ARTICOLI CORRELATI

L’alimentazione in età evolutiva

Durante i primi anni di vita è il pediatra a seguire l’alimentazione del bambini. Per i ragazzi dai 6 ai 12 anni una corretta alimentazione è molto importante, per garantire

Saper staccare la spina dal lavoro durante le vacanze

È importante ricordare che il relax e la cura di sé non sono solo lussi: sono essenziali per evitare conseguenze negative, come disturbi, malesseri o lo scivolamento in una condizione particolare qual è quella che è stata definita di burn-out.

Ma i frullati sono sempre salutari?

Freddo, vellutato, profumato e gustoso viene bevuto tutto d’un sorso per spegnere il fuoco della sete, ma anche per darci tanta energia rinnovata.


Mangiare bene, un’arma anche contro la depressione?

Un esaustivo articolo pubblicato nella rivista di The Lancet, EbioMedicine, analizza le attuali conoscenze sulla relazione tra alimentazione ed alcuni disturbi psichiatrici, in particolare la depressione. Quali sono i messaggi

Il dolce far niente: la stagione dell’ozio

Le ferie, le vacanze, il tempo libero, diventate possibilità per tutte o quasi) le classi sociali, sono solo un altro spazio da riempire, da occupare in base ad un nuovo imperativo categorico che, a seconda delle situazioni o delle fasce d’età, può essere "devi divertirti", "devi rilassarti", "devi visitare e conoscere".

Cibi e bevande che si consiglia di evitare nei disturbi di ansia e depressione

Una nutrizione inadeguata?

Il trattamento dei vari disturbi causati da Ansia e da Depressione, oltre alle cure specialistiche, richiede al paziente un’attenzione costante alla propria dieta, cercando di evitare alcuni cibi e bevande non consigliabili nei casi  di ansia e depressione.

Anche se non è imputabile ad un certo alimento una nocività cosi diretta e pronunciata, in un’ottica di dieta giornaliera alcuni alimenti possono “concorrere” ad un incremento dei disturbi collegabili a queste patologie.

Sono tanti gli alimenti sconsigliabili e molte le rinunce da fare?

Più che rinunce vanno fatte delle scelte, delle selezioni di alimenti e bevande non potenzialmente dannosi se si accusa un problema di ansia o di depressione.
Gli zuccheri, ad esempio, molto diffusi perfino in alimenti come la frutta. Meglio mangiare la frutta che bere i succhi, spesso addizionati di tanti zuccheri.
La farina bianca raffinata, spesso presente in tanti alimenti della ristorazione, viene trasformata in zuccheri, in grado di fornire forti spinte energetiche, seguite da cali di energia, situazione non ideale nei trattamenti contro l’ansia e la depressione. Quindi meglio sceglier il pane integrale come alimento.

Evitare quegli alimenti preconfezionati o inscatolati, spesso addizionati di sale, zucchero, o fruttosio, oppure venduti come “alimenti privi di zucchero” ma addizionati da dolcificanti artiginali.
Molto meglio prestare attenzione agli ingredienti indicati in etichetta. Meglio un condimento fatto in casa con ingredienti di qualità che quello preparato a livello industriale.

Una dieta che aiuti ad evitare il ripetersi di sintomi deve orientarsi il più possibile verso alimenti naturali, evitando del tutto condimenti come quelli conservati, cibi fritti, quelli grassi, a base di salumi o carni rosse, “quelli con oli parzialmente idrogenati”, tutti cibi direttamente collegabili ad un incremento dei sintomi di ansia e depressione.

Ed altri ancora come il Ketchup, che può contenere tanto zucchero aggiunto ai pomodori, come i dolci in generale, e soprattutto quelli a base di glassa, una vera concentrazione di zuccheri dannosi.

Vi sono poi le due bevande più diffuse e potenzialmente più direttamente collegabili ad un aumento dei sintomi da ansia e depressione: il caffè e l’alcol.

Il caffè può causare un aumento del nervosismo ed una perdita di sonno in pazienti sotto trattamento medico.
Meglio dunque farne a meno o sostituirlo con il decaffeinato.
L’alcol, ancor di più, è la bevanda meno indicata in questi tipi di patologie, in quanto in grado di influenzare il comportamento, agendo sul sistema nervoso e sull’umore.
La scelta migliore sarebbe quella di eliminarlo del tutto dalla dieta di quanto interessati dai sintomi dell’ansia o della depressione, ma va almeno limitato ad una piccola dose giornaliera, o meglio se occasionale, adottando questo comportamento come proprio stile di vita.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Panico
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Dermatologi, Medici di Base

    • Viale Prassilla 41 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Antonio Varriale
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Dentisti, Medici di Base

    • Via Grotta dell Olmo 20 - Giugliano in Campania
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa OLGA PETROVSKAIA
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Terapisti del Dolore, Medici di Base, Terapeuta

    • Via Giulio Romano 3 - Valle Martella
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Federica Filigheddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base

    telefono
  • Foto del profilo di Studio Medico San Pellegrino
    attivo 3 anni, 5 mesi fa

    Medici dello Sport, Medici di Base

    Fai passa parola!

    Consiglia questo special

    doctor ad un amico

    messaggio telefono visita a
    domicilio
    video
    consulenza
    WhatsApp conferenze
    e webinar

PATOLOGIE CORRELATE

Declino cognitivo lieve

Il declino cognitivo lieve (Mild cognitive imparment, MDI) è una forma di decadimento delle prestazioni intellettive e delle capacità di memorizzazione e organizzazione delle attività intermedia tra il fisiologico calo

Sincope

Con il termine sincope ci si riferisce a un episodio di svenimento, ossia a un’improvvisa perdita dei sensi, che può interessare persone di qualunque età e che può essere indotta

Aneurisma cerebrale

Un aneurisma cerebrale è una malformazione vascolare che si presenta come una piccola sporgenza o protuberanza sferica lungo la parete di un’arteria presente nel cervello. La sua presenza è rischiosa

Neuroma di Morton

Il neuroma di Morton consiste nella formazione di un ispessimento del tessuto che circonda un tratto di nervo presente nella pianta del piede, in corrispondenza della zona d’appoggio anteriore (avampiede),

Anoressia

L’anoressia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare che induce chi ne soffre a privarsi volontariamente del cibo o ad assumerne quantità estremamente limitate e non compatibili con le richieste

Ictus emorragico

Secondo la definizione ufficiale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’ictus corrisponde a un’«improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit locale e/o globale delle funzioni cerebrali, di durata superiore

Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per la modalità con la quale si manifestano gli attacchi, che si concentrano appunto “a
L'anorgasmia

Anorgasmia

L’anorgasmia è la sindrome con la quale si indica la difficoltà ad avere orgasmi anche dopo una normale stimolazione sessuale. L’intensità e la frequenza di orgasmi nelle donne sono variabili

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno

Le apnee ostruttive del sonno sono il tipo più diffuso di apnee del sonno: una categoria di disturbi accomunati dal verificarsi di ripetute interruzioni della normale respirazione mentre si dorme,

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile