire male, per esempio quale pretesto per sottrarsi a un impegno scolastico, è sempre consigliabile procedere con le opportune verifiche piuttosto che rischiare di non prendersene cura o di trattarlo in maniera approssimativa.

 

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Ruggiero Mango
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    • Via di Grotte Portella 6 - Frascati
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Gabriella Vittoria Pottocar
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Agopuntori, Medicina Omeopatica, Ginecologi

    • Via Roma 7/8 - Genova
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Stefano Marwan Mangini
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Cardiochirurghi, Cardiologi, Angiologi

    • Via Dalmazia 29 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Federico Magnifico
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    • Piazza Carlo Marx 11 - Senago
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Ugo Camilleri
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    • Via Morelli e Silvati 104 - Avellino
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Tiroide di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto è una malattia autoimmune che colpisce la tiroide, facendola infiammare in modo cronico e causandone la graduale degenerazione e perdita di funzionalità, con conseguente sviluppo di

Depressione post-partum

La depressione post partum è un disturbo dell’umore caratterizzato da sintomi sovrapponibili a quelli della depressione maggiore e che si differenzia da quest’ultima essenzialmente per il fatto di insorgere nella

Tetano

Il tetano è una malattia causata dal Clostridium tetani, batterio gram-positivo, anaerobio, sporigeno, che penetra nell’organismo attraverso una ferita e porta a manifestazioni sistemiche attraverso una tossina (esotossina). L’OMS riporta

Cefalea tensiva

La cefalea tensiva è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per gli episodi di dolore diffuso a tutto il capo, di intensità lieve o moderata, che

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei

Occhio secco

La sindrome da occhio secco si instaura quando il film lacrimale superficiale che protegge, irrora e nutre gli strati esterni dell’occhio, in particolare cornea e congiuntiva, è troppo scarso o

Esofago di Barrett

L’esofago di Barrett è una complicanza grave della malattia da reflusso gastroesofageo. Nell’esofago di Barrett, il tessuto normale che riveste l’esofago – il tubo che trasporta il cibo dalla bocca

Ipotiroidismo

L’ipotiroidismo è una condizione determinata dall’insufficiente produzione di ormoni tiroidei, tetraiodotironina o tiroxina (T4) e triodotironina (T3), da parte della tiroide, con conseguente riduzione dell’efficienza metabolica generale e insorgenza di

Procreazione medicalmente assistita (PMA)

La procreazione medicalmente assistita (PMA) comprende una serie di tecniche indirizzate a compensare situazioni di infertilità di coppia, che possono dipendere dall’uomo o dalla donna. L’infertilità di coppia è definita

Tumore del seno

Il tumore del seno è la neoplasia più diffusa nella popolazione femminile di ogni parte del mondo, seppur con prevalenza differente in funzione dell’area geografica, dell’etnia e delle abitudini di
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile