ARTICOLI CORRELATI

Il rigurgito della valvola mitrale

E’ una condizione in cui i lembi della valvola mitrale non si chiudono in modo ermetico, provocando la fuoriuscita di sangue all'indietro nell'atrio sinistro del cuore.

Professioni lavorative nella malattia della valvola mitrale

E’ noto che i fattori di rischio per le malattie del cuore sono dati da abitudini come l’uso eccessivo di alcol, come il fumo, da un’alimentazione iperproteica e ricca di grassi, ed anche da fattori genetici, mentre spesso una minore considerazione viene riservata ai fattori di origine professionale.

Gli attacchi ischemici transitori

L’attacco ischemico transitorio, o ischemia transitoria, (TIA) è definito come episodio di deficit neurologico causato da una ischemia cerebrale focale con recupero completo entro 24 ore. Mediamente la durata di un

Il telefono cellulare non è responsabile della comparsa dei tumori cerebrali

tumore-cerebrale

Dalla metà degli anni 80, epoca in cui il telefono cellulare si è diffuso rapidamente in tutto il mondo, si è pensato a una possibile relazione telefono cellulare – tumore cerebrale,  a seguito della esposizione del cervello ad alti livelli di radiofrequenza.

Alcuni studi epidemiologici, di tipo caso-controllo,  avevano  mostrato un incremento significativo dei tumori cerebrali legato all’uso del cellulare  e, in particolare, del glioma, mentre nessuna associazione veniva riscontrata con i meningiomi cerebrali  (INTERPHONE Study Group, 2010; Hardell et al, 2011).

Proprio a seguito di tali studi, la International Agency for Research on Cancer (IARC) classificò le radiofrequenze come possibilmente cancerogene (Baan et al., 2011)

In Italia, ove talora la ricerca viene effettuata nelle aule di Tribunale, è rimasta storica la decisione del 2017 del Tribunale di Ivrea che per la prima volta in Italia riconosceva un nesso di causalità tra utilizzo del telefono cellulare e tumore cerebrale, per altro benigno (si trattava infatti di un neurinoma) e non a carico del cervello, ma bensì di un nervo.

In un recentissimo studio condotto in Australia  da alcune università  australiane e neozelandesi, coordinate da Ken Karipidis, è stato esaminato il trend di incidenza dei tumori cerebrali in tre distinti periodi di tempo, allo scopo di valutare sia l’influenza delle migliorate tecniche diagnostiche in questo campo, ma soprattutto la relazione con l’uso sempre più frequente dei telefoni cellulari.

Gli Autori hanno esaminato l’incidenza dei tumori cerebrali primitivi nei periodi 1982–1992, 1993–2002 e 2003–2013, in soggetti di età compresa tra 20–59 anni, desunta dai registri nazionali dei tumori. Sono stati identificati 16.825 casi di tumori cerebrale, rispondenti alle caratteristiche dello studio,  di cui 10.083 a carico di maschi e 6742 a carico di femmine. Questi dati sono stati poi confrontati con l’incidenza dell’uso del cellulare nel periodo 2003–2013.

I  tassi di tumore cerebrale primitivi sono rimasti costanti in tutti i tre periodi. E’ stato registrato solo un incremento del glioblastoma nel periodo 1993–2002, rispetto al periodo precedente (1982–1992), che gli Autori hanno messo in reazione col miglioramento della diagnosi legata al maggior impiego della risonanza magnetica.

Non è stato invece osservato alcun incremento per nessun tipo di tumore cerebrale, inclusi il glioma e il glioblastoma, nel periodo 2003-2013, periodo vi è stato un notevole incremento dell’uso del telefono cellulare. In particolare, gli Autori dell’articolo  non riportano alcun aumento di gliomi a carico del lobo temporale che è la sede più esposta all’uso del cellulare.

Le conclusioni dello studio sono che non è dimostrabile alcun relazione tra tumori cerebrali e telefoni cellulari, né tanto meno una particolare localizzazione cerebrale attribuibile al cellulare.

Bibliografia

Baan R, Grosse Y, Lauby-Secretan B, et al. Carcinogenicity of radiofrequency electromagnetic fields. Lancet Oncol 2011;12:624–6

Hardell L, Carlberg M, Hansson Mild K. Pooled analysis of case control studies on malignant brain tumours and the use of mobile and cordless phones including living and deceased subjects. Int J Oncol 2011;38:1465–74).

INTERPHONE Study Group. Brain tumour risk in relation to mobile telephone use: results of the INTERPHONE international case-control study. Int J Epidemiol 2010;39:675–94.

Fonte

Ken Karipidis et al. Mobile phone use and incidence of brain tumour histological types, grading or anatomical location: a population based ecological study. BMJ Open 2018;8:e024489. doi:10.1136/bmjopen-2018-024489

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Franco Cicerchia
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Oculisti, Agopuntori, Medici di Base

    • Via Alcide de Gasperi 39 - Palestrina
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Roberto Zaffaroni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Terapeuta

    • Via San Francesco D' Assisi 5 - Varese
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Flavio Della Croce
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Psicoterapeuti, Medici di Base

    • Via Sacconi 1 - Borgonovo Val Tidone
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Floriana Di Martino
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Piazza della Rinascita 13 - Pescara
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Fabio Fabi
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici dello Sport, Internista, Medici di Base

    • Via Sarsina 147 - Roma
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Shock, emergenza medica

Può accadere che la circolazione del sangue attraverso il corpo subisca una improvvisa modificazione dando luogo ad una condizione di shock fisiologico, con diminuzione del flusso e di crisi da

Jet lag

Il jet-lag è un disturbo del sonno che interessa chi viaggia attraversando almeno 3-4 fusi orari, verso ovest o verso est, dovuto principalmente al temporaneo venir meno della sincronizzazione tra

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei

Cefalea

La cefalea, il cosiddetto “mal di testa”, è probabilmente la forma più comune di dolore. Si tratta di un dolore cronico o ricorrente che interessa varie strutture del capo, come

Mal di testa

Il mal di testa o cefalea, occasionale o ricorrente, è uno dei disturbi più diffusi tra persone di ogni età e di ogni parte del mondo, che, a seconda della
Alcolismo

Alcolismo

L’alcolismo è una vera e propria malattia, per come si presenta, per i disturbi che causa, per i sintomi che procura al paziente. Si usa il termine Alcolismo quando i

Demenza vascolare senile

La demenza vascolare senile corrisponde a un processo di declino cognitivo che va al di là della fisiologica riduzione delle capacità intellettive associata all’invecchiamento. Nella maggioranza dei casi, la demenza

Cefalea tensiva

La cefalea tensiva è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per gli episodi di dolore diffuso a tutto il capo, di intensità lieve o moderata, che

Ictus emorragico

Secondo la definizione ufficiale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’ictus corrisponde a un’«improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit locale e/o globale delle funzioni cerebrali, di durata superiore

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno

Le apnee ostruttive del sonno sono il tipo più diffuso di apnee del sonno: una categoria di disturbi accomunati dal verificarsi di ripetute interruzioni della normale respirazione mentre si dorme,
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile