ARTICOLI CORRELATI

Il burnout

Si parla molto di burnout, un fenomeno di grande attualità nel mondo del lavoro, nelle aziende, ma anche in altri contesti.Il termine “burnout” è nato nel 1940 in ingegneria aeronautica,

Disturbi psichici dopo il lockdown

I problemi di salute mentale sono una risposta comune all’esperienza del lockdown a seguito del Civid 19. Sintomi come ansia e depressione sono aumentati cosi anche come condizioni di stress e disagio. Legati allo stress sono anche i disturbi del ritmo sonno-veglia con frequenti risvegli notturni e sonno poco ristoratore. Tra i gruppi più a rischio gli anziani, le donne incinte, le persone con patologie preesistenti incluse anche quelle mentali e quelle socialmente più disagiate.
Tiroide rallentata?

Tiroide rallentata?

La tiroide è una ghiandola di piccole dimensioni che ha il compito di regolare il metabolismo, cioè la velocità di trasformazione dell’apporto alimentare in energia. Se l’attività tiroidea rallenta troppo

Mal di testa e Covid 19

I pazienti affetti da COVID 19 possono infatti presentare vari sintomi neurologici e, tra questi, uno dei più comuni è proprio il mal di testa.

Una vita sedentaria influisce negativamente sulla memoria

Sedentariet

Vita Sedentaria: Si sa che uno stile di vita troppo sedentario è fortemente negativo per la salute ed il benessere del nostro organismo. Stare troppe ore al giorno seduti su una sedia dietro ad una scrivania (come nel caso dei lavori d’ufficio o dello studio) o, ancor peggio, passare intere giornate sul divano a guardare la TV (magari accompagnando il tutto con degli snack non proprio salutari) sono abitudini che incidono fortemente e negativamente sulla nostra salute. Tra i rischi più diffusi ci sono sicuramente i problemi legati alla salute del nostro cuore, maggiormente soggetto a patologie pericolose negli individui troppo “amanti della poltrona”. Ma la lista è lunga e, oltre ai già citati problemi cardiocircolatori, include anche diabete e più in generale la possibilità di morte prematura.

Come se non bastasse, secondo un recente studio, uno stile di vita troppo sedentario avrebbe degli effetti negativi anche sul nostro cervello, in particolare sulla sezione che gestisce la memoria.

Lo studio

Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università della California di Los Angeles, che ha coinvolto circa 35 persone di età compresa tra i 45 e i 75 anni, una vita sedentaria porterebbe a dei cambiamenti significativi nella zona del cervello che è fondamentale per la memoria. Tutti i partecipanti alla ricerca si sono sottoposti, dapprima, ad un test conoscitivo per scoprire le loro abitudini e la loro routine quotidiana, con specifiche domande sulla loro (eventuale) attività fisica e sul numero medio di ore trascorse seduti durante l’arco della giornata. Le domande hanno interessato maggiormente il periodo che comprende la settimana antecedente al test.

Dopo il test tutti i partecipanti si sono sottoposti ad una risonanza magnetica ad alta risoluzione, per poter osservare con chiarezza il lobo temporale mediale, la porzione del cervello che è attivamente coinvolta nella formazione delle nuove memorie. Dagli esami effettuati si è potuto notare come uno stile di vita molto sedentario comporti l’assottigliamento della sezione temporale mediale del cervello. Una simile situazione può portare, con l’avanzare degli anni, al declino delle capacità cognitive dell’individuo  e al manifestarsi della demenza.

Come rimediare

Lo studio ha anche fatto emergere che l’attività fisica da sola non basta a migliorare questa condizione e a proteggere la salute del nostro cervello. Occorre quindi modificare le proprie abitudini e il proprio stile di vita. Bisogna evitare di passare troppe ore della giornata consecutive seduti su una sedia ma sarebbe opportuno, di tanto in tanto durante l’arco della giornata, fare delle piccole passeggiate, anche di poche decine di minuti (basta pensare che per rimediare ad un’intera giornata trascorsa sulla sedia occorre fare almeno un’ora di passeggiata). I soggetti più a rischio sono quelli che svolgono un lavoro d’ufficio ma, anche in questo caso, occorre approfittare di tutti i momenti del giorno in cui si ha qualche minuto di pausa per fare dei piccoli esercizi fisici per sgranchire braccia e gambe. E’ anche utile partecipare agli eventi che promuovono uno stile di vita sano per apprendere utili consigli su come muoversi senza stravolgere la propria routine abituale.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Erminia Maria Ferrari
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medicina Omeopatica, Medici di Base, Pediatri

    • Via San Carlo 3 - Castel Rozzone
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giandomenico Mascheroni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Endocrinologi, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via Petrarca 53 - Carnago
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Roberto Zaffaroni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Terapeuta

    • Via San Francesco D' Assisi 5 - Varese
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Lepore
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Dermatologi, Medici di Base, Chirurghi Generali

    • 19 Via Manzoni Alessandro - Garbagnate Milanese
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Fabio Fabi
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici dello Sport, Internista, Medici di Base

    • Via Sarsina 147 - Roma
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Aneurisma cerebrale

Un aneurisma cerebrale è una malformazione vascolare che si presenta come una piccola sporgenza o protuberanza sferica lungo la parete di un’arteria presente nel cervello. La sua presenza è rischiosa

Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è un disturbo psichiatrico caratterizzato da pensieri ricorrenti, accompagnati da paure e preoccupazioni del tutto irrazionali e immotivate, che portano chi ne soffre a ripetere continuamente,

Schizofrenia

La schizofrenia è una malattia psichiatrica cronica severa e invalidante, che insorge prevalentemente alla fine dell’adolescenza o all’inizio dell’età adulta, determinando un’alterata percezione della realtà e conseguenti reazioni e comportamenti

Stenosi del canale vertebrale

La stenosi del canale vertebrale consiste nel restringimento di un tratto del canale presente lungo tutta la colonna vertebrale (formato dalla successione allineata dei piccoli fori presenti al centro di

Mal di testa

Il mal di testa o cefalea, occasionale o ricorrente, è uno dei disturbi più diffusi tra persone di ogni età e di ogni parte del mondo, che, a seconda della

Disturbo da attacco di panico

Il disturbo da attacchi di panico è una malattia psichiatrica caratterizzata da episodi di improvvisa e intensa paura, angoscia e sensazione di morte imminente o forte timore per la propria

Cefalea tensiva

La cefalea tensiva è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per gli episodi di dolore diffuso a tutto il capo, di intensità lieve o moderata, che

Trauma cranico

Un trauma cranico, detto anche “concussione” in termini medici, consiste nello scontro violento della testa contro una superficie dura o, viceversa, di un oggetto contundente contro la teca cranica e/o

Neuroma di Morton

Il neuroma di Morton consiste nella formazione di un ispessimento del tessuto che circonda un tratto di nervo presente nella pianta del piede, in corrispondenza della zona d’appoggio anteriore (avampiede),

Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per la modalità con la quale si manifestano gli attacchi, che si concentrano appunto “a
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile