ARTICOLI CORRELATI

Convulsioni febbrili nei bambini

Le convulsioni febbrili sono crisi in corso di febbre in un soggetto tra i 6 mesi e i 5 anni, che non presenta nessun segno di affezione cerebrale acuta o

Ipoglicemia essenziale nei bambini

L’ipoglicemia è la più comune complicanza acuta associata al diabete. Nei bambini i sintomi possono essere irritabilità, astenia, ansia, fame, cefalea, sudorazione, pallore, tachicardia, atassia e coma. È necessario mantenere

La medicina narrativa (anticipazione)

Oggi molto spesso i medici identificano i pazienti non più con il loro effettivo nome, ma con il numero della stanza nella quale risiedono e magari con la patologia di

Leggiamo insieme ad alta voce

Leggere ad alta voce ad un bambino, anche molto piccolo, accompagnarlo a scoprire la magia del libro, delle immagini, dei suoni è un regalo, un dono che gli facciamo oltre
I genitori separati e le festività natalizie

I genitori separati e le festività natalizie

Il periodo delle vacanze di Natale, con il corredo di addobbi ed icone pubblicitarie e tutta la retorica della famiglia e dei buoni sentimenti che le accompagnano, possono rivelarsi a volte e per alcuni una sorta di “trappola” emotiva.

Affaticati? E se fosse il sovrappeso?

Troppi chili affaticano la persona durante il giorno e in più non consentono una buona qualità del sonno notturno, soprattutto se poi c’è’ l’abitudine del fumo.

Funzione adulta e adolescenza

pexels-photo-1374542

Genitori, insegnanti, bidelli, medici, allenatori sportivi, ma anche passeggeri della metro o spettatori in un cinema, siamo tutti adulti in ruoli differenti. Ma proprio tutti, in quanto adulti, siamo differenti dai giovani che ci circondano ed abbiamo nei loro confronti una funzione ineludibile, che definiamo appunto funzione adulta. Tale funzione risulta molto importante per la corretta crescita degli individui nel periodo dell’adolescenza, che si approcciano in questa età ad un periodo di profondi cambiamenti sia fisici ma anche e soprattutto comportamentali e relazionali, ed è propio questa delicata fase che, oltre ad interessare principalemnte l’adolescente, condiziona e ha degli effetti anche sulla vita degli adulti.

L’adolescenza

Nel linguaggio comune l’adolescenza è definita l’età della crisi. La stessa parola crisi, infatti, deriva dal greco krisis che significa separazione, rottura ma anche opportunità. In effetti per l’individuo l’adolescenza è un periodo di fervente lavoro, il tempo delle grandi opere e l’occasione per consistenti ristrutturazioni. Questo lavoro però non tocca solo l’adolescente ma anche altri membri del suo sistema sociale come genitori e insegnanti. Come in tutti i momenti di grande cambiamento, si è costretti a confrontarsi con l’ignoto, con l’abbandono di un terreno conosciuto e rassicurante (quale quello dell’infanzia), con l’esperienza della solitudine e con il rischio dell’errore. L’adolescente infatti ha il compito di acquisire la propria identità corporea, personale, di genere e sociale, oltre che coniugare il senso di appartenenza con l’esigenza di autonomia, tipica di quell’età.

I compiti dell’adulto

In tutto questo percorso, come abbiamo già accennato, risulta di primo piano anche la figura degli adulti. Tra i vari compiti che l’adulto deve portare al termine, nel percorso di affiancamento del giovane durante l’adolescenza, annoveriamo: l’accettazione del “lutto” del bambino, che ormai lascia il posto ad un individuo totalmente diverso per aspetto e caratteristiche comportamentali; accettare la possibilità di rischio e di errore, dovute alla delicatezza del percorso di crescita; accettare e contenere il disinvestimento dei figli; adeguare le relazioni genitori-figli per consentire la reciproca separazione. Contestualente a questi compiti, l’adulto deve offrire all’adolescente modelli adulti di riferimento, caratterizzati da intenzionalità, responsabilità e coerenza ( le quali devono essere richieste anche all’adolescente stesso), oltre che offrire limiti e differenze (di genere, generazionali, di competenze, di identità sessuale, di giudizio) ben definiti.

Sono queste delle pratiche sociali molto importanti per una crescita equilibrata dell’individuo, il quale deve gradualmente svilupparsi e acquisire dei modelli di riferimento molto ben delineati, grazie ai queli approcciarsi alla società che lo circonda.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Tiziana Volpe
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base, Professional Counselor

    • Piazzale Jonio 50 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Giovanni Adamo
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Angiologi, Medici di Base

    • Provincia di Ragusa - Ragusa
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Squillante Gianni Erminio
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Agopuntori, Medicina Omeopatica, Medici di Base

    • Via Monterotondo 14 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Antonio Varriale
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Dentisti, Medici di Base

    • Via Grotta dell Olmo 20 - Giugliano in Campania
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Federica Filigheddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base

    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Stenosi del canale vertebrale

La stenosi del canale vertebrale consiste nel restringimento di un tratto del canale presente lungo tutta la colonna vertebrale (formato dalla successione allineata dei piccoli fori presenti al centro di

Disturbo da stress post-traumatico

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è un disturbo psichiatrico che può insorgere a qualunque età in persone che hanno vissuto o hanno assistito a un evento traumatico che abbia

Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è un disturbo cronico caratterizzato dall’insorgenza di una sensazione di generico disagio alle gambe, che si manifesta quando le gambe sono tenute ferme anche

Trauma cranico

Un trauma cranico, detto anche “concussione” in termini medici, consiste nello scontro violento della testa contro una superficie dura o, viceversa, di un oggetto contundente contro la teca cranica e/o

Glaucoma

Il glaucoma è una grave malattia dell’occhio che può causare cecità, principalmente a causa di un aumento della pressione interna dell’occhio che danneggia il nervo ottico. La malattia può insorgere

Shock, emergenza medica

Può accadere che la circolazione del sangue attraverso il corpo subisca una improvvisa modificazione dando luogo ad una condizione di shock fisiologico, con diminuzione del flusso e di crisi da

Bruxismo

Il bruxismo è una condizione in cui si digrignano i denti: può accadere, in maniera inconsapevole, in stato di veglia o, più spesso, durante il sonno. Le persone che stringono

Sindrome da stanchezza cronica (CFS)

La sindrome da stanchezza o affaticamento cronico (CFS), oggi denominata anche associando l’acronimo ME/CFS (encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica) è una patologia piuttosto complessa che si manifesta con una condizione
Alcolismo

Alcolismo

L’alcolismo è una vera e propria malattia, per come si presenta, per i disturbi che causa, per i sintomi che procura al paziente. Si usa il termine Alcolismo quando i

Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per la modalità con la quale si manifestano gli attacchi, che si concentrano appunto “a
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile