ARTICOLI CORRELATI

Donna bipolare

La famiglia ed il paziente con disturbo bipolare

Il disturbo bipolare oltre a sconvolgere la vita del paziente rende difficile e talvolta dolorosa la vita di quanti sono accanto a lui. Spesso le persone interessate da questo disturbo hanno difficoltà a riconoscere a se stessi il proprio stato mentale.

Due nemici notturni: insonnia e caldo torrido

L’insonnia è già di suo un disturbo significativo che modifica nelle persone la sfera delle abitudini, dei rapporti familiari, ed anche quella psicologica con notevole influenza sull’umore e sulle emozioni.

Le abilità cognitive

Le abilità cognitive possono essere migliorate con l’esperienza, grazie all’apprendimento, l’elaborazione, la pianificazione e l’adattamento. Il grado di fitness cognitivo di un individuo gli permette di affrontare le sfide della

GASLIGHTING

Una nuova parola si aggira negli articoli e nei discorsi: gaslighting.  Cosa significa gaslighting e cosa si intende quando parliamo di gaslighting? Il gaslighting non è una malattia mentale ma

Gravidanza e diade madre-bambino

Questo corso analizza la linea di sviluppo dell’individuo a partire dalla gravidanza e come le alterazioni della stessa possano portare a una patologia psichica nell’infanzia, nell’adolescenza o in età adulta.

Disfunzione visiva, un sintomo misconosciuto del Parkinson

park
«L’idea che i sintomi visivi possano essere associati alla malattia di Parkinson non è nuova, ma questa è la prima volta che è stata segnalata a livello di popolazione»: lo ha dichiarato a Medscape Medical News Ali Hamedani della University of Pennsylvania di Philadelphia, principale autore di uno studio pubblicato su European Journal of Neurology.
Analizzando i dati ottenuti attraverso un ampio sondaggio, i ricercatori americani hanno scoperto che la disfunzione visiva è significativamente più comune negli individui con malattia di Parkinson che nella popolazione adulta generale. Si tratta tuttavia di un fattore generalmente trascurato e non trattato, anche se peggiora la già compromessa qualità di vita di questi pazienti.
L’indagine è stata condotta su oltre 150.000 individui e ha permesso di calcolare una probabilità più che doppia delle persone con diagnosi di morbo di Parkinson di soffrire di disturbi della visione, sia in quella ravvicinata che in quella a distanza, rispetto alla popolazione generale.
Problemi di vista erano stati più volte segnalati dagli stessi pazienti, dai loro caregiver e dai medici curanti. Dunque, il sospetto evidentemente c’era già, ma il nuovo studio fornisce una conferma suffragata da un indagine su larga scala e il gran numero di dati permette di documentare una correlazione statistica che altrimenti non sarebbe stata così stringente.
Con la collega Allison Willis, Hamedani hanno analizzato i dati di adulti di età pari o superiore a 50 anni forniti dal Survey of Health, Aging and Retirement in Europe (SHARE), un sondaggio multinazionale sulla salute della popolazione di persone che vivono in uno dei 27 Paesi europei e in Israele.
Nonostante il rischio di una compromissione della visione da lontano sia risultata 2,55 maggiore (e della visione da vicino di 2,07), le persone con Parkinson hanno riferito meno spesso questa difficoltà a un oculista, cosicché la condizione è rimasta in molti casi non trattata.
Gli autori dello studio riferiscono che ci sono stati alcuni suggerimenti su un sottile cambiamento nella visione dei colori negli anni precedenti alla diagnosi del Parkinson, ma è improbabile che i pazienti stessi se ne accorgano. «Si potrebbe probabilmente scoprire se venisse fatto uno screening, ma è troppo presto per eventuali raccomandazioni in proposito», ha detto Hamedani. Il ricercatore ha suggerito invece che i medici prendano in esame la funzionalità visiva nei pazienti già diagnosticati, anche se la natura e il significato di questi sintomi non appaiono ancora chiari: non sappiamo se il meccanismo sia il risultato dei cambiamenti associati al Parkinson direttamente negli occhi oppure a livello cerebrale.
Fonte:
Hamedani AG, Willis AW. Self-reported visual dysfunction in Parkinson disease: the Survey of Health, Ageing and Retirement in Europe. European Journal of Neurology 2019, 0: 1–6.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Cinzia Maria Zurra
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Medici Estetici, Nutrizionisti

    • Viale Rimembranze 5 - Triuggio
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Antonio Varriale
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Dentisti, Medici di Base

    • Via Grotta dell Olmo 20 - Giugliano in Campania
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Anna Puccio
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base

    • Via Vincenzo Ponsati 69 - Volvera
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Maria Grazia Caruana
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Viale Prassilla 41 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Sergio Ettore Salteri
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Chiropratici, Posturologi

    • Via Vial di Romans 8 - Cordenons
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Attacco ischemico transitorio

L’attacco ischemico transitorio (TIA) è una forma lieve di ictus cerebrale ischemico o “mini-stroke”, che si verifica quando la circolazione cerebrale è parzialmente compromessa dalla presenza di restringimenti od occlusioni

Insonnia

L’insonnia è un disturbo del sonno estremamente comune che può interessare persone di tutte le età per ragioni differenti e presentarsi in varie forme e varianti, accomunate dal fatto di

Depressione maggiore

La depressione maggiore (o “disturbo depressivo maggiore”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”), è un disturbo dell’umore che si contraddistingue per la presenza di

Crisi emotiva

Nell’uso corrente la parola “crisi” ha un significato drammatico, ossia il passaggio da una condizione di stabilità ad una variabilità degli equilibri precedentemente assunti, ritenendo l’omeostasi quale unico referente di

Bruxismo

Il bruxismo è una condizione in cui si digrignano i denti: può accadere, in maniera inconsapevole, in stato di veglia o, più spesso, durante il sonno. Le persone che stringono

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei
La Malattia di Peyronie o del Pene Curvo

Malattia di Peyronie o del pene curvo

La malattia di Peyronie è una patologia derivante da una anomalia del pene dovuta ad un tessuto cicatriziale fibroso che compare sul pene modificandone la forma in erezione, che diventa

Emicrania

L’emicrania è una cefalea primaria che si manifesta con attacchi ricorrenti di mal di testa di intensità moderata o severa, di durata variabile dalle 4 alle 72 ore, intervallati da

Meningite

“M” come meningite meningococcica Cosa si intende per meningite? Anche se il termine evoca subito la forma da meningococco, è bene non dimenticare che “meningite” vuol dire infiammazione delle meningi,
Dsturbo bipolare

Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare è un disturbo dell’umore complesso e delicato da gestire che porta chi ne soffre a sperimentare periodi di umore depresso, caratterizzati da sintomi analoghi a quelli della
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile