Prendi in mano la tua salute

Prendi in mano la tua salute

Prendi in mano la tua salute

ARTICOLI CORRELATI

Solitudine nemica del benessere psicofisico

A qualcuno piace stare solo: per rilassarsi, riflettere senza distrazioni, ricaricare le energie mentali, mettere ordine tra i pensieri, avere la massima libertà di scegliere che cosa fare e quando.

Coma: cosa fare?

Il coma è la condizione morbosa caratterizzata da perdita di coscienza con ridotta o assente reattività agli stimoli sensoriali e conservazione delle funzioni vegetative. Si distinguono 4 livelli di coma:

Ansia: cause, sintomi e cure

L’ansia o, più precisamente, il “disturbo d’ansia generalizzata” come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali, è una malattia psichiatrica caratterizzata da: preoccupazione e ansia intense e persistenti non

Le statine rendono irritabili?

Se ci si sente insolitamente arrabbiati potrebbe trattarsi di un effetto collaterale dei farmaci anticolesterolo, o di un segno clinico di una di queste condizioni.

Aneurisma cerebrale: cos’è?

L’aneurisma cerebrale è una protuberanza permanente, cioè una dilatazione focale di un vaso arterioso del cervello in corrispondenza della quale la parete si tende, assottigliandosi e formando una bolla. Può sfociare nella

Crisi emotiva

Crisi emotiva

Nell’uso corrente la parola “crisi” ha un significato drammatico, ossia il passaggio da una condizione di stabilità ad una variabilità degli equilibri precedentemente assunti, ritenendo l’omeostasi quale unico referente di normalità.
La maggiore difficoltà sta nel cogliere gli aspetti funzionali e sani, che si nascondono dietro la maschera del cambiamento e della negatività.
La crisi emotiva, psichica o sociale può essere brevemente riassunta come una reazione ad eventi esterni in cui l’individuo si percepisce incapace di affrontare tali evenienze utilizzando pregressi schemi concettuali, meccanismi adattivi, o far ricorso a precedenti esperienze.
La crisi può essere indotta da numerosi fattori (un evento traumatico, un lutto, la perdita o il cambiamento del lavoro, la fine di una relazione affettiva, la diagnosi di una malattia), o anche da avvenimenti considerati gioiosi (un matrimonio, la nascita di un figlio, una promozione).

Rappresenta sempre un momento di transizione vissuto drammaticamente dalla persona o dalle persone a lui vicine.

Essa necessita di una buona comunicazione, di un idoneo spazio di ascolto. L’operatore deve considerare gli elementi soggettivi che hanno causato la crisi. Deve dedicare tempo ed attenzione ad una corretta analisi della domanda: chi chiede, che cosa chiede, perché adesso, che storia c’è alle spalle.
La richiesta di aiuto è generalmente centrata sul sintomo, ma il sintomo deve essere compreso e collocato all’interno della storia del paziente.
La sola prescrizione di un farmaco, infatti, potrebbe accrescere il disagio.
Nella pratica clinica risultano particolarmente frequenti i disturbi dello spettro ansioso-depressivo, i disturbi dell’adattamento, le crisi emozionali più strettamente reattive a traumi o situazioni stressanti, le forme di somatizzazione.
In molte circostanze si tratta di singoli episodi di disagio, altre volte di condizioni strutturate e profondamente radicate nella storia del soggetto.
L’ansia esprime un vissuto di allarme, che può raggiungere toni elevati e si esprime con uno stato di marcate manifestazioni psicofisiologiche, con l’espressione di sintomi da attivazione vegetativa (palpitazioni, sudorazione, disturbi toracici ed addominali, difficoltà di respiro, nausea ), sintomi psichici (vertigini, sensazione che gli oggetti non siano reali, depersonalizzazione, paura di perdere il controllo, paura di morire), sintomi di tensione.

La depressione si manifesta con un abbassamento del tono dell’umore e la perdita della capacità di provare interesse o piacere, accanto a disturbi del sonno o dell’appetito, senso di affaticamento, scarsa concentrazione, fino ad arrivare ad idee o atti suicidari
La crisi depressiva deve essere affrontata con strumenti farmacologici e psicoterapeutici. Una forma particolare di sintomatologia depressiva è data dall’ipocondria, una persistente preoccupazione di poter avere una o più malattie gravi.
Negli adolescenti si presenta il disturbo del dismorfismo corporeo, preoccupazione eccessiva di un supposto difetto fisico.
In tutti questi casi i sintomi esprimono una sofferenza a livelli più profondi, che necessitano di un ascolto attento ed empatico.

Per disturbi dell’adattamento ci si riferisce ai quadri clinici che insorgono in risposta agli eventi della vita nel tentativo da parte dell’individuo di attuare una strategia di difesa.
Le manifestazioni cliniche sono caratterizzate da una condizione di iperattivazione emozionale con rievocazione spiacevole dell’evento traumatico. Il più delle volte la crisi emotiva si risolve grazie ai meccanismi di difesa fisiologici, di cui ogni soggetto è dotato. Può però evolvere in un disturbo più consistente che necessita quindi di interventi specifici.

Per somatizzaione si intende un’espressione del diario psichico attraverso sintomi fisici, in assenza di una patologia organica conclamata. E’ come se il soggetto scegliesse inconsapevolmente di comunicare il proprio disagio esistenziale e i propri conflitti attraverso il linguaggio corporeo.
Questo tipo di pazienti ha una povertà di linguaggio emozionale, scarse capacità fantasmatiche ed una sostanziale difficoltà a riconoscere le proprie emozioni.
La natura psicologica di questi disturbi deve essere seriamente considerata per evitare una cronicizzazione che potrebbe compromettere la qualità di vita dei pazienti.
Infine si può considerare una crisi emotiva uno stile di vita disfunzionale che comprometta il benessere della persona.
Questo fenomeno può essere ricondotto alla presenza di un nucleo depressivo mascherato, ad una situazione di malessere interiore non riconosciuto o di cui non si ha consapevolezza.

A cura di Ferdinando Pellegrino, psichiatra e psicoterapeuta.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Panico
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Dermatologi, Medici di Base

    • Viale Prassilla 41 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Domenico Napolitano
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Ginecologi, Medici di Base, Medici Estetici

    • Viale Orazio Flacco 5 - Bari
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Antonio Varriale
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Medici Estetici, Dentisti, Medici di Base

    • Via Grotta dell Olmo 20 - Giugliano in Campania
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Squillante Gianni Erminio
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Agopuntori, Medicina Omeopatica, Medici di Base

    • Via Monterotondo 14 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Cinzia Maria Zurra
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Medici di Base, Medici Estetici, Nutrizionisti

    • Viale Rimembranze 5 - Triuggio
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Anoressia

L’anoressia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare che induce chi ne soffre a privarsi volontariamente del cibo o ad assumerne quantità estremamente limitate e non compatibili con le richieste

Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per la modalità con la quale si manifestano gli attacchi, che si concentrano appunto “a

Aneurisma cerebrale

Un aneurisma cerebrale è una malformazione vascolare che si presenta come una piccola sporgenza o protuberanza sferica lungo la parete di un’arteria presente nel cervello. La sua presenza è rischiosa

Disturbo da alimentazione incontrollata

Il disturbo da alimentazione incontrollata è un disturbo del comportamento alimentare che si caratterizza per l’incapacità nel controllare l’assunzione di cibo, che si traduce nel ripetersi più o meno frequente

Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è un disturbo cronico caratterizzato dall’insorgenza di una sensazione di generico disagio alle gambe, che si manifesta quando le gambe sono tenute ferme anche

Crisi emotiva

Nell’uso corrente la parola “crisi” ha un significato drammatico, ossia il passaggio da una condizione di stabilità ad una variabilità degli equilibri precedentemente assunti, ritenendo l’omeostasi quale unico referente di

Demenza vascolare senile

La demenza vascolare senile corrisponde a un processo di declino cognitivo che va al di là della fisiologica riduzione delle capacità intellettive associata all’invecchiamento. Nella maggioranza dei casi, la demenza

Svenimento

Lo svenimento è un termine semplice di uso comune che viene utilizzato per descrivere una perdita di coscienza che può verificarsi in un qualunque momento della vita per innumerevoli ragioni,

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei

Sincope

Con il termine sincope ci si riferisce a un episodio di svenimento, ossia a un’improvvisa perdita dei sensi, che può interessare persone di qualunque età e che può essere indotta
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile