ARTICOLI CORRELATI

Epatite A: cosa sapere

L’epatite A è un’infezione epatica contagiosa causata dal virus dell’epatite A, il virus HAV, uno dei virus che causano infiammazione e che possono compromettere le funzioni del fegato. La patologia si

Incontri col Prof.Berrino: il Latte di mucca

Cosa sappiamo davvero su questo antico alimento che ha nutrito per secoli la popolazione mondiale? E’ ancora indispensabile averlo nell’alimentazione dei nostri giorni? Il dottor Berrino ci guida attraverso la

Cos’è la piramide alimentare?

La piramide alimentare è un grafico che invita le persone a seguire alcuni consigli dietetici proposti da un’organizzazione qualificata in materia. Gli alimenti situati al vertice della piramide sono quelli

Dislipidemie: consigli dietetici

Le dislipidemie sono state classificate in base al tipo di particelle lipoproteiche presenti in eccesso nel sangue. Possiamo distinguere iperlipidemie con elevato colesterolo nelle LDL e normale trigliceridemia. La terapia

Uva: le sue molteplici proprietà

Uva: le sue molteplici proprietà Questo frutto, simbolo della stagione autunnale, è un importante antiossidante naturale, con numerosi effetti benefici per l’organismo. La pianta per la produzione dell’uva è la

Cos’è il disturbo alimentare incontrollato?

Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata (traduzione italiana del termine Binge Eating Disorder; BED) si caratterizza per la presenza di crisi bulimiche in assenza di comportamenti di compensazione inappropriati. Il Disturbo

Maggiore è il consumo di bibite zuccherate minore diventa la durata della vita

cans-4163012_1280

L’ipotesi era stata formulata già da molto tempo: le persone che fanno uso di due o più bevande zuccherate al giorno hanno una maggiore probabilità di rischio di morte precoce, se confrontati a quanti ne bevono  meno di una al mese. 

Adesso però la tesi è dimostrata dall’ultimo studio della American Heart Association, il primo a mettere in relazione diretta il consumo di bibite zuccherate con il rischio di morte precoce

Lo studio

Le abitudini di consumo e lo stile di vita di una platea di ben 100.000 americani, uomini e donne, sono state messe sotto osservazione da un team di ricercatori di Harvard.

Dallo studio è emerso che, dove compariva un maggiore consumo di bevande zuccherate si presentava anche un più alto rischio di morte precoce per svariate cause. 

In particolare, rispetto a chi afferma di consumarne meno di una al mese, già consumarne in numero da una a quattro al mese innalza il rischio di morte prematura dell’1%, mentre da due a sei a settimana del 6%, da una a due bevande zuccherate al giorno può portarlo fino al 14%, mentre più di due bibite al giorno fanno salire le probabilità  ben del 21%. 

Le malattie cardiovascolari

Sono le  malattie cardiovascolari la causa più ricorrente di morte precoce correlata al consumo di bevande zuccherate. Più specificamente  bere due o più bibite al giorno significa aumentare il rischio di morte precoce causata da malattie cardiovascolari del 31%, mentre ciascuna singola dose aggiuntiva fa aumentare le probabilità del 10%

Lo studio evidenzia un maggior rischio per le donne donne, rispetto agli uomini. 

Il rischio diabete

Questi risultati sono coerenti con gli effetti avversi noti legati all’elevata assunzione di zuccheri sui fattori di rischio metabolici e con la forte evidenza che bere bevande dolcificate con zuccheri aumenta il rischio di diabete di tipo 2, a sua volta un importante fattore di rischio di morte prematura” ha commentato Walter Willett, tra gli autori della ricerca.

Tali evidenze forniscono inoltre ulteriore supporto alle politiche volte a limitare il marketing di bevande zuccherate rivolto a bambini e adolescenti e all’aumento delle tasse sulla soda”.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Monica Calcagni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Casilina 32 - Arce
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Lorenzo Cerreoni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Macero Sauli 52 - Forlì
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Flavio Della Croce
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Psicoterapeuti, Medici di Base

    • Via Sacconi 1 - Borgonovo Val Tidone
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Carmela Tizziani
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medico Legale, Medico Certificatore, Medici di Base

    • Via Gaetano Bruno 25 - Napoli
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Floriana Di Martino
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Piazza della Rinascita 13 - Pescara
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Epatiti (generale)

Le epatiti sono infiammazioni del fegato che possono avere un livello di severità diverso, da lieve a estremamente grave, ed essere di tipo acuto o cronico, anche in funzione della

Ernia addominale

Un’ernia addominale si verifica quando un viscere o una sua parte fuoriesce dalla cavità addominale dov’è contenuto, per l’indebolimento di una delle pareti muscolari che lo richiudono. La sacca che

Pirosi gastrica

La pirosi gastrica non è altro che il comune “bruciore di stomaco”, che talvolta può presentarsi in modo occasionale ma in altri casi tende a ripetersi fino a cronicizzarsi, con

Ernia iatale

L’ernia iatale si verifica quando la parte superiore dello stomaco si gonfia attraverso il diaframma, il grande muscolo che separa l’addome e il torace. Il diaframma ha una piccola apertura

Ernia inguinale

L’ernia è la fuoriuscita di un viscere dalla cavità che normalmente lo contiene, attraverso un orifizio o un canale anatomico. Nell’ernia inguinale, il peduncolo esce dall’addome attraverso l’orifizio inguinale esterno

Epatite C

L’epatite C è un’infiammazione del fegato, determinata dall’infezione da parte dell’Hepatitis C virus (HCV), di cui esistono 6 varianti, caratterizzate da diversi genotipi, da differente distribuzione epidemiologica e sensibilità ai
Dispepsia

Dispepsia

Dispepsia significa “digestione difficile” ed è il termine medico con cui spesso si indica l’indigestione, che invece ha un’accezione più generica e comprende una moltitudine di disturbi diversi della parte

Gastrite

Gastrite è un termine generale e si riferisce a condizioni diverse che hanno però un elemento comune: l’infiammazione della mucosa gastrica. Spesso, questa infiammazione è il risultato di un’infezione da

Tumore dello stomaco

Il cancro dello stomaco inizia quando le cellule tumorali si formano nel rivestimento interno dello stomaco, per poi crescere in maniera incotrollata. Il carcinoma gastrico è il tumore maligno più

Cirrosi epatica

La cirrosi è una fase tardiva della cicatrizzazione (fibrosi) del fegato causata da molte forme di malattie e condizioni, come l’epatite e l’alcolismo cronico. Il fegato svolge diverse funzioni necessarie,
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile