ARTICOLI CORRELATI

L'uso della pianta di cannabis per fini medicali

L’uso della pianta di cannabis per fini medicali

Per secoli e soprattutto in alcune latitudini la cannabis, intesa come erba medica e curativa ha rappresentato un rimedio efficace. In questi anni recenti molte persone la usano per ridurre i sintomi e curare molte malattie.

Esercizio fisico nella spondilite anchilosante

La spondilite anchilosante (SA) è una malattia reumatica infiammatoria a carico dello scheletro e dell’ articolazione che congiunge  l'osso sacro all'osso iliaco alla base della colonna vertebrale.
La dieta nella malattia renale cronica

La dieta nella malattia renale cronica

La finalità della dieta è quella di migliorare la funzionalità renale, evitando che si arrivi ad una condizione di grave “Insufficienza”, evitando anche che nel sangue si riversino elementi come “rifiuti” provenienti dall’alimentazione, non adeguatamente filtrati dal rene.

Protesi d’anca e chirurgia riparatrice

La protesi totale dell'anca, costituita da una parte di forma sferica e da una presa, viene realizzata in metallo o anche può essere fatta con un tipo di ceramica o di plastica (polietilene) e ha diversi componenti, tra cui la sfera stessa dell’anca.

La memoria a breve e quella a lungo termine

pexels-photo-255268

La Memoria è una funzione del sistema nervoso centrale che consente a tutti gli esseri animali di poter utilizzare al meglio le conoscenze provenienti dall’esperienza:  possono essere così affrontati,  in maniera sempre più adeguata,  difficoltà o problemi vecchi e nuovi  provenienti dal mondo esterno.
Nel genere umano, in particolare, la memoria ha assunto un valore fondamentale sia nella diffusione del linguaggio, sia nello sviluppo della cultura.
Alla base della memoria vi è innanzitutto  l’apprendimento,  capacità di acquisire nuove informazioni dal mondo esterno. Queste  informazioni, conservate in particolari aree cerebrali, possono essere recuperate e utilizzate.
I tre differenti momenti alla base dei processi mnemonici sono:
1 –  l’acquisizione di nuove informazioni o esperienze provenienti dal mondo esterno;
2 – il consolidamento e la conservazione delle informazioni;
3 – il richiamo e l’utilizzo delle informazioni archiviate.
Uno degli aspetti più  importanti  della memoria è il consolidamento delle informazioni acquisite, che si attua attraverso formazione di nuove proteine, attivazione di geni e modifiche di sinapsi e dendriti.

VARIE FORME DI MEMORIA  
In base al tempo di conservazione dell’informazione nelle strutture cerebrali, è possibile distinguere due differenti forme di memoria:
1 – la memoria a breve termine
2 – la memoria a lungo termine
Nella memoria a breve termine l’informazione è conservata solo per un breve lasso di tempo, secondi o minuti;  nella memoria a lungo termine l’informazione è disponibile anche  per lunghi intervalli di tempo, anche per anni.

MEMORIA A BREVE TERMINE

La memoria a breve termine è la  capacità di conservare e di richiamare un ricordo acquisito poco prima solo per un brevissimo intervallo temporale (da trenta secondi a due minuti). Nell’ambito della memoria a breve termine, vi è la cosiddetta memoria immediata o memoria di lavoro (working memory),  che permette di archiviare l’informazione e di impiegarla solo per attuare una determinata attività.

MEMORIA A LUNGO TERMINE

E’ il processo di apprendimento che si completa con la conservazione e il successivo consolidamento della informazione acquisita. Questo processo può avvenire in maniera attiva con l’impegno personale dell’individuo, ma anche senza una partecipazione diretta. E’ opportuno altresì sottolineare la distinzione della  memoria a lungo termine in implicita ed esplicita.
La memoria implicita, detta anche procedurale, è quella legata alla esecuzione di attività, quali nuotare, andare in bicicletta o suonare uno strumento musicale. È strettamente collegata all’addestramento e viene richiamata alla mente in modo non cosciente. La memoria esplicita, detta anche dichiarativa, è relativa ad avvenimenti, persone, situazioni, luoghi od oggetti. Viene richiamata alla mente in maniera cosciente e necessita sempre di consapevolezza. È  la memoria del linguaggio parlato o relativa a precedenti esperienze. Forme di  memoria esplicita sono:
– la memoria episodica o autobiografica, che riguarda esperienze o fatti personali della propria vita;
– la memoria  semantica, che si riferisce a nozioni, concetti o a conoscenze di cultura generale. Tuttavia non tutti i ricordi vengono immagazzinati. Per una corretta memorizzazione è necessaria una selezione delle informazioni, che si basa sia sull’interesse del soggetto per un determinato argomento o avvenimento, sia sulla sua capacità di attenzione e di concentrazione. La memoria a lungo termine, al contrario di quella a breve termine, comporta tutta una serie di mutamenti a carico di neuroni, sinapsi e dendriti. Sono probabilmente coinvolti anche processi di neurogenesi, con formazioni di nuovi neuroni,  in una particolare una struttura encefalica denominata ippocampo che, contrariamente a quanto comunemente si pensa,  continua a produrre nuovi neuroni per tutta la vita.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Federica Filigheddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base

    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Anna Puccio
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base

    • Via Vincenzo Ponsati 69 - Volvera
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa OLGA PETROVSKAIA
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Terapisti del Dolore, Medici di Base, Terapeuta

    • Via Giulio Romano 3 - Valle Martella
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Monica Calcagni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Casilina 32 - Arce
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Erminia Maria Ferrari
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medicina Omeopatica, Medici di Base, Pediatri

    • Via San Carlo 3 - Castel Rozzone
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Sindrome da stanchezza cronica (CFS)

La sindrome da stanchezza o affaticamento cronico (CFS), oggi denominata anche associando l’acronimo ME/CFS (encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica) è una patologia piuttosto complessa che si manifesta con una condizione

Attacco di panico

Cosa si intende per attacco di panico? Si intende come la manifestazione improvvisa di una forte paura accompagnata da un’altrettanto intensa sintomatologia fisica pur in assenza di un reale pericolo

Stimolazione cerebrale profonda

La stimolazione cerebrale profonda (Deep brain Stimulation, DBS) è una metodica neurochirurgica che prevede l’impianto nel cervello di elettrodi che, opportunamente posizionati e attivati da un generatore di impulsi inserito
Dsturbo bipolare

Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare è un disturbo dell’umore complesso e delicato da gestire che porta chi ne soffre a sperimentare periodi di umore depresso, caratterizzati da sintomi analoghi a quelli della

Neuroma di Morton

Il neuroma di Morton consiste nella formazione di un ispessimento del tessuto che circonda un tratto di nervo presente nella pianta del piede, in corrispondenza della zona d’appoggio anteriore (avampiede),

Bruxismo

Il bruxismo è una condizione in cui si digrignano i denti: può accadere, in maniera inconsapevole, in stato di veglia o, più spesso, durante il sonno. Le persone che stringono

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno

Le apnee ostruttive del sonno sono il tipo più diffuso di apnee del sonno: una categoria di disturbi accomunati dal verificarsi di ripetute interruzioni della normale respirazione mentre si dorme,

Sonno e disturbi dell’umore

Disturbi del sonno e disturbi dell’umore sono legati a un doppio filo e si influenzano a vicenda in modo articolato. Decenni di studi e di esperienza clinico-pratica, tanto nell’ambito della

Emicrania

L’emicrania è una cefalea primaria che si manifesta con attacchi ricorrenti di mal di testa di intensità moderata o severa, di durata variabile dalle 4 alle 72 ore, intervallati da

Malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer è la più comune e severa patologia degenerativa del cervello, caratterizzata da un progressivo decadimento delle funzioni cognitive (in particolare, della memoria e del linguaggio), associato
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile