ARTICOLI CORRELATI

Vivo dentro di me

Questo autoritratto di Lucian Freud è frutto, come egli stesso dichiarò, dello “strano processo di osservare se stesso”.

Anuria – Oliguria

L’anuria è la mancata produzione di urine da parte del rene. L’oliguria, invece, è la produzione di una quantità di urine insufficiente a mantenere l’omeostasi. Le cause possono essere pre-renali

Carie dentali: cosa sono?

La carie dentale, ( dal latino caries, «corrosione, putrefazione») è una delle malattie degenerative più diffuse e comuni in ambito odontoiatrico. Si tratta di un processo degenerativo che danneggia i tessuti duri del dente (smalto
Il prurito psicosomatico

Il prurito psicosomatico

Il prurito a volte può essere di natura psicosomatica, provocato da forti stati di ansia o di stress. Il prurito psicosomatico si localizza in un punto specifico del corpo, non

Cosa fare in caso di frattura

La radiografia è l’unico modo per sapere se un osso è fratturato. Se si hanno dubbi è necessario trattare il paziente come se avesse un osso fratturato. Trattare il paziente

Disturbi polmonari: la pleurite

La pleurite virale è un’infezione virale della pleura (la membrana sottile, trasparente, a due strati che ricopre i polmoni), che, in genere, causa dolore toracico alla respirazione o con la

Retinopatia diabetica: cosa c’è da sapere

Nella fase iniziale della retinopatia diabetica possono non esserci sintomi. E’ molto importante non aspettare di vedere meno per farsi visitare. Rapidi cambiamenti dei valori glicemici, anche in assenza di una

Lesioni oculari

Le lesioni oculari sono gravi, in quanto possono portare alla perdita della vista o ad un’infezione. È, quindi, importante chiedere la consulenza di un’oculista. Lesioni penetranti Molte lesioni penetranti sono

Gravidanza da non medicalizzare: le raccomandazioni dei ginecologi-ostetrici

tim-bish-WbC9XIlQb4k-unsplash

In un’epoca in cui l’infertilità di coppia è sempre più diffusa e dove le gravidanze, spesso tardive, vengono accolte quasi come un fatto eccezionale, anziché come una funzione fisiologica che la maggioranza delle donne è in grado di affrontare senza problemi, è abbastanza frequente che tutto ciò che riguarda il concepimento, la gestazione e il parto riceva un’attenzione un po’ eccessiva, da parte sia dei futuri genitori sia dei medici che devono accompagnarli in questo percorso.

Tuttavia, se non sono presenti ragioni cliniche tali da giustificare cautele particolari per garantire il benessere della donna e del bambino, non si dovrebbe eccedere con controlli e interventi medici, se non si vuole rischiare di trasformare un evento naturale come la gravidanza in una “malattia”, togliendo parte del piacere e della serenità che dovrebbero accompagnare l’esperienza della procreazione e della nascita.

Consapevole di questa tendenza alla medicalizzazione e in linea con lo spirito dell’iniziativa “Choosing Wisely Italy – Fare di più non significa fare meglio”, l’Associazione Ostetrici-Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) ha elaborato “5 Raccomandazioni” per supportare un’assistenza ostetrica appropriata, sicura e rispettosa delle donne, soprattutto per quel che concerne il travaglio, il taglio cesareo e il clampaggio del cordone ombelicale. Le raccomandazioni sono state presentate in occasione del Congresso Nazionale di Ginecologia e Ostetricia, tenutosi a Napoli dal 27-30 Ottobre, e prevedono quanto segue.

1) Non clampare (ossia, tagliare e legare) precocemente il cordone ombelicale, ma aspettare almeno un minuto dopo l’espulsione del neonato per favorire il passaggio di sangue dalla placenta, rinforzando le scorte di ferro del neonato e riducendo il rischio di colite necrotizzante, malattia gastrointestinale che può rivelarsi fatale. Il taglio posticipato del cordone ombelicale non aumenta il rischio di emorragia post-partum della donna e riduce la mortalità nei nati molto pretermine (prima della 32a settimana).

2) Non eseguire l’episiotomia di routine per favorire il passaggio del bambino. Secondo i ginecologi dell’AOGOI, l’incisione del perineo nella fase finale del travaglio è una procedura sovrautilizzata e senza vantaggi per la donna, poiché richiede l’applicazione di punti di sutura dolorosi, si associa al rischio di infezione e ostacola la ripresa dei rapporti sessuali dopo il parto. Per queste ragioni, l’episiotomia dovrebbe essere praticata soltanto in presenza di una reale necessità clinica, come per esempio accelerare l’espulsione in caso di sofferenza fetale.

3) Non indurre il travaglio prima della 39a settimana. L’induzione del travaglio comporta la medicalizzazione di un evento del tutto fisiologico e può causare eventi avversi, compresa un’aumentata necessità di ricorrere al parto con taglio cesareo. Per queste ragioni, anche l’induzione del travaglio dovrebbe essere effettuata esclusivamente quando sono presenti condizioni che pregiudicano il proseguimento della gravidanza e/o possono comportare un pericolo per il benessere e la sicurezza del feto o della madre.

4) Non programmare il taglio cesareo di routine in tutte le donne con pregresso taglio cesareo. In contrasto con la tendenza consolidata, i ginecologi dell’AOGOI smentiscono la regola “una volta cesareo sempre cesareo”, in quanto priva di basi scientifiche. Al contrario, i dati disponibili indicano che le donne che hanno partorito in precedenza con taglio cesareo e ammesse al travaglio di parto in occasione di una successiva gravidanza hanno un rischio di mortalità minore rispetto alle donne sottoposte a un secondo taglio cesareo programmato (3 vs 13 su 100mila). Pertanto, la scelta della modalità di parto più opportuna e sicura va valutata a ogni nuova gravidanza.

5) Non obbligare al digiuno né proibire l’assunzione di liquidi alle donne in travaglio. Nelle gravidanze fisiologiche (ossia non associate a patologie o a criticità specifiche), l’assunzione di liquidi non è controindicata e non aumenta il rischio di complicanze in caso di ricorso all’anestesia generale durante il parto. Quindi, non ci sono validi motivi per impedire alla donna di bere.

«Come ricorda l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)», ha sottolineato Elsa Viora, Presidente AOGOI, «la gestazione e il parto sono esperienze che vanno vissute con serenità e, in presenza di una gravidanza fisiologica, vale a dire senza fattori di rischio, vanno medicalizzate il meno possibile. Il travaglio e il parto sono, senza dubbio, circostanze delicate dal punto di vista emotivo, in cui, più di altre, la donna ha bisogno di sentirsi protetta, rassicurata e rispettata. Questo è l’impegno profuso quotidianamente dagli operatori sanitari, medici ginecologi ed ostetriche coinvolti nel percorso nascita e parto, che si fonda sul dialogo, la fiducia e la relazione empatica costruita nel tempo con la donna, necessari per giungere a scelte informate e condivise».

Fonte: Associazione Ostetrici-Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) (www.aogoi.it/notiziario/il-congresso-20192-stop-ai-cesarei-di-routine-nelle-donne-con-pregresso-cesareo-ecco-la-carta-dell-appropriatezza-per-il-parto/)

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Giandomenico Mascheroni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Endocrinologi, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via Petrarca 53 - Carnago
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Gianlorenzo Casani
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Geriatria, Medico Certificatore, Medici di Base

    • Via Costantino Baroni 71/73 - Milano
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Izabella Sylwia Bartosiewicz
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Reumatologi

    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Cinzia Maria Zurra
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Medici Estetici, Nutrizionisti

    • Viale Rimembranze 5 - Triuggio
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Fabio Fabi
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici dello Sport, Internista, Medici di Base

    • Via Sarsina 147 - Roma
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Insufficienza renale

Con insufficienza renale ci si riferisce a una condizione nella quale i reni perdono la capacità di assolvere alla loro fondamentale funzione di filtrazione del sangue, con riassorbimento delle sostanze

Emorroidi

Le emorroidi sono strutture vascolari dell’ano e del retto inferiore, che servono per mantenere la continenza fecale. Se si gonfiano o infiammano diventano patologiche e causano una sindrome nota come

Diverticolite

I diverticoli sono piccole tasche che si possono formare nel rivestimento del sistema digestivo. Di solito si producano più frequentemente nella parte inferiore dell’intestino crasso (colon). I diverticoli sono frequenti,

Varicocele

Il varicocele è una malformazione venosa che deriva dalla perdita di tono ed elasticità delle vene che raccolgono il sangue dal testicolo e lo trasportano verso l’alto, nei grossi vasi

Incontinenza urinaria

L’incontinenza urinaria è una condizione legata a deficit muscolari o neurologici a livello del pavimento pelvico (costituito dai fasci muscolari che chiudono la base dell’addome), che si caratterizza per l’impossibilità

Dispareunia

Si definisce dispareunia un dolore genitale persistente che si verifica nella donna poco tempo prima o durante il rapporto sessuale e talvolta ancora presente a rapporto terminato. Il rapporto doloroso

Amenorrea

Con il termine amenorrea si fa riferimento alla mancata comparsa o all’assenza di flusso mestruale per un periodo di tempo di almeno sei mesi consecutivi. In caso di mestruazioni “diradate”,

Endometriosi

L’endometriosi è una condizione caratterizzata da dolore mestruale intenso, che va al di là dei comuni disagi associati al flusso. Si tratta di una patologia molto diffusa tra le donne

Tumore alla prostata

La prostata è una ghiandola a forma di castagna, del diametro di alcuni centimetri, presente soltanto negli uomini; è posizionata davanti al retto, al di sotto della vescica e circonda

Ipertrofia prostatica benigna

La prostata è una ghiandola a forma di castagna, del diametro di alcuni centimetri, presente soltanto negli uomini; è posizionata davanti al retto, al di sotto della vescica e circonda
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile