ARTICOLI CORRELATI

Cranberry Harvest: la raccolta

La raccolta autunnale delle bacche mature nei campi di cranberry è un evento che lascia senza fiato, grazie all’impatto cromatico offerto dalle bacche che affiorano a pelo d’acqua. La raccolta

Inchieste alimentari

La valutazione dell’assunzione di energia e nutrienti di un individuo riveste un ruolo molto importante per valutare lo stato di nutrizione. Assumere degli alimenti è considerata una forma di “comportamento”,

I cibi grassi che fanno bene

Come componenti di una dieta salutare vi sono alcuni cibi grassi che fanno bene. Aiutano a mantenere notevolmente in salute cervello, cuore e pelle.

Pirosi gastrica: come curarla

Il bruciore di stomaco (pirosi gastrica) una condizione medica che può essere molto fastidiosa e invalidante, la sensazione alla base del disturbo è di solito un bruciore percepito il più delle volte alla base dello

La pasta, nutrimento prezioso

Sempre più ricerche avvalorano il ruolo della pasta all’interno di una dieta equilibrata sia per i bambini che per gli adulti.

Obesità: l’Ocse ne quantifica i costi, molto pesanti anche per l’Italia

obesità
Le malattie legate all’obesità causeranno più di 90 milioni di vittime nei paesi dell’Ocse nei prossimi trent’anni, con un’aspettativa di vita ridotta di quasi tre anni; anche dal punto di vista economico, le conseguenze saranno rilevanti, con una riduzione del Pil del 3,3% e con circa 360 dollari medi all’anno che graveranno sui bilanci di ciascun cittadino. Le cifre sono state fornite dall’Ocse stessa, in un rapporto che delinea un panorama molto preoccupante anche per l’Italia.
Anche se la prevalenza dell’obesità nel nostro Paese è inferiore rispetto alla maggior parte di quelli aderenti all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, il suo impatto è notevole. Gli italiani vivono mediamente 2,7 anni in meno a causa del sovrappeso, che è responsabile del 9,0% della spesa sanitaria, al di sopra della media degli altri Paesi. Se riuscissimo a cambiare il nostro regime alimentare, con una riduzione del 20% dell’assunzione di zucchero, sale, calorie e grassi saturi, potremmo prevenire 688 mila malattie non trasmissibili entro il 2050, risparmiare 278 milioni di euro all’anno in costi sanitari e aumentare l’occupazione e la produttività di un’entità corrispondente all’equivalente di 18 mila lavoratori a tempo pieno.
L’Ocse sollecita le autorità a intraprendere azioni di sanità pubblica per promuovere stili di vita più sani, che hanno un impatto positivo sulla popolazione e sono un ottimo investimento: in media, per ogni euro investito, ne vengono restituiti fino a sei in benefici economici. E, per l’Italia, è particolarmente importante volgere lo sguardo al futuro e pensare in termini di prevenzione, dato che siamo ormai il quattro Paese al mondo per obesità infantile, dimostrazione evidente del progressivo diffondersi di abitudini e stili di vita poco salutari.
« I bambini – dichiarano gli esperti dell’Ocse – pagano un prezzo elevato per l’obesità: vanno meno bene a scuola e, quando crescono, hanno meno probabilità di completare l’istruzione superiore; mostrano anche una minore soddisfazione per la vita e sono tre volte più spesso vittima di bullismo, il che a sua volta può contribuire a ridurre le prestazioni scolastiche».
Frequentemente, inoltre, la condizione di obesità o sovrappeso dei bambini si manterrà anche nell’età adulta, con un rischio maggiore di malattie croniche, come il diabete, e una ridotta aspettativa di vita. Nell’Unione europea, le donne e gli uomini con il reddito più basso hanno rispettivamente il 90% e il 50% in più di probabilità di essere obesi, rispetto a quelli con i redditi più alti, rafforzando le disuguaglianze. Nell’accesso al lavoro, gli individui con almeno una malattia cronica associata al sovrappeso risultano penalizzati e, quando un lavoro ce l’hanno, risultano più spesso assenti e sono meno produttivi.
Fonte:
OECD. The Heavy Burden of Obesity. The Economics of Prevention. Published on October 10, 2019

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Federica Filigheddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base

    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Lucia Catalano
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Senologi, Medici di Base

    • Via Belluno 1 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Flavio Della Croce
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Psicoterapeuti, Medici di Base

    • Via Sacconi 1 - Borgonovo Val Tidone
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Emanuela Costantino
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    • Via Gallinara 2/B - Cagliari
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Gianlorenzo Casani
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Geriatria, Medico Certificatore, Medici di Base

    • Via Costantino Baroni 71/73 - Milano
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Morbo di Basedow

Il morbo di Basedow, noto anche come morbo di Basedow-Graves, è una malattia autoimmune che colpisce la tiroide e determina la comparsa dei sintomi tipici dell’ipertiroidismo, oftalmopatia/esoftalmo e dermopatia. Il

Tumore dell’ipofisi

I tumori dell’ipofisi (o ghiandola pituitaria) sono un gruppo di neoplasie prevalentemente benigne che interessano una piccola struttura posta al centro del cervello, posteriormente alla radice del naso, che ha

Gozzo

Il gozzo corrisponde alla tumefazione più o meno voluminosa e sporgente che compare nella parte anteriore centrale del collo principalmente in persone che si trovano per periodi prolungati in condizioni

Sindrome metabolica

La sindrome metabolica non è propriamente una malattia, ma una condizione complessa definita dalla simultanea presenza di noti fattori di rischio cardiovascolare quali obesità (soprattutto di tipo “centrale”, ossia a

Sovrappeso e obesità

Lungi dall’essere un mero problema estetico, sovrappeso e obesità rappresentano un fattore di rischio accertato per lo sviluppo di numero patologie metaboliche (prima tra tutte il diabete), cardiovascolari acute (come

Diabete e sindromi ipoglicemiche

Il diabete o, più precisamente, “diabete mellito” è una malattia metabolica complessa in cui si riscontra un aumento dei livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia) conseguente a un’insufficiente produzione di

Morbo di Cushing

Il “morbo” o “sindrome di Cushing”, talvolta indicata come “ipercortisolismo”, è una condizione caratterizzata da un insieme variabile di sintomi caratteristici indotti dall’esposizione dell’organismo a eccessivi livelli di glucocorticoidi e,

Iperprolattinemia

L’iperprolattinemia corrisponde a una condizione determinata dalla produzione eccessiva dell’ormone prolattina da parte dell’ipofisi (piccola ghiandola neuroendocrina presente al centro del cervello che media la comunicazione tra l’ipotalamo e il

Menopausa

La menopausa è un evento fisiologico che riguarda tutte le donne nella fascia d’età che va dai 46 ai 53 anni e corrisponde al graduale venir meno della funzionalità ovarica

Dispareunia

Si definisce dispareunia un dolore genitale persistente che si verifica nella donna poco tempo prima o durante il rapporto sessuale e talvolta ancora presente a rapporto terminato. Il rapporto doloroso
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile