ARTICOLI CORRELATI

Metalli pesanti: il litio

Il litio è un metallo abbastanza diffuso nell’industria. Il carbonato di litio viene prescritto per la terapia delle psicosi maniaco-depressive. Non è chiara l’azione che litio svolge a livello molecolare,

L’apparato cardiovascolare durante gli avvelenamenti

L’avvelenamento può causare anche un collasso cardiovascolare, infatti i farmaci antidepressivi possono scatenare aritmie cardiache, alterando di conseguenza la gittata cardiaca. È necessario, quindi, misurare la pressione arteriosa e la

Tipi di avvelenamento: clorati

I clorati di sodio e di potassio vengono ancora oggi utilizzati per pulire il terreno da tutta la vegetazione. Queste sostanze allo stato secco sono dei forti agenti ossidanti e

La polmonite nei bambini

La polmonite è una malattia caratterizzata dall’infiammazione degli alveoli polmonari, che si riempiono di liquido che ostacola la funzione respiratoria. I sintomi più comuni sono febbre, vomito e inappetenza, ma

Formaldeide: cos’è?

La formaldeide è un gas che si dissolve nell’acqua, dando origine ad una soluzione di formalina. Nell’atmosfera il gas formaldeide è molto irritante e causa tosse, lacrimazione, bruciore e dolore

La folgorazione: cosa fare

In caso di folgorazione i danni maggiori sono visibili all’interno del corpo, anche se l’ustione può apparire piccola e superficiale. Cosa fare? Assicurarsi che il posto sia sicuro, staccare la

Convulsioni febbrili

Le convulsioni febbrili sono crisi in corso di febbre in un soggetto tra i 6 mesi e i 5 anni, che non presenta nessun segno di affezione cerebrale acuta o

Principali tipi di avvelenamento: gli oppiacei

Gli oppiacei sono considerati oppio, morfina, petidina, diamorfina, metadone, pentazocina e destropropossifene. Questi sono in grado di sedare il dolore e determinano farmaco-dipendenza. La loro produzione e vendita sono sotto

Avvelenamento da Mercurio

Il mercurio se ingerito non ha effetti nell’organismo. Le minuscole goccioline di mercurio reagiscono con l’acido cloridrico dello stomaco formando il cloruro. Quando invece il mercurio entra in contatto con

Avvelenamenti: monitoraggio clinico

Le indagini di laboratorio risalgono a più di 150 anni fa, quando fu utilizzata per la prima volta l’analisi chimica quantitativa. Lo scopo principale era quello di risolvere casi giuridici

Lesione delle dita della mano e del piede

lesione-dita

FRATTURA/LUSSAZIONE

Per individuare una frattura è necessario che il paziente faccia il test della percussione, tenendo le dita in piena estensione su una superficie solida. Percuotere con fermezza la punta delle dita, e trasferire la forza lungo la diafisi delle ossa delle dita. Se la percussione determina un dolore aggiuntivo bisogna sospettare una frattura.

Cosa fare?

  1. Immobilizzare le dita attraverso una delle seguenti tecniche:
  2. Usare un cerotto per unire il dito a quello adiacente, oppure mettere la mano e le dita nella posizione “funzionale”.
  3. Porre al centro della mano una medicazione voluminosa, fermarla con un rotolo di benda su un asse di legno o su un giornale ripiegato.
  4. Portare in ospedale.

AVULSIONE DELL’UNGHIA

Se un’unghia è parzialmente rotta o staccata è necessario stabilizzarla con una benda adesiva. Se l’unghia si è completamente staccata è importante applicare una pomata antibiotica e proteggere con un bendaggio adesivo. È assolutamente sconsigliato tagliare l’unghia staccata.

SCHEGGE

Se una scheggia passa sotto un’unghia, interrompendo il flusso ematico, c’è bisogno di rimuovere la parte conficcata con una pinzetta. Se la scheggia si è conficcata nella pelle, per estrarla c’è bisogno di un ago sterile, fino a quando non è possibile eliminarla con una pinzetta.

EMORRAGIA SUBUNGUEALE

Dopo un trauma ungueale il sangue solitamente si raccoglie sotto l’unghia e provoca un dolore intenso. Per alleviare il dolore far uscire il sangue dall’unghia.

Cosa fare?

  1. Porre il dito in acqua fredda o applicare un impacco di ghiaccio.
  2. Alleviare il dolore perforando l’unghia.
  3. Applicare una medicazione per assorbire il sangue che fuoriesce e cercare di proteggere l’unghia lesa.

RIMOZIONE DI UN ANELLO

Succede a volte che il dito sia molto gonfio e risulti difficile togliere un anello. Se l’anello non viene rimosso si può sviluppare una gangrena nel giro di 4-5 ore. Per evitare che avvenga ciò, utilizzare uno di questi metodi:

  • Lubrificare il dito con dell’olio o del burro.
  • Mettere il dito in acqua fredda e aspettare che si riduca l’edema.
  • Massaggiare il dito dalla punta alla mano per far riassorbire l’edema, lubrificare il dito e cercare di togliere l’anello.
  • Se non si riesce a toglierlo, far scivolare sotto l’anello l’estremità di un filo con uno stuzzicadenti o un fiammifero. Avvolgere il filo intorno al dito iniziando dall’anello andando verso la punta. Continuare ad avvolgere in modo uniforme. Ciò spingerà l’edema verso la mano e lentamente svolgere il filo sul lato dell’anello verso la mano.
  • Tagliare la parte più stretta dell’anello con una seghetta, proteggendo la mano.
  • Gonfiare un palloncino e legare l’estremità. Premere il dito gonfio della vittima nell’estremità del pallone in modo che il pallone si avvolga intorno al dito in modo uniforme. In questo modo il dito ritornerà ad essere normale in circa 15 minuti e l’anello potrà essere tolto semplicemente.

Fonte: Guida Tascabile di Pronto Soccorso di Mediserve

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Sandro Morganti
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ortopedici, Medici di Base, Osteopati

    • Via Foligno 6 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Lucia Catalano
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Senologi, Medici di Base

    • Via Belluno 1 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Erminia Maria Ferrari
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medicina Omeopatica, Medici di Base, Pediatri

    • Via San Carlo 3 - Castel Rozzone
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Virgilio De Bono
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base, Dermatologi

    • Via Ripense 4 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Emanuela Costantino
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    • Via Gallinara 2/B - Cagliari
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Sindrome di Menière

La sindrome di Menière è un disturbo dell’equilibrio caratterizzato da “attacchi” ricorrenti e imprevedibili, che comportano la comparsa di intense vertigini, associate a riduzione dell’udito, fischi e brusii. Ogni attacco

Malattia delle ossa di Paget

La malattia ossea di Paget rappresenta una anomalia nel processo fisiologico con il quale l’organismo nel tempo rimpiazza gradualmente il vecchio tessuto osseo con quello nuovo prodotto. Questo processo può

Distonia neurovegetativa

Se si ha la pazienza di intervistare un medico di famiglia il cui ambulatorio è sempre molto affollato, si scoprirà che una buona parte di pazienti sono afflitti da disturbi

Ernia del disco

Il disco intervertebrale è costituito da una parte centrale cartilaginea deformabile, chiamata “nucleo polposo”, circondata da un rivestimento fibroso di contenimento, detto anulus. Quando il disco è giovane e sano,

Sindrome di De Quervain

La sindrome di De Quervain è una condizione dolorosa della mano, legata all’infiammazione delle guaine che rivestono due tendini presenti sul lato mediale (interno) del polso e che controllano i

Tendinite

I tendini sono le strutture fibrose che connettono le estremità dei muscoli alle ossa consentendo all’apparato contrattile di svolgere le sue funzioni. Per tendinite si intende l’infiammazione di un tendine.

Lupus eritematoso sistemico

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia autoimmune che determina uno stato di infiammazione sistemica cronica, che può interessare e danneggiare diversi organi e apparati, tra cui la cute.

Artrite psoriasica

L’artrite psoriasica è una malattia infiammatoria cronica su base autoimmunitaria che insorge in circa il 30% delle persone che soffrono di psoriasi. Come altre forme di artrite, la malattia colpisce

Contratture e crampi muscolari

Un crampo muscolare è una contrazione improvvisa e involontaria di uno o più muscoli. I crampi muscolari possono causare forti dolori; anche se generalmente sono inoffensivi, possono rendere temporaneamente impossibile

Artrosi della spalla

Nella spalla, le diverse articolazioni, e in particolare quella scapolo-omerale (o gleno-omerale) che è situata tra i capi articolari della scapola e dell’omero, sono normalmente rivestite di cartilagine, che permette
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile