ARTICOLI CORRELATI

Nervo ottico

Si può prevenire il glaucoma?

La prevenzione più significativa del glaucoma sta nel sottoporsi ad una visita oculistica al presentarsi dei primi disturbi o dei sintomi specifici della malattia oculare.

Il rigurgito della valvola mitrale

E’ una condizione in cui i lembi della valvola mitrale non si chiudono in modo ermetico, provocando la fuoriuscita di sangue all'indietro nell'atrio sinistro del cuore.

L’empowerment del paziente diabetico

Quando si parla di empowerment si parla in pratica di un processo lento e progressivo di alfabetizzazione sanitaria, cioè un’azione di diffusione di un concetto sociale di salute, dove tutte le persone hanno il diritto, ma anche il dovere, di essere ben informati sui temi della salute e sulle patologie che li riguardano.

Il desiderio sessuale nelle varie età della vita

Può sembrare facile definirlo, ma nonostante i tanti studi condotti, non è ancora chiara la composizione della struttura del desiderio sessuale, quali elementi la compongono e in quale misura possono influenzarla.

Cyberbullismo: le gravi conseguenze di questa nuova forma di violenza

1486600286-cyberbullismo-fabrizio-pillotto-scaled-1

Il cyberbullismo è un fenomeno che ha trovato maggiore diffusione soprattutto negli ultimi anni, in seguito al diffondersi delle nuove tecnologie della comunicazione, in special modo i social network (luogo prediletto per il cyberbullo). Ma di cosa si tratta nello specifico  ? Ebbene, con il termine cyberbullismo si definisce l’uso delle nuove tecnologie di comunicazione per intimorire, molestare, offendere, minacciare ed escludere le persone. Di solito le vittime di questo nuovo tipo di violenza sono soprattutto gli adolescenti, ovvero quella fascia della popolazione che vive in un rapporto molto stretto con la rete e con i social network. Comportamenti del genere, purtroppo, se non bloccati in tempo possono segnare per sempre la vita dei malcapitati oggetto di cyberbullismo, con gravi conseguenze anche nella vita reale.

I risultati della ricerca

Secondo una ricerca portata a termine da alcuni studiosi dell’Università di Birmingham, effettuata su un campione di oltre 150.ooo bambini e giovani (con meno di 25 anni) di oltre 30 paesi differenti, le vittime di cyberbullismo hanno una maggiore possibilità (in alcuni casi addirittura il doppio) di avere comportamenti autolesionistici e suicidari rispetto a coloro che non ne sono vittime. Inoltre la ricerca ha evidenziato anche un altro dato molto particolare, che riguarda invece gli autori di cyberbullismo. Anche nel loro caso infatti si nota la possibilità di sviluppare comportamenti e pensieri suicidari. Si evince quindi che si tratta di una nuova forma di violenza pericolosa per tutti i soggetti interessati, sia colpevoli che vittime.

I consigli degli studiosi

I risultati di questo studio evidenziano un problema molto importante e da non sottovalutare. Per questo motivo gli autori stessi della ricerca, tra cui citiamo il professor Paul Montgomery dell’Università di Birmingham, puntualizzano con decisione che per debellare definitivamente il problema, o quantomeno ridimensionarne le conseguenze, occorre istituire nelle scuole dei programmi di prevenzione per evitare il verificarsi di un simile problema. In particolare, secondo gli scienziati, occorrerebbe seguire queste raccomandazioni:

  • inserire il concetto di cyberbullismo in tutti quei programmi che si occupano di bullismo in generale e di utilizzo sicuro di internet
  • gli psicologi e i professionisti di salute mentale presenti nell’istituto dovrebbero chiedere agli alunni, a cadenza regolare, se hanno avuto esperienze di cyberbullismo
  • tutte le vittime di cyberbullismo dovrebbero seguire un percorso guidato per individuare eventuali disturbi mentali o tendenze autolesionistiche
  • promuovere programmi scolastici (e non) che insegnino un corretto uso della tecnologia

Solo se si mettono in atto queste normative si ha una maggiore possibilità di combattere questo fenomeno e stroncare sul nascere eventuali attacchi di cyberbullismo, per evitare che ciò possa portare a un tragici epiloghi come troppo spesso siamo abituati a sentire.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Flavio Della Croce
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Psicoterapeuti, Medici di Base

    • Via Sacconi 1 - Borgonovo Val Tidone
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Federica Filigheddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base

    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Vittorio Margutti
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ortopedici, Medici di Base

    • Via Marco Simone Poli 1 - Guidonia Montecelio
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Fabio Fabi
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici dello Sport, Internista, Medici di Base

    • Via Sarsina 147 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Panico
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Dermatologi, Medici di Base

    • Viale Prassilla 41 - Roma
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

La Malattia di Peyronie o del Pene Curvo

Malattia di Peyronie o del pene curvo

La malattia di Peyronie è una patologia derivante da una anomalia del pene dovuta ad un tessuto cicatriziale fibroso che compare sul pene modificandone la forma in erezione, che diventa

Anoressia

L’anoressia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare che induce chi ne soffre a privarsi volontariamente del cibo o ad assumerne quantità estremamente limitate e non compatibili con le richieste

Epilessia

L’epilessia è una patologia neurologica cronica del sistema nervoso centrale, caratterizzata da attacchi acuti (crisi epilettiche) ricorrenti, imprevedibili per frequenza, intensità e durata, intervallati da periodi di benessere nei quali

Depressione maggiore

La depressione maggiore (o “disturbo depressivo maggiore”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”), è un disturbo dell’umore che si contraddistingue per la presenza di

Distonia neurovegetativa

Se si ha la pazienza di intervistare un medico di famiglia il cui ambulatorio è sempre molto affollato, si scoprirà che una buona parte di pazienti sono afflitti da disturbi

Ansia

L’ansia o, più precisamente, il “disturbo d’ansia generalizzata”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”. È una malattia psichiatrica caratterizzata da: preoccupazione e ansia intense

Crisi emotiva

Nell’uso corrente la parola “crisi” ha un significato drammatico, ossia il passaggio da una condizione di stabilità ad una variabilità degli equilibri precedentemente assunti, ritenendo l’omeostasi quale unico referente di

Neuroma di Morton

Il neuroma di Morton consiste nella formazione di un ispessimento del tessuto che circonda un tratto di nervo presente nella pianta del piede, in corrispondenza della zona d’appoggio anteriore (avampiede),

Emicrania

L’emicrania è una cefalea primaria che si manifesta con attacchi ricorrenti di mal di testa di intensità moderata o severa, di durata variabile dalle 4 alle 72 ore, intervallati da

Bruxismo

Il bruxismo è una condizione in cui si digrignano i denti: può accadere, in maniera inconsapevole, in stato di veglia o, più spesso, durante il sonno. Le persone che stringono
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile