ARTICOLI CORRELATI

Privazione, abbandono e malattia

Quanto le esperienze di abbandono, privazione o traumi possono incidere sia sullo sviluppo psichico, sia sull’organizzazione e sullo sviluppo cerebrale?

Come curare l’encefalite

L’encefalite è un processo infiammatorio del sistema nervoso centrale nel quale la maggior area è il parenchima cerebrale. Se sono coinvolte anche le radici spinali, sensoriali e motorie, viene utilizzato

La polmonite nei bambini

La polmonite è una malattia caratterizzata dall’infiammazione degli alveoli polmonari, che si riempiono di liquido che ostacola la funzione respiratoria. I sintomi più comuni sono febbre, vomito e inappetenza, ma

Crisi addisoniana e da perdita dei sensi

La crisi addisoniana è principalmente dovuta ad un’assenza di ormoni surrenali, mentre la perdita di sensi alla mancanza di mineralcorticoidi nei bambini con sindrome surrenogenitale. Entrambe possono rappresentare l’esordio della

Funzione adulta e adolescenza

Genitori, insegnanti, bidelli, medici, allenatori sportivi, ma anche passeggeri della metro o spettatori in un cinema, siamo tutti adulti in ruoli differenti. Ma proprio tutti, in quanto adulti, siamo differenti

Smettere di fumare in gravidanza: perché si dovrebbe e perché è difficile

fumo-gravidanza

Fumare fa male in ogni fase della vita, ma in gravidanza fa male il doppio, perché a subire le conseguenze deleterie del fumo, oltre alla donna, è anche il feto in via di sviluppo. Per tutelarlo, è necessario riuscire a smettere per tempo.

Anche grazie a buone leggi e a numerose iniziative di prevenzione, oggi, in Italia si tende a fumare meno e in modo più consapevole rispetto a 2-3 decenni fa. Tuttavia, rispetto al passato, oggi fumano di più le donne, che mediamente sviluppano una dipendenza maggiore e fanno più fatica a smettere. Al punto che, a volte, non riescono ad interrompere l’abitudine al fumo neppure in gravidanza, rischiando di comprometterne il decorso e di influenzare negativamente lo sviluppo del bambino.

In una recente review pubblicata sulla rivista scientifica Therapeutic Advances in Drug Safety, alcuni esperti americani dell’argomento hanno riassunto le ragioni per cui tutte le donne che desiderano intraprendere una gravidanza dovrebbero cercare di smettere di fumare prima del concepimento o, in caso di gravidanze non programmate, subito dopo (idealmente, entro la fine del 1° trimestre).

In particolare, è dimostrato che il fumo in gravidanza aumenta il rischio di parto pretermine (vale a dire prima della 37a settimana, con le relative complicanze), basso peso alla nascita, rottura prematura delle membrane, placenta previa (ossia posta davanti alla testa del bambino al momento del parto, con conseguenti criticità durante l’espulsione) e perdita del bambino. Inoltre, il fumo in gravidanza è un riconosciuto fatto di rischio per anomalie congenite del labbro e del palato (labiopalatoschisi), difetti cardiaci, gastrointestinali e neurologici del neonato.

Un’ampia serie di studi indica inoltre che, anche quando in gravidanza va tutto bene, l’esposizione al fumo passivo nei primi mesi/anni di vita aumenta il rischio del bambino di andare incontro a malattie respiratorie acute (infezioni delle vie aeree da virus e batteri) e croniche (asma, allergie respiratorie ecc.), nonché ad otiti, bassa statura e alterazioni metaboliche e comportamentali (iperattività).

La donna che riesce a smettere di fumare per tempo e a non ricominciare dopo la nascita del bambino permette a se stessa e a tutta la famiglia di vivere più sana. Dal momento che, spesso, la buona volontà non basta, per riuscirci è consigliabile rivolgersi al medico e farsi indirizzare nell’uso di uno o più dei molti supporti, farmacologici e non oggi disponibili (terapia sostitutiva con nicotina in gomme, compresse da masticare, spray nasale, cerotto ecc.; bupropione; vareniclina; counselling e supporto psicologico; agopuntura auricolare ecc.). Idealmente, coinvolgendo anche il partner, se fumatore, nell’impresa. Certo, non sarà semplice, ma ne vale sicuramente la pena.

Fonte: Scherman A et al. Smoking cessation in pregnancy: a continuing challenge in the United States. Ther Adv Drug Saf. 2018;9(8):457-474. doi:10.1177/2042098618775366

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Cristiano Crisafulli
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Diabetologo, Medici di Base, Internista

    • Via Vittorio Emanuele II 181 - Acireale
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Domenico Napolitano
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base, Medici Estetici

    • Viale Orazio Flacco 5 - Bari
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Franco Cicerchia
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Oculisti, Agopuntori, Medici di Base

    • Via Alcide de Gasperi 39 - Palestrina
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Sandro Morganti
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ortopedici, Medici di Base, Osteopati

    • Via Foligno 6 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Lorenzo Cerreoni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Macero Sauli 52 - Forlì
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Morbo di Cushing

Il “morbo” o “sindrome di Cushing”, talvolta indicata come “ipercortisolismo”, è una condizione caratterizzata da un insieme variabile di sintomi caratteristici indotti dall’esposizione dell’organismo a eccessivi livelli di glucocorticoidi e,
Ipertensione intracranica

Ipertensione intracranica

L’aumento della pressione all’interno della scatola cranica può essere legata ad un edema cerebrale o alla presenza di una lesione espansiva intracranica, ad un ostacolo alla circolazione liquorale o all’associazione

Ernia del disco

Il disco intervertebrale è costituito da una parte centrale cartilaginea deformabile, chiamata “nucleo polposo”, circondata da un rivestimento fibroso di contenimento, detto anulus. Quando il disco è giovane e sano,

Malattia delle ossa di Paget

La malattia ossea di Paget rappresenta una anomalia nel processo fisiologico con il quale l’organismo nel tempo rimpiazza gradualmente il vecchio tessuto osseo con quello nuovo prodotto. Questo processo può

Aneurisma aortico

Con aneurisma aortico si intende la dilatazione permanente di un segmento ben delimitato dell’aorta, la più grande arteria del corpo che riceve il sangue direttamente dal ventricolo sinistro e lo

Meningite

“M” come meningite meningococcica Cosa si intende per meningite? Anche se il termine evoca subito la forma da meningococco, è bene non dimenticare che “meningite” vuol dire infiammazione delle meningi,

Riparazione della valvola mitrale

La riparazione di una valvola mitrale insufficiente/deteriorata può essere effettuata: asportando i segmenti malfunzionanti dei lembi valvolari; impiantando “corde sintetiche” (che sostituiscono quelle naturali rotte o “allungate” dei lembi valvolari);

Alluce valgo

L’alluce valgo è una deformazione del piede costituita dall’allontanamento della testa del primo metatarso dalle altre. In questa condizione, si ha una deviazione laterale dell’alluce che si inclina verso le

Influenza

L’influenza stagionale è una malattia infettiva di origine virale che si trasmette per via respiratoria attraverso le particelle di vapore cariche di virus diffusi nell’aria da individui infetti, attraverso la

Rachitismo

Il rachitismo è una condizione caratterizzata da una severa compromissione della mineralizzazione ossea, con conseguente fragilità e insorgenza di deformazioni scheletriche a più livelli, che interessa principalmente neonati e bambini
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile