ARTICOLI CORRELATI

2. L’ambiente acqua

Spinta di galleggiamento e pressione. Un corpo, immerso in un liquido, riceve una spinta dal basso verso l’alto, pari al peso del volume del liquido spostato.

Camminiamo mezz’ora

Il tempo bello favorisce l’attività fisica esterna. Se si vuole praticare un’attività motoria basilare, come ad esempio una semplice camminata, basta dedicare una mezz’ora al giorno, anche se a giorni

5. Respirazione

Tutti noi, quando nasciamo, conosciamo bene quale sia il modo giusto di respirare. Se osservassimo un bimbo piccolo, poggiato sul fasciatoio, noteremmo subito che respira muovendo la pancia. Se facessimo,

3. Cuore e Polmoni

Conoscere a grandi linee questi due organi vitali, ci aiuta a comprendere come l’ossigeno contenuto nell’aria che respiriamo irrori il nostro corpo e si trasformi in energia per i nostri muscoli.

Primavera voglia di sport, ma quale?

Con l’arrivo della bella stagione, la voglia di uscire e muoversi aumenta un po’ per tutti. Ma soprattutto si rinnova la voglia di cambiare in meglio, di prendersi cura di

8. Piante e alimentazione

Nonostante la maggior parte degli esseri umani non adotti un regime strettamente vegetariano, le piante presenti nell’alimentazione non solo sono tantissime, ma vengono consumate in ogni loro parte, anche quelle più insolite, dalla radice al fiore!

Dopo un infarto, l’attività fisica migliora la condizione di salute del paziente

correre

I pazienti colpiti da  attacco di cuore, che poi prendono parte a un programma di miglioramento dello stile di vita si sentono meglio, soprattutto quando svolgono un’attività fisica aggiuntiva. E’ il risultato di un ampio studio presentato su ACVC Essentials 4 You, una piattaforma scientifica della European Society of Cardiology (ESC).

“L’esercizio fisico consolida la forma fisica, con benefici sia per la salute fisica che mentale“, ha dichiarato l’autore dello studio, il dott. Ben Hurdus dell’Università di Leeds, Regno Unito. “Se gradualmente si è in grado di partecipare ad attività che prospettano serenità , allora si hanno maggiori probabilità di raggiungere una migliore qualità della vita.”

A persone colpite da attacco cardiaco vengono solitamente proposte delle lezioni sullo stile di vita – che rientrano nel quadro della riabilitazione cardiaca – a meno che non esistano particolari controindicazioni. Le lezioni comprendono l’assistenza fisica, lo smettere di fumare, dei consigli sulla dieta e sulla gestione dello stress, oltre che sull’attenzione all’assunzione dei farmaci.

Questo studio ha messo in evidenza soprattutto il modo in cui i pazienti coipiti da infarto considerano la propria salute fisica e mentale (concetto definibile come “qualità della vita correlata alla salute”). 

Gli attacchi di cuore hanno un effetto dannoso sulla qualità della vita, comportando  dei problemi di mobilità, una maggiore cura di sé nelle attività quotidiane, anche se molte persone danno per scontate, come il lavoro e il tempo libero.

Ricerche precedenti hanno mostrato un legame tra riabilitazione cardiaca e miglioramento della qualità della vita nei pazienti con infarto. Tuttavia, la maggior parte di questi studi sono stati condotti prima dei moderni farmaci, statine per abbassare il colesterolo “cattivo” e gli stent per aprire le arterie ostruite.

Lo studio EMMACE-3 ha reclutato 4.570 pazienti che sono stati ricoverati in 48 ospedali in tutta l’Inghilterra con sospetto  di infarto dal 2011 al 2013. I pazienti hanno a più riprese riempito un questionario ,mentre erano in ospedale,  e poi dopo 1 mese, dopo 6 mesi e dopo 12 mesi dalla dimissione.

Tra i punti di domanda veniva chiesto  se frequentavano la Riabilitazione Cardiaca,  la qualità di vita  da loro percepita e una valutazione deilivelli di attività fisica.

I pazienti che hanno partecipato ai programmi di Riabilitazione Cardiaca ,  comunicavano una  generale qualità di vita più elevata rispetto ai pazienti non praticanti.

I pazienti che frequentavano una sessione di Riabilitazione Cardiaca esercitandosi fino 150 minuti o  anche più a settimana,  hanno potuto riscontrare risultati soddisfacenti sulla loro qualità di vita, rispetto a quanti restavano fuori dal programma. Il dottor Hurdus ha dichiarato: “La Riabilitazione Cardiaca comporta non solo risultati fisici, ma anche maggior impegno nella conduzione di un adeguato stile di vita e nell’assunzione di farmaci che si traducono in un generale miglioramento della qualità di vita. A questi risultati si aggiungono anche altri benefici di tipo sociale, come stare con altre persone in una situazione simile e condividerle senso di comunità. Le persone che poi scelgono di svolgere le loro pratiche riabilitative per un numero maggiore di minuti rispetto al minimo raccomandato di 150 minuti a settimana, segnalano di aver ottenuto una qualità della vita ancora maggiore “.

Il professor Chris Gale, autore senior dell’Università di Leeds, ha concluso: “Tutti i pazienti colpiti da un attacco cardiaco dovrebbero essere indirizzati ad un programma di Riabilitazione Cardiaca,  a meno che il loro medico non abbia motivi per sconsigliarlo. Si consiglia ai pazienti di parlarne con il proprio medico curante per considerare se il programma di Riabilitazione Cardiaco può essere adatto alla condizione fisica del paziente”.

Fonte: European Society of Cardiology

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Flavio Della Croce
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Psicoterapeuti, Medici di Base

    • Via Sacconi 1 - Borgonovo Val Tidone
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Irene Pistis
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via della Reoubblica 461/3 - Vergato
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Francesca Vittorelli
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Terapeuta, Agopuntori, Medici di Base

    • Corso Andrea Palladio 134 - Vicenza
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Francesca Marceddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Anestesisti, Medici di Base

    • Via del Risorgimento 49 - Pirri
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Domenico D'Angelo
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Otorinolaringoiatri, Medici di Base, Medico Competente

    • Via Pola 5 - San Prisco
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Aneurisma aortico

Con aneurisma aortico si intende la dilatazione permanente di un segmento ben delimitato dell’aorta, la più grande arteria del corpo che riceve il sangue direttamente dal ventricolo sinistro e lo

Fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo cardiaco più diffuso nel mondo occidentale. Negli Stati Uniti colpisce circa tre milioni di persone; in Italia, secondo le stime, a esserne

Ipertrofia ventricolare

L’ipertrofia ventricolare è una condizione caratterizzata dall’ispessimento e da una perdita di elasticità delle pareti del ventricolo sinistro (ossia della camera inferiore sinistra del cuore), che vede così parzialmente compromessa

Coronaropatia

Con il termine coronaropatia ci si riferisce a una “sofferenza” cronica delle coronarie, le arterie che riforniscono di sangue il muscolo cardiaco, nella maggioranza dei casi determinata dalla patologia arteriosclerotica

Scompenso cardiaco (acuto)

Lo scompenso cardiaco acuto (Acute Heart Failure, AHF) è una condizione clinica potenzialmente pericolosa per la vita che può derivare dal peggioramento di uno scompenso cardiaco cronico già diagnosticato (insufficienza

Stenosi giugulare

La stenosi giugulare corrisponde a un restringimento del lume delle vene giugulari, che sono i principali vasi sanguigni che raccolgono il sangue povero di ossigeno proveniente dal cervello e lo

Shock, emergenza medica

Può accadere che la circolazione del sangue attraverso il corpo subisca una improvvisa modificazione dando luogo ad una condizione di shock fisiologico, con diminuzione del flusso e di crisi da

Ablazione della fibrillazione atriale

L’intervento di ablazione della fibrillazione atriale (FA) è una procedura chirurgica finalizzata a eliminare la fonte dell’aritmia cardiaca, attraverso la distruzione selettiva di piccole porzioni del tessuto cardiaco presenti nelle

Infarto miocardico

L’infarto miocardiaco acuto, che in Italia colpisce ogni anno circa 100.000 persone, corrisponde alla morte di una parte del muscolo cardiaco a causa di un’interruzione del rifornimento di ossigeno e

Insufficienza venosa

L’insufficienza venosa e i disturbi vascolari associati, come varici e teleangectasie (capillari superficiali), interessano soprattutto i vasi venosi delle gambe e delle braccia e sono legati principalmente alla diminuzione del
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile