ARTICOLI CORRELATI

Omega 3 utili anche contro l’ansia

Noti soprattutto per il loro ruolo favorevole nella prevenzione cardiovascolare secondaria (in particolare, proteggendo da recidive dell’infarto miocardico), nel supportare lo sviluppo del sistema nervoso del feto e del neonato

Una nutrizione inadeguata?

Un’alimentazione corretta completa dal punto di vista dei componenti nutrizionali degli alimenti, con livelli giusti di zuccheri, e basata su prodotti non nocivi assicurerà la giusta energia quotidiana.

Alimenti da non mangiare mai crudi

Gli alimenti crudi hanno molte proprietà benefiche, ma possono essere anche molto pericolosi, dato che possono comportare alcuni rischi per la nostra salute, specialmente con il caldo estivo.

Linee guida per una sana alimentazione

Le linee guida hanno l’obiettivo di tutelare la salute dell’individuo, tant’è che suggeriscono come comportarsi nella scelta degli alimenti, recuperando o aumentando il consumo di alcuni e limitando quello di

Dieta vegana in gravidanza e nell’infanzia ok, se ben pianificata

dieta-vegana

Scelta da sempre più persone, per se stesse e per i propri familiari, per ragioni ideologiche o convinzioni salutistiche; osteggiata da altrettante, che la ritengono una moda alimentare inutile o addirittura dannosa. La dieta vegana, non c’è dubbio, fa discutere e, in molti casi, anche i medici e i nutrizionisti sono tutt’altro che concordi sull’opportunità o meno di consigliarla o scoraggiarla, in generale o in specifici sottogruppi di persone.

A suscitare i maggiori dubbi e le più accese dispute è la scelta di alcune donne di non tradire i dettami dietetici vegani neppure durante la gravidanza e l’allattamento e di proporre lo stesso stile alimentare ai figli fin dallo svezzamento. Comportamento da taluni considerato lecito e da molti altri irresponsabile, in considerazione del rischio di deficit nutrizionali anche gravi (e conseguenti danni alla salute) derivanti dalla mancata assunzione di qualunque alimento di origine animale. Il problema è: chi ha ragione?

Per cercare di mettere ordine in un ambito in cui le opinioni pullulano, ma le evidenze scientifiche attendibili sono scarse, poco note o non correttamente interpretate, un panel di esperti italiani della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana (SSVN) ha da poco pubblicato un documento di consenso contenente alcune importanti raccomandazioni per strutturare una dieta vegana sana e bilanciata, adatta anche alla donna durante gravidanza/allattamento e in età pediatrica.

Le indicazioni fornite dagli esperti sono quanto mai ragionevoli, al punto da apparire quasi scontate, ma banalizzarle e non seguirle comporta rischi seri. Quindi, se si sceglie di essere vegani sempre e comunque, meglio imparare a strutturare l’alimentazione quotidiana con il supporto di un nutrizionista esperto e, nel caso dei bambini, anche del pediatra.

Un primo aspetto da considerare riguarda l’apporto calorico complessivo e dei singoli nutrienti, che deve essere sufficiente e bilanciato alle necessità individuali. Contrariamente a quanto molti pensano, assumere proteine “complete” non è un problema, se ci si abitua ad abbinare sempre cereali e legumi e se si consumano “pseudocereali” (come quinoa, amaranto) e gli innumerevoli prodotti proteici di derivazione vegetale (tofu, tempeh, natto, latte di soia, seitan ecc.) disponibili in commercio.

Oltre che di proteine, i derivati della soia sono anche una buona fonte alternativa di calcio (essenziale per il metabolismo osseo), che può essere assunto in quantità adeguata anche mangiando spesso cavoli, broccoli, cime di rapa, arance, fichi, mandorle e altra frutta secca, e bevendo almeno 2 litri al giorno di un’acqua che ne sia abbastanza ricca (300-350 mg/litro).

Il calcio può essere utilizzato dall’organismo soltanto in presenza di vitamina D, sostanzialmente assente nella dieta vegana, ma prodotta dalla pelle esposta al sole: basta esporre viso, braccia e gambe per 15 minuti al giorno senza protezione solare (evitando le ore più calde) per ottenerne una quantità sufficiente. Nei mesi freddi, se necessario, su consiglio del medico si può ricorrere anche a integratori.

I vegani devono essere consapevoli che i soli alimenti vegetali non sono in grado di assicurare il necessario apporto di vitamina B12 (presente esclusivamente in alimenti di origine animale e lieviti). Soprattutto durante la gravidanza/allattamento e nell’infanzia è, quindi, consigliabile assumere integratori alimentari contenenti questa vitamina, essenziale per la sintesi dei globuli rossi e per la funzionalità del sistema nervoso. Gli acidi grassi omega-3, importanti per il sistema nervoso e le difese immunitarie, sono invece forniti da mandorle, semi e olio di lino e semi di chia, e potranno essere ulteriormente integrati con preparati mirati.

Lo iodio può essere assunto in quantità sufficiente (circa 100 mg/die nel bambino; 150 mg/die nell’adulto e 200 mg/die in gravidanza) semplicemente usando sale iodato al posto del comune sale da cucina, mentre per assimilare meglio il ferro presente nei vegetali (spinaci, cavoli, broccoli, fagioli, lenticchie ecc.) è necessario abbinare questi cibi a una fonte di vitamina C (limone o altri agrumi, peperoni, pomodori freschi o secchi, frutti di bosco, kiwi ecc.). La donna vegana in età fertile deve, però, monitorare regolarmente possibili deficit di ferro e, se presenti, ricorrere a integratori, concordati con il medico.

Fonte: Baroni L et al. Vegan Nutrition for Mothers and Children: Practical Tools for Healthcare Providers. Nutrients 2019;11:5. doi:10.3390/nu11010005 (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6356233/)

 

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Irene Pistis
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via della Reoubblica 461/3 - Vergato
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa OLGA PETROVSKAIA
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Terapisti del Dolore, Medici di Base, Terapeuta

    • Via Giulio Romano 3 - Valle Martella
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Fabio Fabi
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici dello Sport, Internista, Medici di Base

    • Via Sarsina 147 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Monica Calcagni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Casilina 32 - Arce
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Franco Cicerchia
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Oculisti, Agopuntori, Medici di Base

    • Via Alcide de Gasperi 39 - Palestrina
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Artrosi cervicale

L’artrosi cervicale è una condizione osteoarticolare cronica molto comune dopo i 40-50 anni in persone di entrambi i sessi e di ogni parte del mondo, dovuta al naturale invecchiamento delle

Adenoide

Le adenoidi sono masse di tessuto linfatico che aiutano il corpo a combattere le infezioni. Le adenoidi si trovano nella faringe, appena dietro al naso; insieme alle tonsille, rappresentano la

Stenosi giugulare

La stenosi giugulare corrisponde a un restringimento del lume delle vene giugulari, che sono i principali vasi sanguigni che raccolgono il sangue povero di ossigeno proveniente dal cervello e lo

Sonno e menopausa

I disturbi del sonno sono uno dei problemi di salute segnalati più spesso dalle donne che si avvicinano alla menopausa e nel periodo successivo (climaterio). Il bisogno di dormire tende

Ipersalivazione

Se la saliva inizia ad accumularsi, potrebbe iniziare a gocciolare fuori dalla bocca involontariamente. Se questo può essere ritenuto normale nei neonati, nei bambini più grandi e negli adulti può

Stenosi del canale vertebrale

La stenosi del canale vertebrale consiste nel restringimento di un tratto del canale presente lungo tutta la colonna vertebrale (formato dalla successione allineata dei piccoli fori presenti al centro di
Dermatite atopica

Dermatite atopica

La dermatite atopica o “eczema atopico” è una malattia cutanea infiammatoria cronica, associata a prurito, che tipicamente esordisce nei primi anni di vita, persistendo poi per tutta l’età pediatrica e

Sincope

Con il termine sincope ci si riferisce a un episodio di svenimento, ossia a un’improvvisa perdita dei sensi, che può interessare persone di qualunque età e che può essere indotta

Sindrome di Menière

La sindrome di Menière è un disturbo dell’equilibrio caratterizzato da “attacchi” ricorrenti e imprevedibili, che comportano la comparsa di intense vertigini, associate a riduzione dell’udito, fischi e brusii. Ogni attacco

Arresto cardiaco

L’arresto cardiaco corrisponde all’interruzione della contrazione del cuore e della sua azione di pompa, conseguente a un’alterazione improvvisa e drastica della sua attività elettrica (fibrillazione ventricolare). L’arresto cardiaco è un’emergenza
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile