ARTICOLI CORRELATI

Un turno di lavoro notturno?

Un turno di lavoro notturno?

Non è responsabile il lavoro notturno in quanto tale  ma i turni che si susseguono che vanno a modificare l’equilibrio dell’orologio biologico. La stanchezza può essere il segnale diretto dell’insofferenza

Quali sono le cause della cistite?

Le cause della cistite (motivi per cui la vescica si infiamma), sono molteplici. Noi parleremo solo delle cistiti da cause infettive e, specificamente, delle cistiti batteriche, le più frequenti e le più

Cheratite: sintomi, cause e cura

La cheratite è un’infiammazione della cornea, quella delicatissima e preziosa membrana trasparente che riveste e protegge la parte anteriore del nostro occhio. Da cosa è causata la cheratite? Ci sono

Tonsillite: come curarla

Con tonsillite acuta si intende comunemente l’infiammazione delle tonsille palatine, ovvero del tessuto linfatico di forma ovoidale visibile in orofaringe, lateralmente all’ugola. Le tonsille palatine hanno nella prima infanzia un

Ascesso dentale: cura e rimedi

Ti sei accorto di avere un ascesso dentale? In questo articolo scoprirai di cosa si tratta nello specifico, quali sono le cause di questo problema e quali rimedi puoi usare per

Discipline sportive e rischio di lussazione della spalla

L’articolazione della spalla è un meccanismo in grado di assicurare movimenti in più direzioni, ma proprio per la versatilità della struttura in escursione e mobilità la spalla presenta anche un aspetto di fragilità, essendo esposta ad un continuo rischio di subire traumi o di lussarsi.

Alla scoperta della Mindfulness: una pratica per star bene con se stessi

o-MORNING-MINDFULNESS-PRACTICE-facebook

Il concetto di Mindfulness è volto ad identificare una serie di pratiche utili a riscoprire ed aumentare la consapevolezza del proprio vissuto e delle proprie sensazioni, sia fisiche che mentali, con lo scopo di ridurre lo stress psico-fisico, relazionale ed emotivo della nostra esistenza. L’idea che sta alla base della metodologia Mindfulness è quella di approcciarsi alla vita, alle proprie sensazioni, percezioni e ai propri pensieri senza alcun giudizio, ma con un atteggiamento pacato e gentile.

Il metodo MBSR ( Mindfulness Based Stress Reduction) nasce sulla fine degli anni ’70 presso l’Università del Massachusetts, dalla mente e dall’esperienza di Jon Kabat-Zinn. Le pratiche di allenamento, fisico e mentale, proposte da Kabat-Zinn risultarono fin da subito efficaci contro il dolore cronico, l’ansia, la depressione, le malattie psico-somatiche e persino i disturbi alimentari. Il programma MBSR prevede un ciclo di allenamenti lungo 8 settimane che racchiude diverse attività, al fine di aumentare e raggiungere la piena consapevolezza del proprio corpo e della propria mente per il proprio benessere psico-fisico.

Le varie attività sono altamente partecipative, supportive e sono strutturate secondo la guida di un conduttore, alcune delle quali svolte in gruppo con specifici esercizi di comunicazione. I “Mindfulness Tools“, nome col quale si indicano le giornate di formazione residenziale che permettono ai partecipanti di avvicinarsi alla pratica del metodo MBSR, sono molteplici e di varia natura. Molto importanti sono quelli sulla meditazione, volta inizialmente all’attenzione sul proprio respiro fino a giungere alle sensazioni che provengono da ogni parte del nostro corpo e della nostra mente, ma anche quelli di Yoga, gli esercizi sulla camminata e persino quelli rivolti alla consapevolezza nel mangiare. Andremo, nel corso dei vari articoli sul nostro portale, ad esaminarli dettagliatamente uno per uno.

Esercizi di meditazione

L’esercizio di meditazione deve essere svolto per circa 20-30 minuti per almeno una o due volte al giorno. Bisogna sedersi in una posizione comoda e restare quanto più fermi possibile con la schiena eretta e la testa dritta, e concentrarsi su questi punti:

  1. Siate consapevoli dell’inspirazione e dell’espirazione
  2. Siate consapevoli di ogni sensazione nelle diverse parti del corpo
  3. Siate consapevoli del corpo nella sua interezza
  4. Ascoltate il silenzio e i suoni
  5. Osservate i pensieri e le emozioni mentre entrano ed escono dalla vostra consapevolezza, senza lasciarvi però distrarre dai loro contenuti
  6. Quando vi accorgete che la vostra menta sta vagando tra vari pensieri e sensazioni, riportatela gentilmente ad essere attenta al momento presente

Alla base di questa fase di meditazione ci deve essere un atteggiamento non giudicante nei confronti della vita, nel senso che non bisogna permettere che la mente vaghi da sola verso le cose che le piacciono, evitando quelle che le procurano dolore. La meditazione è una consapevolezza senza sforzo della totalità della vita, di ogni singolo aspetto, rappresenta la concentrazione sul presente che si sta vivendo. Eseguendo questo esercizio con costanza e attenzione almeno una volta al giorno si riesce a rafforzare il nostro senso di equilibrio, riuscendo a controbattere ai turbamenti emotivi e alle sensazioni positive/negative della nostra vita, e ad approcciarci alle nostre attività quotidiane e alle relazioni con gli altri in modo rilassato ed equilibrato.

Mangiare con consapevolezza

Un altro ambito in cui si esercita la pratica della Mindfulness riguarda, come già anticipato, il campo dell’alimentazione. Questo è uno dei settori in cui l’approccio Mindfulness assume un’importanza fondamentale per il benessere psico-fisico dell’individuo. L’approccio Mindfulness applicato al campo dell’alimentazione implica mangiare con maggiore consapevolezza e in qualche modo più lentamente rispetto al solito. Come esperimento, per iniziare, si può provare a consumare almeno un pasto a settimana in assoluto silenzio, concentrandosi essenzialmente sull’atto del puro e semplice mangiare. Molto importante inoltre sarebbe mangiare con il televisore spento e senza prestare attenzione a smartphone e altre fonti di distrazioni (radio, libri…). Questi comportamenti contribuirianno a  rendervi più sensibili al modo di mangiare e, cosa ancora più importante, vi faranno porre l’attenzione su cosa effettivamente scegliete di mangiare. Ovviamente occorre che prestiate attenzione non solo a quello che decidete di mangiare ma anche alle persone che prenderanno parte al pasto insieme a voi, e all’ambiente che vi circonda.

In questa ottica appare di grande aiuto porsi degli interrogativi prima di consumare il pasto, per cercare di comprendere quali siano i motivi che ci spingono a nutrirci in quel preciso istante. Ad esempio:

  • Sto mangiando per nutrire il mio corpo e mantenerlo correttamente in salute?
  • Sto mangiando per soddisfare il desiderio di sensazioni gradevoli?
  • Sono consapevole da dove proviene il cibo che sto mangiando?
  • Si tratta di un alimento naturale o è trattato con conservanti ed altre sostanze novice all’organismo?

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Monica Gamba
    attivo 3 anni, 11 mesi fa

    Medici Estetici, Chirurghi Plastici, Medici di Base

    • Viale Radich 21/N - Grugliasco
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Maria Grazia Caruana
    attivo 3 anni, 11 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Viale Prassilla 41 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Carmela Tizziani
    attivo 3 anni, 11 mesi fa

    Medico Legale, Medico Certificatore, Medici di Base

    • Via Gaetano Bruno 25 - Napoli
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Sandro Morganti
    attivo 3 anni, 11 mesi fa

    Ortopedici, Medici di Base, Osteopati

    • Via Foligno 6 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giovanni Arrichiello
    attivo 3 anni, 11 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base

    • Corso Regina Margherita 260 - Torino
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Ictus emorragico

Secondo la definizione ufficiale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’ictus corrisponde a un’«improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit locale e/o globale delle funzioni cerebrali, di durata superiore

Malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer è la più comune e severa patologia degenerativa del cervello, caratterizzata da un progressivo decadimento delle funzioni cognitive (in particolare, della memoria e del linguaggio), associato

Mal di testa

Il mal di testa o cefalea, occasionale o ricorrente, è uno dei disturbi più diffusi tra persone di ogni età e di ogni parte del mondo, che, a seconda della

Disturbo da stress post-traumatico

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è un disturbo psichiatrico che può insorgere a qualunque età in persone che hanno vissuto o hanno assistito a un evento traumatico che abbia

Tumori cerebrali

I tumori cerebrali sono tumori rari che possono essere di tipo primitivo, ossia originare nel cervello, oppure formarsi come metastasi secondarie di neoplasie a carico di altri organi, come il

Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è un disturbo psichiatrico caratterizzato da pensieri ricorrenti, accompagnati da paure e preoccupazioni del tutto irrazionali e immotivate, che portano chi ne soffre a ripetere continuamente,

Malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson è una patologia neurodegenerativa del sistema nervoso centrale legata all’invecchiamento, che colpisce circa il 2,5% delle persone con più di 70 anni e che si caratterizza

Crisi emotiva

Nell’uso corrente la parola “crisi” ha un significato drammatico, ossia il passaggio da una condizione di stabilità ad una variabilità degli equilibri precedentemente assunti, ritenendo l’omeostasi quale unico referente di

Depressione maggiore

La depressione maggiore (o “disturbo depressivo maggiore”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”), è un disturbo dell’umore che si contraddistingue per la presenza di

Attacco di panico

Cosa si intende per attacco di panico? Si intende come la manifestazione improvvisa di una forte paura accompagnata da un’altrettanto intensa sintomatologia fisica pur in assenza di un reale pericolo
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile