ARTICOLI CORRELATI

Esercizio fisico, meglio farlo prima di colazione

Il momento della giornata in cui si fa esercizio fisico potrebbe essere altrettanto importante dell’esercizio stesso, secondo una nuova ricerca pubblicata su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. Può

L’alimentazione in età evolutiva

Durante i primi anni di vita è il pediatra a seguire l’alimentazione del bambini. Per i ragazzi dai 6 ai 12 anni una corretta alimentazione è molto importante, per garantire

Forza, vitalità… vitamine?

Esercizio fisico, dieta adeguata, e le vitamine giuste possono veramente aiutare ad avere una vita più sana e duratura. Ma come assumere le vitamine in modo da trarne i maggiori

Il bilancio idro-elettrolitico

L’acqua corporea si distribuisce in due diversi comparti: intracellulare ed extracellulare, a sua volta diviso in intra e extravascolare od interstiziale. Gli elettroliti si distribuiscono in modo differente nei due

Inchieste alimentari

La valutazione dell’assunzione di energia e nutrienti di un individuo riveste un ruolo molto importante per valutare lo stato di nutrizione. Assumere degli alimenti è considerata una forma di “comportamento”,

La colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una IBD cronica in cui l’intestino crasso (colon) diventa infiammato e ulcerato (fissurato o eroso), con riacutizzazioni (crisi o attacchi) di diarrea emorragica, crampi addominali e

Dislipidemie: consigli dietetici

Le dislipidemie sono state classificate in base al tipo di particelle lipoproteiche presenti in eccesso nel sangue. Possiamo distinguere iperlipidemie con elevato colesterolo nelle LDL e normale trigliceridemia. La terapia

Le patologie alimentari che danno diritto all’invalidità

quali-sono-le-patologie-alimentari-che-danno-diritto-allinvalidita

A causa della loro influenza sulle attività giornaliere delle persone colpite alcune patologie alimentari più gravi sono riconosciute come invalidanti.

In questo caso si fa riferimento alle patologie alimentari legate a disturbi psichici cronici, di gran lunga differenti rispetto ad altre malattie risolvibili (come quelle trasmissibili con gli alimenti) e da temporanei comportamenti insani come l’alimentazione sbilanciata.

Lo stato di disagio e specificamente di  handicap deve essere sicuramente  valutato da una specifica commissione, la quale prende in esame le risultanze mediche, l’inserimento sociale della persona e le conseguenze sulla vita familiare della stessa (da cui l’opportunità anche di usufruire della legge 104).

Qui di seguito vengono elencati alcuni esempi di disturbi alimentari che sono considerati invalidanti.

  • Anoressia Nervosa:   porta l’individuo ad assumere una quantità minima di alimenti, è un disturbo cronico dove si osserva nella persona un peso corporeo nettamente inferiore alla normalità. Il disturbo ha origine da problemi psichici, che generano la paura di diventare grassi, la scarsa autostima, la negazione del problema alimentare. Elementi questi che portano a una distorsione della visione del proprio corpo.
  • Bulimia Nervosa: in modo ugualel’anoressia, la bulimia è un’enorme ingestione di cibo in risposta a un evento che provoca sensi di colpa nell’individuo. Apparentemente inspiegabile, può essere in forma cronica. Spesso il senso di colpa successivo porta la persona ad assumere lassativi o a provocarsi il vomito pur di rimediare.
  • Ortoressia: è una specie di fanatismo alimentare, che conduce la persona all’ossessione verso il cibo sano e a un’attenzione eccessiva verso l’alimentazione al punto da bloccare la sua vita sociale.
  • Disturbo di ruminazione: accade quando la persona rigurgita, per un periodo di tempo lungo, i cibi ingeriti.
  • Non ha alcun riferimento con disturbi gastrointestinali (che sono invece di durata molto breve) in quanto i rigurgiti sono strettamente collegati a situazioni di stress mentale.
  • Pica: l’individuo adulto che ne soffre ingerisce oggetti o sostanze senza alcuna proprietà nutritiva. Ad esempio, tra gli oggetti ingeriti possono esserci  la carta o le pietre. Alcuni casi limite hanno avuto notorietà tramite programmi televisivi dedicati al tema .In breve questa patologia può rientrare nel campo dei disturbi ossessivo-compulsivi.
  • Disturbo restrittivo dell’assunzione di cibo: è una patologia molto particolare che porta la persona  a evitare intere categorie di cibo per motivi assolutamente  non riconducibili  ad allergie o intolleranze alimentari riconosciute a livello medico. Il disturbo è una sorta di anoressia parziale, e non ha nemmeno un riferimento ai gusti personali.
  • Disturbo da alimentazione incontrollata: è una patologia che si caratterizza per la presenza di crisi bulimiche o disordini alimentari gravi. Anche in questo caso per essere riconosciuta come invalidante deve essere cronica.

In tutti i casi sopra riportati la cronicità del disturbo e la gravità relativa rendono la persona non in grado di svolgere attività continuative, sia lavorative che sociali. Alcune di esse, ad esempio l’ortoressia, sono riconosciute ma senza che sia stata inquadrata in  una percentuale specifica.

Solo anoressia e bulimia sono patologie per le quali sono state espresse delle percentuali d’invalidità, in quanto sono anche le più diffuse tra quelle elencate. Per un deficit lieve legato all’anoressia nervosa, è riconosciuta una percentuale del 35% di invalidità; del 45% per un deficit moderato; almeno del75% per un deficit grave. 

Per quanto riguarda la bulimia, alle forme più moderate si applica una percentuale del 20%, e poi a salire fino al 100% delle forme più gravi che portano alla non autosufficienza della persona che ne è interessata.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Emanuela Costantino
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    • Via Gallinara 2/B - Cagliari
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Cristiano Crisafulli
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Diabetologo, Medici di Base, Internista

    • Via Vittorio Emanuele II 181 - Acireale
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Domenico D'Angelo
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Otorinolaringoiatri, Medici di Base, Medico Competente

    • Via Pola 5 - San Prisco
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Lepore
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Dermatologi, Medici di Base, Chirurghi Generali

    • 19 Via Manzoni Alessandro - Garbagnate Milanese
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Massimo Carotenuto
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Chirurghi Generali, Medici di Base

    • Via Lepanto 95 - Pompei
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Salmonellosi

Salmonellosi

L’infezione da salmonella o salmonellosi è una infezione batterica che colpisce l’intestino. Questo batterio abita nel tratto intestinale degli animali e dell’uomo e fuoriesce all’esterno con l’espulsione delle feci. Può

Ernia addominale

Un’ernia addominale si verifica quando un viscere o una sua parte fuoriesce dalla cavità addominale dov’è contenuto, per l’indebolimento di una delle pareti muscolari che lo richiudono. La sacca che

Celiachia

La celiachia è una malattia autoimmune che può verificarsi in persone geneticamente predisposte, nelle quali l’ingestione di glutine comporta danni all’intestino tenue. Si stima che colpisca una persona su cento

Ernia iatale

L’ernia iatale si verifica quando la parte superiore dello stomaco si gonfia attraverso il diaframma, il grande muscolo che separa l’addome e il torace. Il diaframma ha una piccola apertura

Gastroenterite

La gastroenterite è una malattia caratterizzata da un’infiammazione del tratto gastrointestinale che coinvolge sia lo stomaco che l’intestino tenue. Se viene coinvolto anche l’intestino crasso, si parla di gastroenterocolite. 

Tumore del pancreas

Il tumore del pancreas inizia nei tessuti di questo organo, posto orizzontalmente nell’addome dietro la parte inferiore dello stomaco e in genere si diffonde rapidamente agli organi vicini. Raramente viene

Cirrosi epatica

La cirrosi è una fase tardiva della cicatrizzazione (fibrosi) del fegato causata da molte forme di malattie e condizioni, come l’epatite e l’alcolismo cronico. Il fegato svolge diverse funzioni necessarie,

Poliposi intestinale

I polipi sono crescite anomale di tessuto che sporgono verso una tonaca mucosa; sono escrescenze patologiche che, nell’intestino, si formano specialmente nel colon e nel retto. Per la maggior parte,

Stitichezza

La stitichezza è una condizione del sistema digestivo in cui un individuo produce feci difficili da espellere. Nella maggior parte dei casi, questo si verifica perché il colon ha assorbito

Appendicite

L’appendicite è un’infiammazione dell’appendice, una formazione tubulare che fa parte dell’intestino crasso, a cui in passato non veniva riconosciuto uno scopo specifico; recentemente si è però scoperto il suo ruolo
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile