ARTICOLI CORRELATI

Allergia alle proteine del latte vaccino

Si tratta di una reazione avversa alle proteine del latte in soggetti ipersensibili. Se non è riconosciuto un meccanismo imunologico si parlerà di intolleranza. È necessario sospendere immediatamente la somministrazione

Bilancia bloccata? Ecco alcuni errori da evitare

Quanti errori si commettono quando si decide di seguire una dieta e perdere peso! Ma quali sono in particolare quelli che bloccano la bilancia e sono responsabili di non far buttare giù quei chili di troppo che compromettono forma fisica e salute?

Coltivazione e produzione intensiva del Cranberry

Habitat L’arbusto di cranberry in origine cresceva nei suoli sabbiosi e nelle paludi dell’America settentrionale. Oggi, come ben sappiamo è diffuso e coltivato in molti stati dell’unione per scopi alimentari.

Diarrea: quali sono le cause

La diarrea è un’anomala evacuazione di feci che presentano un incremento del volume, della fluidità e della frequenza di emissione. Le feci troppo liquide si creano a causa di una eccessiva peristalsi intestinale che

La colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una IBD cronica in cui l’intestino crasso (colon) diventa infiammato e ulcerato (fissurato o eroso), con riacutizzazioni (crisi o attacchi) di diarrea emorragica, crampi addominali e

Sembra, dai dati forniti da un’ultima ricerca, che i dolcificanti non facciano perdere peso

i-dolcificanti-non-fanno-perdere-peso-i-risultati-dellultima-ricerca

Sono in molti a pensarlo, un dato molto diffuso, che i dolcificanti siano i protettori della linea.

Stando ad una nuova verifica del dato non ci sarebbero però ancora prove sufficientemente convincenti del fatto che i dolcificanti, sia quelli naturali che quelli artificiali, rappresentino dei benefici certi sulla nostra salute se paragonati allo zucchero.

La ricerca

I dolcificanti più noti , Aspartame, Fruttosio e Stevia vengono spesso aggiunti nei cibi e nelle bevande in sostituzione dello zucchero al fine di ridurre le calorie , divenendo all’occhio dei consumatori una valida  alternativa per il controllo del peso.

Ma quale tipo di certezza abbiamo che i dolcificanti abbiano reali  effetti benefici sulla nostra salute ed anche sul nostro stile di vita ?

Un team di ricercatori europei della Cochrane Initiative ha fornito alcune risposte  sulle pagine del Bmj  (British Medical Journal) , pubblicando una revisione degli studi condotti nel tempo sul tema specifico.

I risultati

Il Team di ricerca ha preso in esame ben 56 studi Europei sui possibili effetti che i dolcificanti avrebbero sul peso, glicemia, salute della bocca e del cavo orale, tumori, malattie dell’apparato cardiovascolare e dei reni. sullo stato umorale e sulla sfera  comportamentale di quanto li assumevano.

Quello che si è evidenziato, come ribadito dai ricercatori, sono risultati che non rappresentano concrete differenze statisticamente e clinicamente di rilievo nella perdita di peso.

In breve non sembra esserci alcun cambiamento.

Gli studi analizzati, continuano gli esperti, hanno evidenziato lievi miglioramenti nelle persone adulte dell’indice di massa corporea e della glicemia, ma la solidità dei dati è scarsa perché spesso piccoli e troppo brevi per giungere a conclusioni definitive. Inoltre, basse assunzioni dei dolcificanti sono state associate a un aumento di peso leggermente inferiore (0,09 kg) rispetto alle assunzioni più elevate, ma ancora una volta, sempre secondo quanto riportato dai ricercatori, la solidità dei risultati è scarsa.

I dolcificanti e i bambini

Altre ricerche hanno analizzato gli effetti dei dolcificanti sui bambini ed è emerso che l’assunzione di queste sostanze non ha avuto alcun effetto sul loro peso corporeo. Non è stata evidenziata alcuna prova definitiva sul fatto che i dolcificanti facciano perdere peso negli adulti e nei bambini in sovrappeso oppure obesi. “I risultati di questo studio non sono sorprendenti e confermano l’opinione che i dolcificanti artificiali non sono una bacchetta magica per prevenire l’obesità”, ha spiegato al Guardian, Tom Sanders, professore di nutrizione al King’s College London. Per avere maggiori certezze, concludono i ricercatori, bisogna indagare ancora e saranno necessarie ulteriori ricerche a lungo termine.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Federica Filigheddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base

    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Lorenzo Cerreoni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Macero Sauli 52 - Forlì
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Massimo Carotenuto
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Chirurghi Generali, Medici di Base

    • Via Lepanto 95 - Pompei
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Emanuela Costantino
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    • Via Gallinara 2/B - Cagliari
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giandomenico Mascheroni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Endocrinologi, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via Petrarca 53 - Carnago
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Gastrite

Gastrite è un termine generale e si riferisce a condizioni diverse che hanno però un elemento comune: l’infiammazione della mucosa gastrica. Spesso, questa infiammazione è il risultato di un’infezione da

Sindrome dell’intestino irritabile

La sindrome dell’intestino irritabile è un disturbo comune che colpisce l’intestino crasso. Si tratta di una condizione cronica che deve essere gestita a lungo termine. Solo un piccolo numero di

Esofagite

L’esofagite è un’infiammazione acuta o cronica che può danneggiare i tessuti dell’esofago, il tratto del canale alimentare che collega la faringe allo stomaco. Nell’esofagite lieve le alterazioni della mucosa sono

Appendicite

L’appendicite è un’infiammazione dell’appendice, una formazione tubulare che fa parte dell’intestino crasso, a cui in passato non veniva riconosciuto uno scopo specifico; recentemente si è però scoperto il suo ruolo

Stitichezza

La stitichezza è una condizione del sistema digestivo in cui un individuo produce feci difficili da espellere. Nella maggior parte dei casi, questo si verifica perché il colon ha assorbito

Epatite B

L’epatite B è un’infiammazione del fegato abbastanza comune in tutti i Paesi del mondo, determinata dall’infezione da parte dell’Hepatitis B virus (HBV), che rappresenta la seconda causa di epatite acuta

Esofago di Barrett

L’esofago di Barrett è una complicanza grave della malattia da reflusso gastroesofageo. Nell’esofago di Barrett, il tessuto normale che riveste l’esofago – il tubo che trasporta il cibo dalla bocca

Tumore del colon

Il carcinoma del colon-retto è il tumore maligno che più frequentemente colpisce colon, retto e appendice. È la terza forma più comune di cancro nel mondo. È caratterizzato dalla crescita

Pirosi gastrica

La pirosi gastrica non è altro che il comune “bruciore di stomaco”, che talvolta può presentarsi in modo occasionale ma in altri casi tende a ripetersi fino a cronicizzarsi, con

Ernia iatale

L’ernia iatale si verifica quando la parte superiore dello stomaco si gonfia attraverso il diaframma, il grande muscolo che separa l’addome e il torace. Il diaframma ha una piccola apertura
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile