ARTICOLI CORRELATI

Gli attacchi ischemici transitori

L’attacco ischemico transitorio, o ischemia transitoria, (TIA) è definito come episodio di deficit neurologico causato da una ischemia cerebrale focale con recupero completo entro 24 ore. Mediamente la durata di un
Uomini e animali, vicini ma con prudenza

Uomini e animali, vicini ma con prudenza

Per quanto sia ormai accertato che gli animali domestici, soprattutto cani e gatti non rappresentino in generale un rischio concreto di infezioni, conviene essere comunque vigli che non vengano essi stessi attaccati da parassiti o da zecche.

Una visione di insieme

Il fitness cognitivo-emotivo risponde alle esigenza di favorire la crescita dei processi cognitivi ed emotivi, alla base della personalità matura. Se non si acquisisce uno stile di vita funzionale, nessun
Presidi Medici e Malattia di Peyronie

Presidi Medici e Malattia di Peyronie

Alcuni presidi medici, utilizzabili nella Malattia di Peyronie, possono affiancare le varie terapie farmacologiche, o di antiossidanti e integratori, con risultati evidenti di riduzione della curva peniena.

Professioni lavorative nella malattia della valvola mitrale

E’ noto che i fattori di rischio per le malattie del cuore sono dati da abitudini come l’uso eccessivo di alcol, come il fumo, da un’alimentazione iperproteica e ricca di grassi, ed anche da fattori genetici, mentre spesso una minore considerazione viene riservata ai fattori di origine professionale.

La disautonomia familiare

La disfunzione del sistema nervoso involontario, o disautonomia di tipo familiare è una malattia genetica che va ad interessare dei gruppi di cellule nervose, che non non risultano adeguatamente sviluppate e che non sopravvivono.

Depressione e schizofrenia si curano anche con l’attività fisica

attivit-fisica

Le raccomandazioni dell’Associazione Europea di Psichiatria (EAP) per sfruttare i benefici del movimento regolare nel trattamento della depressione maggiore e della schizofrenia, in aggiunta ai farmaci e alla psicoterapia.

Lattività fisica, soprattutto di tipo aerobico, è utile e va praticata regolarmente non soltanto per migliorare il benessere e la salute su vari fronti, ma anche come vera e propria terapia aggiuntiva efficace nella cura di malattie psichiatrie severe come la depressione maggiore o la schizofrenia. A questa conclusione è arrivata l’Associazione Europea di Psichiatria (EAP) dopo un’estesa analisi degli studi condotti negli ultimi decenni per valutare l’impatto sul piano metabolico, cardiovascolare, psicologico e cognitivo dell’esercizio strutturato e monitorato nella popolazione generale priva di disturbi psichici clinicamente rilevanti o affetta da disagio psichico più o meno significativo.

In base alle evidenze disponibili, i benefici ottenibili riguarderebbero sia la riduzione del rischio di sviluppare ipertensione e altre malattie cardiovascolari acute e croniche, diabete e sovrappeso, impoverimento della massa ossea e osteoporosi (tutte condizioni promosse dalla tendenziale sedentarietà di chi soffre di depressione maggiore e schizofrenia e da alcuni dei farmaci indispensabili per curarle) sia l’attenuazione dei sintomi psichiatrici e il miglioramento della funzionalità fisica, psichica e intellettiva, con possibile rallentamento del declino cognitivo che può instaurarsi nel tempo e ripercussioni favorevoli sulla qualità di vita generale. Senza dimenticare, gli effetti benefici del movimento sul sonno notturno: aspetto spesso compromesso in chi soffre di malattie psichiatriche, la cui normalizzazione risulta fondamentale per supportare il trattamento e prevenire riacutizzazioni dei sintomi.

Per trarne i massimi vantaggi, le persone con depressione maggiore lieve-moderata dovrebbero praticare attività fisica aerobica o un misto di allenamento aerobico e di resistenza almeno 2-3 volte alla settimana, per circa 45-60 minuti a sessione. In mancanza di studi che indichino la superiorità di una forma di movimento rispetto all’altra, si può scegliere la disciplina che si preferisce, in relazione all’età e alle potenzialità fisiche individuali. Per esempio, sono perfette attività come la ginnastica a corpo libero, la corsa, la bicicletta, gli esercizi in palestra ecc. A patto che siano eseguite sotto la supervisione di un istruttore competente.

Nel caso della schizofrenia, l’EAP raccomanda che almeno 150 minuti complessivi di attività fisica moderata-vigorosa alla settimana siano inseriti nel contesto di un piano di cura multidisciplinare personalizzato, comprendente terapia farmacologica, interventi psico-comportamentali e riabilitazione funzionale. Anche in questo caso, è fondamentale che a coordinare le sessioni di allenamento sia personale preparato, in grado di interagire positivamente con i pazienti e di supportarne la motivazione al movimento regolare e correttamente eseguito (impresa spesso ardua anche nel caso di persone prive di malattie psichiatriche).

Naturalmente, non ci si deve aspettare miracoli dall’attività fisica e non è certo possibile utilizzarla in totale sostituzione delle terapie convenzionali previste per depressione maggiore e schizofrenia, ma il beneficio aggiuntivo che può apportare è dimostrato e merita di essere sfruttato fin dove possibile, per supportare un miglior recupero dell’equilibrio generale dell’organismo.

Raccomandazioni analoghe al movimento regolare valgono anche per chi, pur senza avere diagnosi di disturbi psichiatrici specifici, tende a sperimentare sintomi depressivi, nervosismo, instabilità dell’umore o disturbi del sonno in uno o più periodi dell’anno (in particolare, in autunno-inverno o nei cambi di stagione): i benefici non mancheranno.

Fonte

Stubbs B et al. EPA guidance on physical activity as a treatment for severe mental illness: a meta-review of the evidence and Position Statement from the European Psychiatric Association (EPA), supported by the International Organization of Physical Therapists in Mental Health (IOPTMH). Eur Psychiatry. 2018;54:124-144. doi:10.1016/j.eurpsy.2018.07.004.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Lepore
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Dermatologi, Medici di Base, Chirurghi Generali

    • 19 Via Manzoni Alessandro - Garbagnate Milanese
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Tiziana Volpe
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base, Professional Counselor

    • Piazzale Jonio 50 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Irene Pistis
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via della Reoubblica 461/3 - Vergato
    telefono
  • Foto del profilo di Studio Medico San Pellegrino
    attivo 3 anni, 5 mesi fa

    Medici dello Sport, Medici di Base

    Fai passa parola!

    Consiglia questo special

    doctor ad un amico

    messaggio telefono visita a
    domicilio
    video
    consulenza
    WhatsApp conferenze
    e webinar
  • Foto del profilo di Dott.ssa Cinzia Maria Zurra
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Medici Estetici, Nutrizionisti

    • Viale Rimembranze 5 - Triuggio
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Emicrania

L’emicrania è una cefalea primaria che si manifesta con attacchi ricorrenti di mal di testa di intensità moderata o severa, di durata variabile dalle 4 alle 72 ore, intervallati da

Nevralgia del trigemino

Il nervo trigemino è il quinto delle dodici coppie di nervi cranici presenti nella testa; è il nervo responsabile di fornire sensazioni al viso. Un nervo trigemino corre sul lato

Attacco ischemico transitorio

L’attacco ischemico transitorio (TIA) è una forma lieve di ictus cerebrale ischemico o “mini-stroke”, che si verifica quando la circolazione cerebrale è parzialmente compromessa dalla presenza di restringimenti od occlusioni

Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è un disturbo psichiatrico caratterizzato da pensieri ricorrenti, accompagnati da paure e preoccupazioni del tutto irrazionali e immotivate, che portano chi ne soffre a ripetere continuamente,

Disturbo da attacco di panico

Il disturbo da attacchi di panico è una malattia psichiatrica caratterizzata da episodi di improvvisa e intensa paura, angoscia e sensazione di morte imminente o forte timore per la propria

Neuroma di Morton

Il neuroma di Morton consiste nella formazione di un ispessimento del tessuto che circonda un tratto di nervo presente nella pianta del piede, in corrispondenza della zona d’appoggio anteriore (avampiede),
L'anorgasmia

Anorgasmia

L’anorgasmia è la sindrome con la quale si indica la difficoltà ad avere orgasmi anche dopo una normale stimolazione sessuale. L’intensità e la frequenza di orgasmi nelle donne sono variabili

Malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson è una patologia neurodegenerativa del sistema nervoso centrale legata all’invecchiamento, che colpisce circa il 2,5% delle persone con più di 70 anni e che si caratterizza

Ansia

L’ansia o, più precisamente, il “disturbo d’ansia generalizzata”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”. È una malattia psichiatrica caratterizzata da: preoccupazione e ansia intense

Cefalea

La cefalea, il cosiddetto “mal di testa”, è probabilmente la forma più comune di dolore. Si tratta di un dolore cronico o ricorrente che interessa varie strutture del capo, come
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile