ARTICOLI CORRELATI

Ematemesi

L’ematemesi è l’emissione orale di sangue con vomito. La sintomatologia ed i segni obiettivi dipendono dalle eziologia. Nel caso si tratti di emorragie massive saranno presenti una sintomatologia ed obiettività

The economics of human potential

Ci si può veramente occupare delle prime fasi di vita? Si può veramente pensare di diminuire la patologia organica e psichica e aumentare il potenziale di sviluppo umano dell’individuo e sociale? O è una mera utopia che non può avere riscontri pratici e organizzativi?

Asma bronchiale

L’asma bronchiale è dovuto ad edema della mucosa e ristagno di escreato. Per valutare la gravità dell’asma è necessario ricostruire la vita del paziente attraverso precedenti ricoveri, alimentazione ed introduzione

Sviluppo emotivo e apprendimento

La nostra società e la nostra scuola investono molto sullo sviluppo dell’intelletto e sullo sviluppo di funzioni neuropsicologiche complesse come quella del linguaggio, della cognizione spaziale, temporale, o grafica, nonché della lettura, della scrittura, dell’aritmetica e della capacità di eseguire ragionamenti logici e di memorizzare.
Il bambino che piange e si lamenta

Il bambino che piange e si lamenta

Il bambino che si lamenta sempre e che piange molto spesso non rientra in una categoria riconducibile ad una eziologia specifica ma rientra piuttosto in una serie di cause diverse che vanno individuate.

Svenimento in gravidanza da non trascurare

Lo svenimento in gravidanza è un evento poco comune ed è generalmente ritenuto un fenomeno benigno e privo di conseguenze, legato agli effetti delle variazioni ormonali caratteristiche della gestazione sull’apparato

La gastroenterite acuta

La gastroenterite acuta può manifestarsi con diarrea, vomito, febbre, anoressia e crampi addominali.
Cosa fare se il tuo bambino ha l'addome acuto?

Cosa fare se il tuo bambino ha l’addome acuto?

Nel momento in cui si presenta l’addome acuto è necessario l’intervento chirurgico. Il dolore addominale è di diverso tipo a seconda dell’eziologia. I sintomi generali sono: dolore viscerale, dolore dal

L’approccio al dolore nel bambino

baby-215303_1280

Come bisogna reagire quando il nostro piccolo lamenta un qualche tipo di dolore fisico ? La cosa più saggia e consigliata è quella di rivolgersi al proprio pediatra prima di somministrare al piccolo qualsiasi tipo di medicinale. Innanzitutto il pediatra ha bisogno di acquisire alcune informazioni per capire il tipo e l’entità del dolore ed è bene perciò che i genitori (se il bambino non è ancora in grado di esprimersi da solo) si preparino a rispondere. Sarà lui stesso a consigliare i farmaci più adatti per ogni situazione e tipologia di dolore.

L’uso dei farmaci

Il farmaco di prima scelta nel dolore lieve-moderato senza infiammazione, come nel caso della dentizione, dolore di crescita ed emicrania, è il paracetamolo somministrato per via orale, che può essere somministrato sin dal primo giorno di vita grazie all’ottimo rapporto in termini di efficacia e sicurezza. Il paracetamolo agisce entro 30 minuti circa e il suo effetto analgesico permane per 4-6 ore. Il paracetamolo può essere inoltre impiegato anche a digiuno, a un dosaggio più alto rispetto a quello indicato per la febbre, come indicato dal pediatra, ma sempre in relazione al peso del bambino e senza superare nell’arco di un giorno la soglia di 60 mg/Kg nei bambini d’età inferiore a 3 mesi e di 80 mg/Kg in quelli più grandi. La somministrazione del farmaco per via rettale è da lasciare sempre come alternativa, per esempio nel caso in cui il bambino non sia in grado di assumere nulla per bocca a causa del vomito.

Per il dolore associato a infiammazione dopo il terzo mese di vita e oltre i 5,6 Kg di peso è di scelta l’ibuprofene, da somministrare a stomaco pieno, in base al peso e con un intervallo di almeno 6-8 ore (contro le 4-6 ore del paracetamolo) e senza superare il dosaggio massimo di 30 mg/Kg in una giornata.

Va in ogni caso ricordato che il trattamento del dolore, affinché sia efficace, deve avvenire secondo uno schema a orari fissi e non al bisogno. Infine se al dolore si associano manifestazioni locali, quali per esempio fuoriuscita di materiale dall’orecchio oppure arrossamento o tumefazione dopo una caduta, oppure se dovesse aumentare di intensità è sempre consigliabile il consulto del pediatra.

Tra tutti i disturbi il dolore è quello che più mina l’integrità fisica e psichica del bambino e in più angoscia e preoccupa i suoi familiari, con un notevole impatto sulla qualità della vita e della assistenza. Per questa ragione non deve essere sottovalutato né tantomeno banalizzato: anche nei casi in cui si hanno ragioni per sospettare che un bambino possa fingere di sentire male, per esempio quale pretesto per sottrarsi a un impegno scolastico, è sempre consigliabile procedere con le opportune verifiche piuttosto che rischiare di non prendersene cura o di trattarlo in maniera approssimativa.

 

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Camilla Di Pasquali
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Chirurghi Plastici, Medici Estetici

    • Piazza della Rocca 31 - Viterbo
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Salvatore Bellinvia
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    • Via dello Stadio 26 - Lentini
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Lucia Bruni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Nutrizionisti

    • Via Principe Tommaso 20 - Torino
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Carlo Gandi
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Urologo, Andrologo

    • Via Maria Montessori 21 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Pulcinelli Ferdinando Maria
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    • Via Appiano 16 - Roma
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Tendinite

I tendini sono le strutture fibrose che connettono le estremità dei muscoli alle ossa consentendo all’apparato contrattile di svolgere le sue funzioni. Per tendinite si intende l’infiammazione di un tendine.

Bronchiti

Con il termine bronchite si intende un’infiammazione acuta della trachea e dei bronchi che generalmente insorge come conseguenza di un’infezione virale o, più raramente, batterica. In persone complessivamente sane e

Herpes simplex

L’herpes simplex è un disturbo di natura infettiva causato dal virus omonimo (Herpes simplex virus – HSV di tipo 1 o 2) e caratterizzato dalla comparsa delle tipiche bollicine, ulcerazioni

Sindrome da malassorbimento

Il ruolo dell’intestino tenue è di completare la scomposizione chimica degli alimenti e di assorbire quasi tutte le sostanze nutritive. Le sindromi da malassorbimento sono un gruppo di patologie accomunate
Dispepsia

Dispepsia

Dispepsia significa “digestione difficile” ed è il termine medico con cui spesso si indica l’indigestione, che invece ha un’accezione più generica e comprende una moltitudine di disturbi diversi della parte

Ansia

L’ansia o, più precisamente, il “disturbo d’ansia generalizzata”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”. È una malattia psichiatrica caratterizzata da: preoccupazione e ansia intense

Tiroide di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto è una malattia autoimmune che colpisce la tiroide, facendola infiammare in modo cronico e causandone la graduale degenerazione e perdita di funzionalità, con conseguente sviluppo di

Linfedema

1/10 – Cos’è il linfedema Il linfedema è una condizione patologica cronica che si manifesta principalmente col gonfiore di una regione del corpo dovuto all’accumulo di linfa nei tessuti. Al

Jet lag

Il jet-lag è un disturbo del sonno che interessa chi viaggia attraversando almeno 3-4 fusi orari, verso ovest o verso est, dovuto principalmente al temporaneo venir meno della sincronizzazione tra

Ipertensione

In base a quanto stabilito dalle linee guida ESH-ESC, l’ipertensione arteriosa è definita dal riscontro di valori di pressione sistolica (massima) ≥ 140 mmHg e/o di valori di pressione diastolica
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile