Prendi in mano la tua salute

Prendi in mano la tua salute

Prendi in mano la tua salute

ARTICOLI CORRELATI

I 10 falsi miti sulle diete

Allenamento cardio, niente carboidrati a cena e pasti frequenti? E’ la ricetta ideale per… non dimagrire. Il personal trainer Nick Mitchell ha sfatato i falsi miti sull’alimentazione e sull’esercizio fisico.

Il frutto della salute: il Cranberry

CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI DEL CRANBERRY FRESCO I cranberries presentano un elevato contenuto d’acqua, ma anche di zuccheri. Le bacche contengono fibre, sali minerali e vitamine A, B e C. I composti

I disturbi funzionali gastrointestinali

La Medicina, solita com’è alle convenzioni e alle classificazioni, distingue le malattie in organiche e funzionali. Le prime sono quelle associate a un danno vero e proprio: è il caso,

L’alimentazione durante la gravidanza

Durante la gravidanza la donna deve soddisfare le proprie necessità e quelle del nascituro, seguendo un’alimentazione corretta. La dieta bilanciata potrà garantire al bambino i principi nutritivi utili per uno

Obesità infantile, la colpa è delle madri?

Secondo uno studio italiano realizzato dai ricercatori dell’Università di Padova, guidata dal professore Dario Gregori che si occupa di biostatistica, epidemiologia e sanità pubblica, si ritiene che l’amore possa in

Alimenti per le ossa

Un nuovo video podcast di My Special Doctor a cura della Dott.ssa Maria Chiara Villa e del Dott. Piercarlo Salari

Intossicazione alimentare: ecco 9 consigli per evitarla

mal-di-pancia_salute_uomo_think_480294231_1600x900

Ci prepariamo tutti ormai alle vacanze estive. C’è chi è già in spiaggia a rilassarsi, chi prepara le ultime cose da mettere in valigia e chi, purtroppo, è già di ritorno dalle tanto desiderate ferie. La vacanza è per tutti un momento di relax e di intenso divertimento. Capita spesso però, durante i soggiorni fuori porta, dove la routine quotidiana viene interrotta, di imbattersi in alcune patologie gastrointestinali che possono potenzialmente rovinare un’intera vacanza. Prima su tutte l’intossicazione alimentare. Vediamo quindi insieme alcune semplici regole da seguire per evitare di trascorrere la propia vacanza distesi sul letto di un ospedale o, e forse è anche peggio, seduti in bagno ore ed ore.alimentazione

Le regole da seguire

1) IGIENE: dovunque ci si sposti (case, alberghi, campeggi ecc) occorre per prima cosa igienizzare la cucina. Quindi pulire e disinfettare accuratamente posate, stoviglie, utensili da cucina e soprattutto qualsiasi luogo in cui andrete a riporre il cibo (frigo, mobili, scaffali).

2) FRIGO: proprio il frigo può rappresentare una delle insidie peggiori per la nostra salute. Una regola fondamentale è quella di riporre gli alimenti in frigo in modo ordinato, evitando che i vari alimenti entrino in contatto diretto fra loro. E’ utili quindi munirsi di recipienti in vetro o contenitori sottovuoto per la conservazione anche degli avanzi. Ovviamente prima di inserire gli alimenti è opportuno pulire accuratamente l’intero frigo.

3) FRUTTA E VERDURA: lavare sempre frutta e verdura prima di mangiarle ed evitare di metterle in frigo dopo averle lavate in quanto c’è il rischio che sviluppino patogeni in grado di infettare tutti gli altri alimenti presenti in frigo.

4) CARNE: la carne va sempre tenuta in frigo in sacchetti per gli alimenti e va riposta nei cassetti in basso. A seconda del tipo va consumata in un certo periodo di tempo: 24 ore per la carnemacinata, 48 ore per pollo o tacchino, 3 giorni per affettati e carne fresca al taglio.

5) PESCE: per quanto riguarda il pesce si tratta di un alimento che va pulito, eviscerato, lavato e ben asciugato prima di essere riposto in un contenitore ermetico nella parte bassa del frigo. In questo caso va consumato, indipendentemente dal tipo, entro 24 ore.

6) UOVA E LATTICINI: non vanno mai tenuti liberi in frigo ma sempre riposti negli appositi ripiani del frigorifero

7) FREEZER: per poter surgelare gli alimenti in totale sicurezza, sia carne che pesce, è bene avvolgerli in una pellicola o sacchetto per alimenti. Lo scongelamento invece va effettuato sempre in frigo e mai a temperatura ambiente.

8) ETICHETTA: leggere sempre attentamente le etichette al momento dell’acquisto. Controllare in primis la scadenza dei prodotti. Quelli con scadenza ravvicinata vanno posizionati sempre ben in vista in modo tale da essere consumati per primi.

9) LA COTTURA: per assicurarsi di eliminare tutte le spore ed i batteri degli alimenti occorre far salire la temperatura di cottura sopra i 120°.

Con queste poche e semplici accortezze potrete godervi una vacanza liberi da intossicazioni!

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Izabella Sylwia Bartosiewicz
    attivo 4 anni fa

    Medici di Base, Reumatologi

    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Domenico Napolitano
    attivo 4 anni fa

    Ginecologi, Medici di Base, Medici Estetici

    • Viale Orazio Flacco 5 - Bari
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Irene Pistis
    attivo 4 anni fa

    Medici Estetici, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via della Reoubblica 461/3 - Vergato
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Francesca Marceddu
    attivo 4 anni fa

    Anestesisti, Medici di Base

    • Via del Risorgimento 49 - Pirri
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Maria Grazia Caruana
    attivo 4 anni fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Viale Prassilla 41 - Roma
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Epatiti (generale)

Le epatiti sono infiammazioni del fegato che possono avere un livello di severità diverso, da lieve a estremamente grave, ed essere di tipo acuto o cronico, anche in funzione della

Morbo di Crohn

Il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica intestinale. Provoca un’infiammazione del tratto digestivo e, in persone diverse, può coinvolgere diverse aree del tubo digerente. L’infiammazione causata dal morbo

Reflusso gastroesofageo

La malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) consiste in un’accentuata risalita di parte del contenuto acido dello stomaco verso l’esofago, favorita da una scarsa tenuta o da un’aumentata frequenza di apertura

Esofagite

L’esofagite è un’infiammazione acuta o cronica che può danneggiare i tessuti dell’esofago, il tratto del canale alimentare che collega la faringe allo stomaco. Nell’esofagite lieve le alterazioni della mucosa sono

Epatite D

L’epatite D è un’infiammazione acuta del fegato determinata dall’Hepatitis D virus (HDV): un virus “difettivo” che per poter infettare le cellule epatiche, moltiplicarsi e causare la malattia necessita della contemporanea

Colecistite

La colecistite è un’infiammazione della parete della cistifellea. Il processo infiammatorio, una volta iniziato, genera cambiamenti sia a livello microscopico che macroscopico, che evolvono da una semplice congestione, attraversano una

Diarrea

La diarrea è un disturbo della defecazione caratterizzato da un aumento dell’emissione di una quantità giornaliera di feci superiore ai 200 g con diminuzione della loro consistenza e da un

Epatite C

L’epatite C è un’infiammazione del fegato, determinata dall’infezione da parte dell’Hepatitis C virus (HCV), di cui esistono 6 varianti, caratterizzate da diversi genotipi, da differente distribuzione epidemiologica e sensibilità ai

Cirrosi epatica

La cirrosi è una fase tardiva della cicatrizzazione (fibrosi) del fegato causata da molte forme di malattie e condizioni, come l’epatite e l’alcolismo cronico. Il fegato svolge diverse funzioni necessarie,

Ernia inguinale

L’ernia è la fuoriuscita di un viscere dalla cavità che normalmente lo contiene, attraverso un orifizio o un canale anatomico. Nell’ernia inguinale, il peduncolo esce dall’addome attraverso l’orifizio inguinale esterno
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile