ARTICOLI CORRELATI

Ulcera peptica: cos’è?

L’ulcera peptica è una malattia di notevole rilevanza sociale.  Dai dati attualmente disponibili risulta che nei Paesi occidentali il 2% della popolazione presenta un’ulcera attiva, mentre il 6-15% ha presentato nel

Sindrome di Sjogren

Nel 1933 il medico svedese Henrik Sjögren descrisse per la prima volta un gruppo di donne in cui l’artrite cronica era accompagnata da secchezza oculare e della bocca, scoprendo di
Il-melanoma-in-giovani-e-adolescenti

Il melanoma in giovani e adolescenti

Il melanoma è molto diffuso anche in Europa dove fa registrare decine di migliaia di casi ogni anno, con una diffusione in crescite e alti livelli di mortalità.

Gonorrea: cos’è

La gonorrea è causata dal battere Neisseria gonorrhoeae. La gonorrea è causata dal batterio Neisseria gonorrhoeae, che caratteristicamente infetta l’epitelio di vescica, cervice, retto, faringe o congiuntiva, e provoca infiammazione e

Pazienti candidati al training fisico riabilitativo

È possibile identificare le seguenti categorie di pazienti coronaropatici in cui il training fisico riabilitativo può fornire gli effetti desiderati: Pazienti a basso rischio dopo un evento cardiaco acuto, Pazienti

Retinopatia diabetica: cosa c’è da sapere

Nella fase iniziale della retinopatia diabetica possono non esserci sintomi. E’ molto importante non aspettare di vedere meno per farsi visitare. Rapidi cambiamenti dei valori glicemici, anche in assenza di una

Doppio supporto più efficace per smettere di fumare

fumare

Due è meglio di uno. Una regola vera in molti casi, che resta valida anche quando si tratta di smettere di fumare. Impresa non da poco, che raramente si riesce a concludere con successo senza una seria determinazione e il supporto di preparati sostitutivi della nicotina, che aiutano a ridurre i sintomi di astinenza tipici delle prime settimane.

I sostituti della nicotina in commercio sono ormai molti e ciò permette a ciascuno di scegliere quello più comodo e meglio tollerato tra cerotti transdermici a lento rilascio, losanghe da sciogliere in bocca, gomme da masticare, spray nasali od orali, alcuni liberamente acquistabili in farmacia senza ricetta, altri da concordare con il medico nel contesto di un piano di disassuefazione più articolato.

In genere, soprattutto se li si usa spontaneamente, si impiega un solo tipo di sostituto della nicotina per volta, in considerazione del fatto che la quantità di principio attivo rilasciato è ritenuta sufficiente ad attenuare il desiderio di fumare, senza indurre effetti collaterali significativi.

In base ai risultati di una revisione del gruppo Cochrane, tuttavia, usare contemporaneamente due preparati sostitutivi della nicotina anziché uno soltanto aumenterebbe le probabilità di riuscire a smettere di fumare con successo in modo prolungato, se non definitivo. Alla conclusione i revisori sono arrivati analizzando i risultati ottenuti nei 63 studi più solidi che hanno testato gli effetti di diversi sostituti della nicotina e loro combinazioni, su un totale di oltre 41.500 fumatori con un consumo medio di almeno 15 sigarette al giorno e desiderosi di smettere.

In particolare, l’approccio più efficace per abbandonare il fumo sembra essere quello basato sulla combinazione di un cerotto a lento rilascio da applicare sulla cute e di un secondo sostituto ad azione rapida, come le losanghe, le gomme da masticare o lo spray nasale, da assumere al bisogno, rispettando tempi e dosaggi indicati sulle confezioni o consigliati dal medico.

Le losanghe e le gomme da masticare a maggior dosaggio di nicotina (4 mg) sono risultate più efficaci di quelle a dosaggio inferiore (2 mg), mentre per i cerotti non è chiaro se un dosaggio di nicotina maggiore (21-25 mg) o inferiore (14-15 mg) comporti esiti significativamente differenti. Al contrario, sembrerebbe essere vantaggioso iniziare ad applicare il cerotto transdermico e/o ad assumere sostituti ad azione rapida non il giorno stabilito per l’abbandono delle sigarette, ma quello precedente (questa evidenza, tuttavia, richiede verifiche ulteriori).

«I sostituti della nicotina sono preparati sicuri, efficaci e ben tollerati», ha affermato Nicola Lindson dell’Università di Oxford (Regno Unito), principale autrice della revisione, «ma per trarne i massimi benefici nella disassuefazione dal fumo vanno usati correttamente, in modo da massimizzarne le potenzialità, cosa che spesso non avviene. L’uso combinato di un cerotto a lento rilascio e un sostituto della nicotina ad azione rapida offre maggiori chanches di smettere di fumare: molte persone temono che usare due sostituti della nicotina contemporaneamente possa comportare rischi, ma le evidenze cliniche informano che non è così».

Per stare ancora più sicuri, se si decide di smettere di fumare, il consiglio è rivolgersi a un Centro specializzato per la disassuefazione dal fumo o al proprio medico di fiducia e individuare un piano personalizzato, tenuto conto dell’età, del sesso e di eventuali patologie presenti. In aggiunta ai sostituti della nicotina, un supporto psicologico può aumentare ulteriormente le probabilità di successo.

Fonte

Lindson N et al. Different doses, durations and modes of delivery of nicotine replacement therapy for smoking cessation. Cochrane Database of Systematic Reviews 2019; Issue 4; Art. No. CD013308 (https://www.cochrane.org/news/featured-review-different-doses-durations-and-modes-delivery-nicotine-replacement-therapy)

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Erminia Maria Ferrari
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medicina Omeopatica, Medici di Base, Pediatri

    • Via San Carlo 3 - Castel Rozzone
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Panico
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Dermatologi, Medici di Base

    • Viale Prassilla 41 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Antonio Varriale
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Dentisti, Medici di Base

    • Via Grotta dell Olmo 20 - Giugliano in Campania
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Monica Calcagni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Casilina 32 - Arce
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Squillante Gianni Erminio
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Agopuntori, Medicina Omeopatica, Medici di Base

    • Via Monterotondo 14 - Roma
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

La rinite allergica

Rinite allergica

La rinite allergica è un’infiammazione della mucosa che riveste le cavità interne del naso (mucosa nasale).

Polmonite

La polmonite è una malattia respiratoria caratterizzata dall’infiammazione acuta degli alveoli e/o degli spazi interstiziali dei polmoni, indotta da cause diverse, non sempre facili da identificare. L’infiammazione può svilupparsi in

Raffreddore

Il raffreddore è un’infezione respiratoria acuta di origine virale che interessa principalmente il naso e la gola e che può essere accompagnata da tosse. Una volta colpite dai virus, le

Allergie e intolleranze alimentari

Le reazioni fisiche a certi alimenti sono comuni, ma per la maggior parte sono causate da un’intolleranza alimentare piuttosto che da un’allergia alimentare. Un’intolleranza alimentare può causare alcuni degli stessi

Enfisema polmonare

L’enfisema è una condizione respiratoria che fa parte del quadro clinico caratteristico della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) ed è caratterizzato da una progressiva distruzione dei setti e degli alveoli polmonari

Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)

Secondo la definizione ufficiale, la BPCO è «una condizione patologica dell’apparato respiratorio caratterizzata da ostruzione del flusso aereo, cronica e parzialmente reversibile, cui contribuiscono in varia misura alterazioni bronchiali (bronchite

Pleurite

La pleurite è una malattia respiratoria caratterizzata dall’irritazione e dall’infiammazione acuta della pleura, la membrana composta da due strati che avvolge i polmoni e li separa dagli altri organi e

Bronchiti

Con il termine bronchite si intende un’infiammazione acuta della trachea e dei bronchi che generalmente insorge come conseguenza di un’infezione virale o, più raramente, batterica. In persone complessivamente sane e

Insufficienza respiratoria

Si è in presenza di una condizione di “insufficienza respiratoria” quando l’apparato respiratorio non è in grado di assicurare efficienti scambi gassosi attraverso i polmoni, impedendo di mantenere un adeguato

Asma bronchiale

L’asma bronchiale è una malattia respiratoria cronica determinata da un’infiammazione persistente delle vie aeree, in particolare dei bronchi, che genera un’ipersensibilità a una serie di stimoli che, quando presenti, determinano
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile