ARTICOLI CORRELATI

Esercizio fisico, meglio farlo prima di colazione

Il momento della giornata in cui si fa esercizio fisico potrebbe essere altrettanto importante dell’esercizio stesso, secondo una nuova ricerca pubblicata su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. Può

La colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una IBD cronica in cui l’intestino crasso (colon) diventa infiammato e ulcerato (fissurato o eroso), con riacutizzazioni (crisi o attacchi) di diarrea emorragica, crampi addominali e

I minerali: quali sono?

I sali minerali sono sostanze inorganiche che, come le vitamine, non apportano calorie, ma svolgono importanti funzioni nell’organismo. Essi: Sono costituenti cellulari e tissutali; Partecipano ai processi vitali come la

Celiachia: caratteristiche e numeri in Italia

Celiachia: Cos’è La celiachia è una delle malattie ereditarie più frequenti dell’età pediatrica ma fortunatamente anche una delle condizioni curabili: il rimedio consiste infatti nell’eliminazione di tutti gli alimenti contenenti
Dispepsia

Disturbi alimentari: la dispepsia

La digestione è un processo essenziale per la vita dell’uomo e di molti altri organismi viventi. Nutrirsi non è solo un istinto, ma un piacere, un rito irrinunciabile finalizzato alla socializzazione

Esiste l’influenza intestinale nel bambino?

Talvolta la fantasia popolare crea delle espressioni che, pur senza alcuna pretesa di scientificità, rendono così bene il concetto o l’impatto di una particolare condizione da entrare nell’uso comune e perfino nel gergo medico. Un esempio è la cosiddetta “influenza intestinale”: una denominazione che non rientra tra le malattie ufficiali eppure fa sempre presa, senza destare alcuna obiezione, per almeno due ragioni. Innanzitutto perché l’influenza vera, quella causata, cioè, dai virus influenzali, oltre alle vie respiratorie, soprattutto nei bambini, può comportare disturbi anche a carico dell’apparato digerente. In secondo luogo perché lo stesso termine “influenza” suggerisce l’idea di alterazione.

Il pericolo dei virus

Ma al di là di queste disquisizioni linguistiche vediamo perché e come realmente molti virus nel bambino possono interessare vie aeree e intestino. I meccanismi sono fondamentalmente due: in primo luogo i virus più diffusi hanno la capacità di aggredire le mucose, ossia i tessuti di rivestimento interni. Per quanto alcuni abbiano una maggiore propensione per un distretto, di fatto possono trovare vie di accesso differenti, approfittando di alcune somiglianze strutturali tra mucosa respiratoria e intestinale. Questo giustifica il fatto per cui nel bambino anche un banale raffreddore si può associare a disturbi digestivi (nausea, vomito, diarrea).

In secondo luogo non dobbiamo dimenticare che l’ingresso di un germe nell’intestino ne perturba spesso la flora batterica, modificando così quel delicato equilibrio fondamentale per il suo stesso funzionamento. Ecco allora l’insorgere, ancora una volta, di fastidiose manifestazioni, che vanno dall’inappetenza (istintivamente il bambino è poco motivato a mangiare perché associa l’introduzione di cibo a una sensazione sgradevole) alle scariche liquide. Può anche capitare, poi, che un virus, con la sua semplice presenza, anche se non devastante, favorisca l’insediamento o la proliferazione di batteri più aggressivi, che possono far peggiorare il quadro clinico già in essere, comportando ulteriori momentanei disagi e difficoltà nell’assorbimento e digestione di alcuni componenti, tra i quali il lattosio (l’eventuale ricorso a un preparato a base di lattasi, ove necessario, permetterà di continuare ad assumerlo).

In conclusione quando sentiamo parlare di influenza intestinale dobbiamo sempre cercare di capire come viene intesa questa dicitura: si tratta, insomma, di un’influenza reale che si è spinta oltre le vie aeree oppure di una gastroenterite a tutti gli effetti? L’impiego di un probiotico sarà in ogni caso utile e consigliabile, sia per stimolare il sistema immunitario sia per contrastare l’agente patogeno e favorirne l’eliminazione.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Anna Puccio
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base

    • Via Vincenzo Ponsati 69 - Volvera
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Fabio Fabi
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Medici dello Sport, Internista, Medici di Base

    • Via Sarsina 147 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Cristiano Crisafulli
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Diabetologo, Medici di Base, Internista

    • Via Vittorio Emanuele II 181 - Acireale
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Ilaria Berto
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Medici di Base, Agopuntori, Medici Estetici

    • Via Antonio Corradini 1 - Este
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Vittorio Margutti
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Ortopedici, Medici di Base

    • Via Marco Simone Poli 1 - Guidonia Montecelio
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Gastroenterite

La gastroenterite è una malattia caratterizzata da un’infiammazione del tratto gastrointestinale che coinvolge sia lo stomaco che l’intestino tenue. Se viene coinvolto anche l’intestino crasso, si parla di gastroenterocolite. 

Colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una malattia infiammatoria intestinale che causa infiammazione a lungo termine e ulcere nel tratto digestivo. La colite ulcerosa colpisce il rivestimento più interno dell’intestino crasso (colon)

Gastrite

Gastrite è un termine generale e si riferisce a condizioni diverse che hanno però un elemento comune: l’infiammazione della mucosa gastrica. Spesso, questa infiammazione è il risultato di un’infezione da

Tumore del pancreas

Il tumore del pancreas inizia nei tessuti di questo organo, posto orizzontalmente nell’addome dietro la parte inferiore dello stomaco e in genere si diffonde rapidamente agli organi vicini. Raramente viene

Pirosi gastrica

La pirosi gastrica non è altro che il comune “bruciore di stomaco”, che talvolta può presentarsi in modo occasionale ma in altri casi tende a ripetersi fino a cronicizzarsi, con

Esofago di Barrett

L’esofago di Barrett è una complicanza grave della malattia da reflusso gastroesofageo. Nell’esofago di Barrett, il tessuto normale che riveste l’esofago – il tubo che trasporta il cibo dalla bocca

Epatiti (generale)

Le epatiti sono infiammazioni del fegato che possono avere un livello di severità diverso, da lieve a estremamente grave, ed essere di tipo acuto o cronico, anche in funzione della

Epatite E

L’epatite E è un’infiammazione del fegato poco comune nei Paesi occidentali, determinata da 4 possibili varianti dell’Hepatitis E virus (HEV), entrato accidentalmente nell’organismo attraverso alimenti o bevande contaminate. Nella maggioranza

Diverticolite

I diverticoli sono piccole tasche che si possono formare nel rivestimento del sistema digestivo. Di solito si producano più frequentemente nella parte inferiore dell’intestino crasso (colon). I diverticoli sono frequenti,

Esofagite

L’esofagite è un’infiammazione acuta o cronica che può danneggiare i tessuti dell’esofago, il tratto del canale alimentare che collega la faringe allo stomaco. Nell’esofagite lieve le alterazioni della mucosa sono
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile