ARTICOLI CORRELATI

Saper staccare la spina dal lavoro durante le vacanze

È importante ricordare che il relax e la cura di sé non sono solo lussi: sono essenziali per evitare conseguenze negative, come disturbi, malesseri o lo scivolamento in una condizione particolare qual è quella che è stata definita di burn-out.

Rimedi casalinghi: cosa funziona?

Curare i disturbi con i rimedi Meglio non dare totale credito a quanto si è sentito dire in giro in termine di rimedi curativi, sempre meglio parlarne prima con il

La sanità nel Regno delle Due Sicilie (1735-1860)

Regno-delle-due-sicilie-scaled

Dott.ssa Paola Russo, Specialista oncologa, Distretto di Giugliano, ASL Napoli 2 Nord

Giunto a Napoli nel Maggio 1734, Carlo di Borbone affrontò subito i problemi che affliggevano il Regno delle Due Sicilie, dopo secoli di ristagno economico e commerciale, legato alle dominazioni straniere succedutesi nel tempo. Una delle sue prime decisioni fu di ordinare che si stabilissero delle Conferenze a cura della  Segreteria di Stato e già nella prima riunione del  giugno 1739 ci fu il doveroso richiamo alle urgenze sanitarie. Allo scopo di istituire un vero e proprio servizio sanitario nazionale ante litteram si considerò l’opportunità di istituire dei  “lazzaretti in diversi porti di questi Regni … attesa la necessità indispensabile … di poter ammettervi in quarantena i bastimenti esteri venenti dal Levante …”. I lazzaretti servivano ad ospitare in quarantena gli individui che, provenienti da altre nazioni, fossero sospettati di essere portatori di malattie contagiose. In particolare, nel verbale della Conferenza del 3 dicembre 1739, si legge, tra l’altro, la raccomandazione di costituire una fabbrica di saponi da utilizzare per l’igiene e la salute pubblica.

Tra le leggi di Ferdinando IV, emanate tra il 1782 e il 1784, sono da ricordare gli speciali regolamenti riguardanti le malattie pestilenziali, la  vigilanza nei porti, il controllo degli attestati di salute dei viaggiatori e i cordoni sanitari in caso di epidemie. Degno di nota è anche l’Ufficio di vaccinazione contro il vaiolo fondato nel 1802.

Nel decennio francese, con la Legge di Navigazione del 1809,  Gioacchino Murat stabiliva che all’entrata di bastimenti stranieri nei porti del Regno gli Impiegati della pubblica salute dovevano eseguire la prima visita e dopo, se fosse stato necessario, prendere delle precauzioni di salute;… Essi vigileranno specialmente sui lazzaretti e depositi di mercanzie soggette a spurgo, conformandosi su di ciò ai regolamenti di salute. Inoltre  gl’Impiegati di Dogana, e quelli di salute si avvertiranno a vicenda de’ Legni che vengono ad approdare in qualunque punto del nostro Regno, ed accorreranno immediatamente per eseguir le loro rispettive funzioni … Pur inserendo dettagli innovativi, si confermava l’esistente, tra cui la pratica della vaccinazione.

Ritornato nel 1816 dopo la caduta di Napoleone Bonaparte, il Re, che assunse il nome di Ferdinando I, in tema di Sanità Pubblica si interessò di costituire amministrazioni diocesane per i frutti dei benefici vacanti da riservare a favore di ospedali  e di altri enti che svolgevano assistenza sanitaria.

Ma è proprio al tanto vituperato Ferdinando I di Borbone che si deve l’importante Legge Organica del 20 ottobre 1819 sulla Pubblica Salute nei Domini di qua e di là del Faro (cioè i territori peninsulari e la Sicilia) che così inizia: “La tutela della salute pubblica ne’ nostri domini …, per quello che concerne tanto il servizio sanitario marittimo, quanto il servizio sanitario interno, viene affidata ad un Supremo Magistrato di Sanità”. Vengono nominati degli Intendenti, considerati veri e propri direttori del servizio sanitario dei rispettivi territori di competenza tanto per il servizio sanitario marittimo, quanto per il servizio sanitario interno: una sorta di direttori generali delle ASL dei nostri tempi.

E’ interessante leggere questi provvedimenti, in quanto vi si notano temi di stretta attualità. Tra gli argomenti riportati, particolare attenzione è riservata alla  salubrità dell’aria “per gli stabilimenti e le fabbriche d’industria”. Per queste strutture si prescriveva la lontananza dai centri abitati e la necessità di incanalare i rifiuti industriali in apposite cisterne e vasche.  Particolare attenzione veniva posta ai gas provenienti dalla liquefazione di metalli o da laboratori chimici. Da rimarcare che questa norma di 200 anni fa si riferiva ai “venefici effetti di polveri e di arie (gas) insalubri”, mentre solo di recente nei paesi europei si è voluto affrontare in maniera adeguata l’inquinamento delle grandi città da gas di scarico e polveri sottili provenienti soprattutto da motori diesel.

Ancora nel Titolo II del suddetto regolamento, De’ cibi, delle bevande e de’ farmaci nocivi si proibiscono i depositi di generi guasti e si stabilisce che ogni abitato abbia la sua fogna e che si provveda per la pulizia delle strade.

Nel Regno delle Due Sicilie dell’800 grande importanza veniva infatti rivolta ai possibili effetti nocivi sulla salute umana provenienti da cibi non più ‘freschi’ e si consideravano nocivi i farmaci di occulta composizione. Era stato anche constatato che il contatto tra malati poteva essere pericoloso  e, pur se non riportato in modo diretto, che una malattia poteva trasmettersi a differenti individui.

Erano perciò confermate le ispezioni a navi provenienti da altre nazioni e la necessità delle quarantene, sottolineando la necessità della prevenzione di tali patologie.

A compimento di tali innovative disposizioni, l’anno successivo, con la Legge del 13 marzo 1820, verrà emanato lo Statuto Penale per le infrazioni delle leggi e de’ regolamenti sanitari esteso a “tutti i reali domini”. E’ opportuno sottolineare che erano previste per chi contravvenisse pene molto severe,  che poteva arrivare sino alla pena di morte, come ad esempio per la violazione dei cordoni sanitari. Similmente si operava in caso di negligenza nei confronti di coloro che erano preposti al controllo, come le guardie di sorveglianza. Con il Decreto del Novembre 1821 Ferdinando I sanciva anche l’obbligatorietà della vaccinazione contro il vaiolo nel Regno delle due Sicilie, mentre in Italia il tema delle vaccinazioni è ostaggio della classe politica e non già appannaggio dell’autorità sanitaria.

Anche le altre norme su riportate sono di grande attualità ed è doveroso constatare che, dopo 200 anni, in Italia, in Europa e nel resto del mondo ancora si discuta di inquinamento atmosferico. Eppure l’enorme sviluppo delle odierne conoscenze permetterebbe la soluzione del problema: le leggi nazionali non mancano, ma alcune grandi potenze bloccano i necessari accordi internazionali.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Anna Puccio
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base

    • Via Vincenzo Ponsati 69 - Volvera
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Federica Filigheddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base

    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Flavio Della Croce
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Psicoterapeuti, Medici di Base

    • Via Sacconi 1 - Borgonovo Val Tidone
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Irene Pistis
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via della Reoubblica 461/3 - Vergato
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Lorenzo Cerreoni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Macero Sauli 52 - Forlì
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Adenoide

Le adenoidi sono masse di tessuto linfatico che aiutano il corpo a combattere le infezioni. Le adenoidi si trovano nella faringe, appena dietro al naso; insieme alle tonsille, rappresentano la

Stimolazione cerebrale profonda

La stimolazione cerebrale profonda (Deep brain Stimulation, DBS) è una metodica neurochirurgica che prevede l’impianto nel cervello di elettrodi che, opportunamente posizionati e attivati da un generatore di impulsi inserito

Celiachia

La celiachia è una malattia autoimmune che può verificarsi in persone geneticamente predisposte, nelle quali l’ingestione di glutine comporta danni all’intestino tenue. Si stima che colpisca una persona su cento

Infezione da Coronavirus

In realtà il Coronavirus appartiene ad una tipologia di virus in grado di causare malattie varie dal semplice raffreddore alla sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e la sindrome respiratoria mediorientale

Cefalea

La cefalea, il cosiddetto “mal di testa”, è probabilmente la forma più comune di dolore. Si tratta di un dolore cronico o ricorrente che interessa varie strutture del capo, come

Angioma

Gli angiomi, detti anche “emangiomi”, sono malformazioni vascolari di tipo benigno che coinvolgono i capillari arteriosi o venosi e possono interessare ogni punto del corpo, ma tendono a comparire più

Epatite E

L’epatite E è un’infiammazione del fegato poco comune nei Paesi occidentali, determinata da 4 possibili varianti dell’Hepatitis E virus (HEV), entrato accidentalmente nell’organismo attraverso alimenti o bevande contaminate. Nella maggioranza

Candidiasi

La candida Albicans e le altre specie relative possono determinare diversi tipi di infezioni. Le candidiasi cutanee includono la condizione di pelle erosa tra le dita dei piedi, le balanini

Maculopatia degenerativa

La maculopatia degenerativa è una patologia irreversibile che colpisce la macula, la parte centrale della retina. Ne risulta una perdita progressiva della capacità visiva. Esistono due forme distinte di maculopatia:

Otiti

Le otiti sono processi infiammatori che possono colpire diverse parti dell’orecchio. Le due forme più diffuse sono l’otite esterna, che interessa il padiglione auricolare e la prima porzione del condotto
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile