ARTICOLI CORRELATI

Vitamina D: dal sole alla prevenzione

Gli studi scientifici dimostrano che l’essere umano non possa fare a meno di questo prezioso elemento, necessario alla salute e alla prevenzione di malattie. Dove possiamo attingerlo in natura? In

Quanto dura la tendinite?

I tendini sono le strutture di tessuto connettivo fibroso grazie alle quali i muscoli si collegano alle ossa (o in alcuni casi, alla pelle, come avviene, per esempio, per i

Disturbi del neurosviluppo e autismo

Come sappiamo le patologie del neurosviluppo sono in forte aumento e ci troviamo ogni giorno sia come professionisti del settore, sia come persone, a considerarne tutti i risvolti clinici e umani.

Arteriopatia obliterante periferica: cos’è?

L’arteriopatia obliterante periferica o malattia occlusiva delle arterie periferiche è una condizione medica in cui vi è una lesione ostruttiva localizzata a valle delle arterie renali, con ipoperfusione degli arti inferiori. L’eziologia è nella grande
Problemi intestinali, la crusca

La Stipsi

La stipsi (ovvero, la stitichezza) è un’alterazione dell’alvo caratterizzata dalla emissione in frequente, difficoltosa ed apparentemente incompleta di feci di consistenza aumentata.

Possiamo capire se ci stiamo ammalando leggendo il dna?

possiamo-capire-se-ci-stiamo-ammalando-leggendo-il-dna
Analizzare il dna alla ricerca di tracce genetiche associate al rischio di alcune malattie. Per alcuni è un buon metodo per prevenire l’insorgenza di patologie, ma la comunità scientifica guarda la pratica con scetticismo.
Nel Regno Unito

Matthew Hancock è il segretario di Stato alla Salute del Regno Unito. Nei giorni scorsi ha annunciato, durante un discorso alla Royal Society, di aver un alto rischio di sviluppare un tumore alla prostata. Entro i 70 anni la probabilità di contrarre questo tipo di cancro sarebbe pari al 15%.Almeno secondo i test sul dna a cui si è sottoposto per misurare il rischio collegato a 16 diverse condizioni.

Diminuire i rischi

Questi tipi di test sul dna hanno però dei limiti. Prima di tutto hanno un’accuratezza limitata, producono risultati che non mutano l’atteggiamento clinico e terapeutico e

Il test

Il test a cui si è sottoposto Hancock è stato eseguito dalla Genomics Plc. Si tratta di un cosiddetto test del rischio poligenico, in cui si analizzano moltissime varianti, presenti nel genoma per elaborare una stima del rischio di contrarre una determinata malattia, con l’idea che ognuna possa contribuire in minima parte. Di per sé questo tipo di analisi sono molto utili su studi di grandi coorti di pazienti, perché permettono di

I risultati sul singolo caso

A livello del singolo, però, questi test hanno un valore più limitato, Non solo non sono esaustivi, ma In conclusione, la rilevanza clinica a oggi di questi test resta dubbia.

Sapere dall’analisi del DNA se e di cosa possiamo ammalarci?

Certo prevedere e controllare il futuro è da sempre uno dei sogni dell’essere umano. La scoperta e gli studi sul DNA sembrano rappresentare una sorta di realizzazione di questo sogno: poter sapere cioè in anticipo di cosa ci ammaleremo e avere conseguentemente la possibilità di prendere i provvedimenti necessari per scongiurare questa evenienza.

Ma è davvero così?

Gli scienziati sono molto cauti al riguardo.

Ad esempio il test del rischio poligenico con cui si analizzano moltissime varianti del genoma per fare poi una stima del rischio di contrarre una specifica malattia, può avere valore ma solo su grandi numeri di pazienti.

Questo infatti permetterebbe di identificare varianti collegate a una determinata condizione e quindi possibili vie metaboliche coinvolte, al fine di approntare nuovi farmaci.

Sul singolo caso il valore del test è limitato, la rilevanza clinica è dubbia.

Questi test infatti riguardano malattie multifattoriali, in cui rivestono un ruolo importante sia l’ambiente che lo stile di vita.

Come sottolinea su Wired Leonardo Salvati, Direttore della Scuola di Specializzazione in Genetica Medica all’Università di Padova: “Questi test analizzano solo una parte della componente genetica associata a una determinata condizione, ovvero solo un tot di polimorfismi”, senza prendere in considerazione le singole varianti genetiche e le loro interazioni.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Francesca Marceddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Anestesisti, Medici di Base

    • Via del Risorgimento 49 - Pirri
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Izabella Sylwia Bartosiewicz
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Reumatologi

    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Lorenzo Cerreoni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Macero Sauli 52 - Forlì
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Cristiano Crisafulli
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Diabetologo, Medici di Base, Internista

    • Via Vittorio Emanuele II 181 - Acireale
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Carmela Tizziani
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medico Legale, Medico Certificatore, Medici di Base

    • Via Gaetano Bruno 25 - Napoli
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Aneurisma cerebrale

Un aneurisma cerebrale è una malformazione vascolare che si presenta come una piccola sporgenza o protuberanza sferica lungo la parete di un’arteria presente nel cervello. La sua presenza è rischiosa

Sindrome di De Quervain

La sindrome di De Quervain è una condizione dolorosa della mano, legata all’infiammazione delle guaine che rivestono due tendini presenti sul lato mediale (interno) del polso e che controllano i

Emicrania

L’emicrania è una cefalea primaria che si manifesta con attacchi ricorrenti di mal di testa di intensità moderata o severa, di durata variabile dalle 4 alle 72 ore, intervallati da

Frattura dell’anca

La frattura dell’anca è una lesione grave, con complicanze che possono essere pericolose per la vita. La maggior parte delle fratture dell’anca si verifica al femore, l’osso lungo che si

Sindrome dell’intestino irritabile

La sindrome dell’intestino irritabile è un disturbo comune che colpisce l’intestino crasso. Si tratta di una condizione cronica che deve essere gestita a lungo termine. Solo un piccolo numero di

Pancreatite

La pancreatite è l’infiammazione nel pancreas, la ghiandola lunga e piatta posta trasversalmente nella parte superiore e posteriore della cavità addominale. Il pancreas produce enzimi che aiutano la digestione e

Sindrome metabolica

La sindrome metabolica non è propriamente una malattia, ma una condizione complessa definita dalla simultanea presenza di noti fattori di rischio cardiovascolare quali obesità (soprattutto di tipo “centrale”, ossia a

Ernia addominale

Un’ernia addominale si verifica quando un viscere o una sua parte fuoriesce dalla cavità addominale dov’è contenuto, per l’indebolimento di una delle pareti muscolari che lo richiudono. La sacca che

Ipersalivazione

Se la saliva inizia ad accumularsi, potrebbe iniziare a gocciolare fuori dalla bocca involontariamente. Se questo può essere ritenuto normale nei neonati, nei bambini più grandi e negli adulti può

Dispareunia

Si definisce dispareunia un dolore genitale persistente che si verifica nella donna poco tempo prima o durante il rapporto sessuale e talvolta ancora presente a rapporto terminato. Il rapporto doloroso
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile