ARTICOLI CORRELATI

Avvelenamenti: dinitro-composti

Questi composti vengono utilizzati nei frutteti come “lavaggio invernale” e come erbicidi in estate. Da un punto di vista tossicologico la loro azione biochimica è comune a tutti i composti.

La folgorazione: cosa fare

In caso di folgorazione i danni maggiori sono visibili all’interno del corpo, anche se l’ustione può apparire piccola e superficiale. Cosa fare? Assicurarsi che il posto sia sicuro, staccare la

Avvelenamento: misure generali di trattamento

Apparato urinario Non ci sono motivi validi per stimolare un’abbondante diuresi o per utilizzare diuretici, durante la terapia del paziente avvelenato. I metalli pesanti sono in grado di danneggiare i

Tipi di avvelenamento: clorati

I clorati di sodio e di potassio vengono ancora oggi utilizzati per pulire il terreno da tutta la vegetazione. Queste sostanze allo stato secco sono dei forti agenti ossidanti e

Asma bronchiale nei bambini

L’asma bronchiale è dovuta ad edema della mucosa e ristagno di escreato. Per valutare la gravità dell’asma è necessario ricostruire la vita del paziente attraverso precedenti ricoveri, alimentazione ed introduzione

La polmonite nei bambini

La polmonite è una malattia caratterizzata dall’infiammazione degli alveoli polmonari, che si riempiono di liquido che ostacola la funzione respiratoria. I sintomi più comuni sono febbre, vomito e inappetenza, ma

Sindrome e malattia di Kawasaki

La sindrome di Kawasaki è una malattia nota anche come sindrome mucocutanea linfonodale. Si tratta di una vasculite, che a volte interessa le arterie coronariche, che tende a presentarsi in

Metodi di avvelenamento: barbiturici

Oggi rispetto agli anni passati l’avvelenamento da barbiturici è molto diminuita, in quanto non sono più prescrivibili come prima. I barbiturici a breve e a media durata d’azione sono più

Cos’è la melena?

Quando si parla di melena ci si riferisce alla presenza di sangue nelle feci. Il sanguinamento è tipicamente localizzato nella parte alta dell’ apparato digerente al di sopra della valvola

Malori da esposizione ad alte temperature

colpo-di-calore

Colpo di calore

Il colpo di calore è un’emergenza che mette in pericolo la vita, infatti le vittime che non vengono curate immediatamente muoiono. Se il decesso non avviene, l’elevata temperatura corporea danneggerà i tessuti e gli organi dell’organismo. Ogni minuto perso aumenta la possibilità di gravi complicanze.

Collasso da caldo

Il collasso per colpo di calore è secondario alla profusa sudorazione e all’insufficiente introduzione di liquidi, che dovrebbero rimpiazzare l’acqua e i sali minerali, persi dopo un periodo in un ambiente molto caldo. Ci sono differenze tra il collasso da caldo ed il colpo di calore. Nel primo caso la temperatura è normale, mentre nel secondo caso la temperatura è generalmente elevata. Inoltre nel collasso da caldo lo stato mentale è normale, ma nel colpo di calore è alterato.

Cosa fare?

  1. Portare il paziente in un posto fresco e spogliarlo.
  2. Sollevare le gambe di 15-20 centimetri.
  3. Dare acqua fredda con un cucchiaino di sale o una bevanda contenente elettroliti.
  4. Ventilare il paziente e fare delle spugnature con acqua fredda.
  5. Se non c’è un miglioramento nell’arco di 30 minuti chiedere assistenza medica.

Crampi da calore

Quando si parla di crampi da calore, si intende spasmi muscolari, dolorosi che colpiscono le gambe o i muscoli addominali. Le cause sono tutt’ora sconosciute, ma spesso si presentano dopo alcune ore di un’intensa attività fisica e in individui che hanno sudato tantissimo, perdendo molti liquidi.

Cosa fare?

  1. Portare la vittima in un luogo fresco.
  2. Stirare il muscolo con i crampi.
  3. Dare dell’acqua fredda al paziente, aggiungendo sale o una bevanda contenente elettroliti.
  4. Provare a stringere il labbro superiore.

Altri malori da esposizione ad alte temperature

Il lichen tropicale è un’eruzione cutanea pruriginosa, che avviene sulla pelle sudata. Si tratta asciugando la pelle e raffreddandola.

L’edema da calore è un gonfiore delle mani, dei piedi o delle caviglie. È molto comune nelle persone non abituate a luoghi caldi, ma si risolve tranquillamente con calze elastiche e il sollevamento delle gambe, che riducono il gonfiore.

La sincope da calore è uno svenimento che avviene quando si sta troppo tempo in piedi in un ambiente caldo. È possibile trattare la sincope allo stesso modo dello svenimento.

Fonte: Guida Tascabile di Pronto Soccorso di Mediserve

SPECIALISTI CORRELATI

  • Foto del profilo di Dr. Giandomenico Mascheroni
    attivo 2 anni fa

    Endocrinologi,Medici di Base,Medico Certificatore

    • Via Petrarca 53 - Carnago
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Squillante Gianni Erminio
    attivo 2 anni fa

    Agopuntori,Medicina Omeopatica,Medici di Base

    • Via Monterotondo 14 - Roma
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Anna Puccio
    attivo 2 anni fa

    Ginecologi,Medici di Base

    • Via Vincenzo Ponsati 69 - Volvera
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Carmela Tizziani
    attivo 2 anni fa

    Medico Legale,Medico Certificatore,Medici di Base

    • Via Gaetano Bruno 25 - Napoli
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Francesca Vittorelli
    attivo 2 anni fa

    Terapeuta,Agopuntori,Medici di Base

    • Corso Andrea Palladio 134 - Vicenza
    Telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Insufficienza respiratoria

Si è in presenza di una condizione di “insufficienza respiratoria” quando l’apparato respiratorio non è in grado di assicurare efficienti scambi gassosi attraverso i polmoni, impedendo di mantenere un adeguato

Allergie e intolleranze alimentari

Le reazioni fisiche a certi alimenti sono comuni, ma per la maggior parte sono causate da un’intolleranza alimentare piuttosto che da un’allergia alimentare. Un’intolleranza alimentare può causare alcuni degli stessi
La rinite allergica

Rinite allergica

La rinite allergica è un’infiammazione della mucosa che riveste le cavità interne del naso (mucosa nasale).

Influenza

L’influenza stagionale è una malattia infettiva di origine virale che si trasmette per via respiratoria attraverso le particelle di vapore cariche di virus diffusi nell’aria da individui infetti, attraverso la

Bronchiti

Con il termine bronchite si intende un’infiammazione acuta della trachea e dei bronchi che generalmente insorge come conseguenza di un’infezione virale o, più raramente, batterica. In persone complessivamente sane e

Asma bronchiale

L’asma bronchiale è una malattia respiratoria cronica determinata da un’infiammazione persistente delle vie aeree, in particolare dei bronchi, che genera un’ipersensibilità a una serie di stimoli che, quando presenti, determinano

Asma allergico

L’asma allergica è una malattia cronica che colpisce le vie aeree e, in particolare, i bronchi, ossia i canali che permettono il passaggio di aria da e verso i polmoni.

Polmonite

La polmonite è una malattia respiratoria caratterizzata dall’infiammazione acuta degli alveoli e/o degli spazi interstiziali dei polmoni, indotta da cause diverse, non sempre facili da identificare. L’infiammazione può svilupparsi in

Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia respiratoria cronica, debilitante e severa, caratterizzata da progressivo deterioramento e “cicatrizzazione” del tessuto polmonare, che riducono la capacità respiratoria e rendoni via via più

Bronchiectasie

Con il termine “bronchiectasie” si fa riferimento a una condizione respiratoria che interessa i bronchi e che si caratterizza per la presenza di dilatazioni e degenerazioni del tessuto bronchiale, associate

FORMAZIONE