ARTICOLI CORRELATI

Dislipidemie: consigli dietetici

Le dislipidemie sono state classificate in base al tipo di particelle lipoproteiche presenti in eccesso nel sangue. Possiamo distinguere iperlipidemie con elevato colesterolo nelle LDL e normale trigliceridemia. La terapia

I disturbi funzionali gastrointestinali

La Medicina, solita com’è alle convenzioni e alle classificazioni, distingue le malattie in organiche e funzionali. Le prime sono quelle associate a un danno vero e proprio: è il caso,

Probiotici-e-rinite-allergica

Probiotici e rinite allergica

La rinite allergica è una patologia molto comune e diffusa nella popolazione con percentuali abbastanza alte e con sintomi come starnuti, prurito e congestione nasale.

Fattori di rischio, complicazioni e prevenzione della salmonellosi

Normalmente l’infezione da salmonella non rappresenta un rischio di vita per adulti in buona salute, ma può rappresentarlo per quelle categorie di pazienti come neonati o bambini piccoli, anziani o pazienti trapiantati, donne gravide, o in pazienti sottoposti a interventi chirurgici.

Sindrome metabolica

Sindrome-Metabolica

La sindrome metabolica è un insieme di anomalie che possono aumentare il rischio di patologie cardiovascolari e non solo. Essa si caratterizza attraverso la presenza di almeno tre di questi fattori: aumento della circonferenza della vita, ipertrigliceridemia, ridotto HDL colesterolo, aumento della pressione arteriosa, iperglicemia. L’ipotesi patogenetica più importante che spiega la sindrome metabolica è l0insorgenza di insulino-resistenza collegata all’aumento degli acidi grassi liberi circolanti. Nei pazienti con sindrome metabolica è stato anche riscontrato un aumento delle citochine pro infiammatorie. L’aumento di sindrome metabolica nella popolazione è sicuramente legato all’obesità, al sedentarismo e all’invecchiamento generale della popolazione stessa.

Consigli dietetici

La terapia dietetica per i pazienti affetti da Sindrome Metabolica ha l’obiettivo di correggere le alterazioni metaboliche presenti, quindi obesità, insulino-resistenza, ridotta tolleranza ai carboidrati, dislipidemia e ipertensione arteriosa. La dieta da seguire deve essere a ridotto contenuto calorico e costituita prevalentemente da carboidrati complessi e povera di zuccheri semplcii. Per quanto riguarda l’apporto di grassi è necessaria la riduzione di acidi grassi saturi, di acidi grassi trans e colesterolo. Tra i grassi da preferire ci sono quelli monoinsaturi quindi l’olio d’oliva. Per migliorare i valori pressori la dieta deve anche prevedere la riduzione dell’apporto di sodio tenendo presente che molti degli alimenti ricchi di grassi sono anche ad alto contenuto di sodio.

Fonte: Manuale di dietetica e nutrizione clinica di Franco Contaldo e collaboratori

SPECIALISTI CORRELATI

  • Foto del profilo di Dott. Paolo Patruno
    attivo 2 anni fa

    Medicina Omeopatica,Internista,Nefrologi

    • Via dei Salesiani 5 - Lecce
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Luciano Ghisoni
    attivo 2 anni fa

    Ginecologi

    • Via Monte Rosa 3 - Milano
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Alberto Morelli
    attivo 2 anni fa

    Chirurghi Plastici,Ortopedici

    • Viale Lombardia 87a - Castellanza
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Laura Caramellino
    attivo 2 anni fa

    Ginecologi

    • Corso Galileo Ferraris 162 - Torino
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott. Massimo Belvedere
    attivo 2 anni fa

    Neurochirurghi

    Telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Valvulopatia aortica

Valvulopatia aortica

Quando la valvola aortica non svolge correttamente la propria funzione di pompare il sangue nel cuore si verifica una condizione di malattia dell’aorta che coinvolge anche il ventricolo sinistro. La

Shock, emergenza medica

Può accadere che la circolazione del sangue attraverso il corpo subisca una improvvisa modificazione dando luogo ad una condizione di shock fisiologico, con diminuzione del flusso e di crisi da

Arteriopatia obliterante periferica

L’arteriopatia obliterante periferica è una patologia vascolare che interessa le arterie, soprattutto quelle delle gambe, impedendo ai muscoli e ai tessuti di ricevere un’irrorazione sanguigna adeguata, con conseguente insorgenza di

Riparazione della valvola mitrale

La riparazione di una valvola mitrale insufficiente/deteriorata può essere effettuata: asportando i segmenti malfunzionanti dei lembi valvolari; impiantando “corde sintetiche” (che sostituiscono quelle naturali rotte o “allungate” dei lembi valvolari);

Fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo cardiaco più diffuso nel mondo occidentale. Negli Stati Uniti colpisce circa tre milioni di persone; in Italia, secondo le stime, a esserne

Ecodoppler cardiaco

L’ecocardiogramma, detto anche ecocardiografia, è una tecnica diagnostica di imaging basata sull’impiego di ultrasuoni, semplice e rapida da eseguire, innocua, indolore e a basso costo che, proprio per queste sue

Arresto cardiaco

L’arresto cardiaco corrisponde all’interruzione della contrazione del cuore e della sua azione di pompa, conseguente a un’alterazione improvvisa e drastica della sua attività elettrica (fibrillazione ventricolare). L’arresto cardiaco è un’emergenza

Ablazione della fibrillazione atriale

L’intervento di ablazione della fibrillazione atriale (FA) è una procedura chirurgica finalizzata a eliminare la fonte dell’aritmia cardiaca, attraverso la distruzione selettiva di piccole porzioni del tessuto cardiaco presenti nelle

Insufficienza cardiaca

L’insufficienza cardiaca corrisponde a una condizione nella quale il cuore non è in grado di ricevere e/o pompare con forza sufficiente il sangue verso i polmoni e il resto dell’organismo,

Angina pectoris

Indicata con il nome latino della sua manifestazione principale, una stretta al petto simile a un peso o a una morsa, l’angina pectoris non è di per sé una malattia,

FORMAZIONE