ARTICOLI CORRELATI

Uomini e animali, vicini ma con prudenza

Uomini e animali, vicini ma con prudenza

Per quanto sia ormai accertato che gli animali domestici, soprattutto cani e gatti non rappresentino in generale un rischio concreto di infezioni, conviene essere comunque vigli che non vengano essi stessi attaccati da parassiti o da zecche.

8. Piante e alimentazione

Nonostante la maggior parte degli esseri umani non adotti un regime strettamente vegetariano, le piante presenti nell’alimentazione non solo sono tantissime, ma vengono consumate in ogni loro parte, anche quelle più insolite, dalla radice al fiore!

Cefalee a grappolo

La cefalea a grappolo causa un dolore acuto alla tempia o intorno all’occhio, su un solo lato della testa, che dura per un periodo di tempo abbastanza breve (solitamente da

Sviluppo emotivo e apprendimento

La nostra società e la nostra scuola investono molto sullo sviluppo dell’intelletto e sullo sviluppo di funzioni neuropsicologiche complesse come quella del linguaggio, della cognizione spaziale, temporale, o grafica, nonché della lettura, della scrittura, dell’aritmetica e della capacità di eseguire ragionamenti logici e di memorizzare.

Daniel Goleman. Intelligenza emotiva.

“Intelligenza emotiva” e “Lavorare con intelligenza emotiva” rappresentano due opere fondamentali per la moderna psicologia, infatti risuonano come una svolta necessaria, in un momento in cui ci si è resi

Jet lag: cos’è?

Il jet lag (termine inglese, letteralmente “ritardo da getto”; spesso indicato come mal di fuso) o disritmia, discronia o ancora disincronosi circadiana, è una condizione clinica che si verifica quando si attraversano vari fusi orari (di solito più di due fusi

Neuroma di Morton

Il Neuroma di Morton è una neuropatia che consiste in un rigonfiamento di un nervo del piede che si trova tra il terzo e il quarto dito. La patologia prende

In che modo l’esercizio fisico supporta la tua forma mentale: raccomandazioni attuali

attivit-fisica

Le attività sportive possono portare a un miglioramento a lungo termine delle prestazioni cognitive in tutte le fasce d’età. Tuttavia, gli effetti differiscono tra uomini e donne e non tutte le discipline sportive sport determinano  lo stesso impatto. I ricercatori hanno fornito raccomandazioni basate su un’analisi completa di studi precedenti.Un corpo sano ospita una mente sana: l’attività sportiva può migliorare le prestazioni cognitive. Tuttavia, ci sono numerosi e diversi tipi di sport e una vasta gamma di esercizi e allenamenti. Quale tipo di esercizio e con quale frequenza  manterrà la mente in perfetta forma? Questa è la domanda che è stata esplorata dai ricercatori dell’Università di Basilea e dai loro colleghi dell’Università di Tsukuba in Giappone attraverso un’analisi su larga scala della letteratura scientifica. Hanno usato questa analisi per ricavare raccomandazioni che hanno recentemente pubblicato sulla rivista Nature Human Behaviour.

Gli sport coordinati sono particolarmente efficaciIl gruppo di ricerca con la partecipazione del Dr. Sebastian Ludyga e del Professor Uwe Pühse ha valutato 80 studi individuali per identificare alcune caratteristiche chiave. L’allenamento di resistenza, l’allenamento della forza o un mix di questi componenti sembrano migliorare le prestazioni cognitive. Tuttavia, gli sport coordinati e stimolanti che richiedono schemi di movimento complessi e l’interazione con gli altri praticanti  sono significativamente più efficaci. “Coordinarsi durante uno sport sembra essere ancora più importante del volume totale dell’attività sportiva”, spiega Ludyga.

Un’estensione totale più elevata dell’attività non porta necessariamente a un livello di efficacia corrispondentemente più elevato per l’idoneità mentale. Una durata più lunga per unità di allenamento promette un maggiore miglioramento delle prestazioni cognitive solo per un periodo di tempo più lungo.Tutti i gruppi di età ne beneficiano.Proprio come la nostra condizione fisica, le prestazioni cognitive cambiano nel corso della vita. Esiste un grande potenziale di miglioramento durante l’infanzia (fase di sviluppo cognitivo) e durante la vecchiaia (fase di degrado cognitivo). Tuttavia, il gruppo di ricerca del Dipartimento di sport, esercizio fisico e salute (DSBG) dell’Università di Basilea non ha potuto trovare un indicatore dei diversi livelli di efficacia delle attività sportive all’interno delle diverse fasce di età.

Inoltre, le attività sportive dall’età della scuola primaria a quella successiva non devono essere sostanzialmente diverse per migliorare le prestazioni cognitive. Diverse fasce di età possono quindi essere combinate per un obiettivo comune durante lo sport. “Questo è già stato implementato in modo selettivo con programmi di esercizio congiunti per bambini e i loro nonni”, afferma Pühse. Tali programmi potrebbero quindi essere ulteriormente ampliati.

Si possono condurre sessioni sportive intense per ragazzi e adulti.Lo stesso volume di attività sportiva ha un effetto diverso sull’idoneità fisica per uomini e donne, come già sappiamo. Tuttavia, il gruppo di ricerca è stato ora in grado di verificarlo per l’idoneità mentale. Di conseguenza, gli uomini beneficiano maggiormente dell’attività sportiva.Le differenze tra i sessi sono particolarmente evidenti nell’intensità del movimento, ma non nel tipo di sport. Un duro allenamento sembra essere particolarmente utile per ragazzi e uomini adulti. Abbinato a un graduale aumento di intensità, ciò porta a un miglioramento significativamente maggiore delle prestazioni cognitive per un periodo di tempo più lungo.Al contrario, l’effetto positivo su donne e ragazze scompare se l’intensità viene aumentata troppo rapidamente. I risultati della ricerca suggeriscono che esse dovrebbero scegliere attività sportive di intensità da bassa a media se intendono aumentare la propria  capacità cognitiva.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Vittorio Margutti
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ortopedici, Medici di Base

    • Via Marco Simone Poli 1 - Guidonia Montecelio
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Cinzia Maria Zurra
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Medici Estetici, Nutrizionisti

    • Viale Rimembranze 5 - Triuggio
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giandomenico Mascheroni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Endocrinologi, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via Petrarca 53 - Carnago
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Anna Puccio
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base

    • Via Vincenzo Ponsati 69 - Volvera
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Antonio Varriale
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Dentisti, Medici di Base

    • Via Grotta dell Olmo 20 - Giugliano in Campania
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Ictus emorragico

Secondo la definizione ufficiale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’ictus corrisponde a un’«improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit locale e/o globale delle funzioni cerebrali, di durata superiore

Disturbo da alimentazione incontrollata

Il disturbo da alimentazione incontrollata è un disturbo del comportamento alimentare che si caratterizza per l’incapacità nel controllare l’assunzione di cibo, che si traduce nel ripetersi più o meno frequente

Disturbo da stress post-traumatico

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è un disturbo psichiatrico che può insorgere a qualunque età in persone che hanno vissuto o hanno assistito a un evento traumatico che abbia

Attacco ischemico transitorio

L’attacco ischemico transitorio (TIA) è una forma lieve di ictus cerebrale ischemico o “mini-stroke”, che si verifica quando la circolazione cerebrale è parzialmente compromessa dalla presenza di restringimenti od occlusioni

Stenosi del canale vertebrale

La stenosi del canale vertebrale consiste nel restringimento di un tratto del canale presente lungo tutta la colonna vertebrale (formato dalla successione allineata dei piccoli fori presenti al centro di

Demenza vascolare senile

La demenza vascolare senile corrisponde a un processo di declino cognitivo che va al di là della fisiologica riduzione delle capacità intellettive associata all’invecchiamento. Nella maggioranza dei casi, la demenza

Malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer è la più comune e severa patologia degenerativa del cervello, caratterizzata da un progressivo decadimento delle funzioni cognitive (in particolare, della memoria e del linguaggio), associato
Dsturbo bipolare

Disturbo bipolare

Il disturbo bipolare è un disturbo dell’umore complesso e delicato da gestire che porta chi ne soffre a sperimentare periodi di umore depresso, caratterizzati da sintomi analoghi a quelli della

Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è un disturbo psichiatrico caratterizzato da pensieri ricorrenti, accompagnati da paure e preoccupazioni del tutto irrazionali e immotivate, che portano chi ne soffre a ripetere continuamente,

Distonia neurovegetativa

Se si ha la pazienza di intervistare un medico di famiglia il cui ambulatorio è sempre molto affollato, si scoprirà che una buona parte di pazienti sono afflitti da disturbi
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile