ARTICOLI CORRELATI

Scottature e ustioni. Acqua o olio?

Nella tranquillità della nostra cucina possiamo inavvertitamente incorrere in una scottatura. Quasi sempre ricorriamo subito ai metodi tradizionali, trasmessi dai nostri genitori. Attenzione però, non sempre questi rimedi sono giusti!

Il rischio di infezioni funginee in piscina

In luoghi come le piscine le infezioni fungine sono molto frequenti per via del notevole affollamento di persone in acqua, ma anche per certe condizioni favorevoli come i livelli più elevati di umidità e di temperature.

Demenza vascolare, cos’è e come si manifesta

Per demenza vascolare si intende un deterioramento cognitivo acuto o cronico dovuto ad infarti cerebrali diffusi o focali che sono correlati il più delle volte a una malattia cerebrovascolare. Questa tipologia di

Cosa fare quando si ha un crampo muscolare?

Il crampo è una contrazione improvvisa, breve, non intenzionale (involontaria) e generalmente dolorosa di un muscolo o di un gruppo di muscoli. I crampi muscolari possono essere un sintomo di malfunzionamento
Il ginocchio dolente

Il ginocchio dolente

Quando il ginocchio fa male occorre fermarsi e indagare sulle possibili cause, che possono essere sia dovute a cadute, colpi o traumi vari oppure al risultato di una progressiva degenerazione delle articolazioni, delle cartilagini o dei legamenti.

Climatizzati e rinfrescati Si, congelati No!

Anche se i benefici dell’aria condizionata sono indiscutibili, nel corso degli ultimi decenni si sono anche evidenziati una serie di svantaggi o di controindicazioni, derivanti da una sempre più larga diffusione del condizionamento degli ambienti e dall’abitudine delle persone.

Aneurisma cerebrale: cos’è?

L’aneurisma cerebrale è una protuberanza permanente, cioè una dilatazione focale di un vaso arterioso del cervello in corrispondenza della quale la parete si tende, assottigliandosi e formando una bolla. Può sfociare nella

Troppo stress e poco sonno nemici del cuore

stress-lavorativo

Di studi in merito ne sono già stati fatti parecchi, ma le nuove evidenze e la quantificazione del rischio cardiovascolare associato all’eccessivo stress sul lavoro e al sonno scarso, presi singolarmente o in combinazione, segnalati dal gruppo coordinato da Karl-Heinz Ladwig del German Research Centre for Environmental Health – Technical University di Monaco di Baviera (Germania) non possono passare inosservate, soprattutto se si ha la pressione alta.

In base ai dati ottenuti dall’analisi di quasi 2.000 lavoratori ipertesi di età compresa tra 25 e 65 anni, infatti, chi è sottoposto a stress professionale e soffre di disturbi del sonno presenta un rischio di morte per cause cardiovascolari ben tre volte superiore (+300%) rispetto a chi ha una relativa serenità lavorativa e dorme bene. E ciò in assenza di fattori di rischio aggravanti come sindrome metabolica, diabete o patologie cardiovascolari note.

Anche preso da solo, lo stress lavorativo ha effetti tutt’altro che benefici sull’apparato cardiovascolare, risultando associato a un aumento del rischio di morte per cause cardiovascolari di 1,6 volte (+60%), mentre se il sonno frammentato e/o insufficiente è presente in assenza di stress lavorativo l’aumento del rischio di morte per cause cardiovascolari è pari a 1,8 volte (+80%), rispetto a chi non è interessato da nessuno dei due problemi.

In termini assoluti, in un periodo di follow-up di 18 anni, stress lavorativo e sonno inadeguato si sono associati a un rischio di morte per cause cardiovascolari pari a 7,13 per mille anni-persona contro 3,05 per mille anni-persona di chi non è stressato e dorme bene, 4,99 per mille anni-persona di chi è solo stressato e 5,95 per mille anni-persona di chi dorme male senza la componente di stress lavorativo.

Gli Autori dello studio precisano che lo stress lavorativo si instaura in situazioni nelle quali al lavoratore sono richieste prestazioni elevate a fronte di un potere decisionale minimo o nullo, ossia quando oltre a essere sotto pressione si è anche costretti a eseguire gli ordini, senza avere voce in capitolo. Viceversa, anche un forte carico lavorativo può essere ininfluente o vantaggioso per la salute se si può avere il controllo della situazione e scegliere autonomamente come agire.

Lo stress lavorativo si associa spesso a difficoltà ad addormentarsi e a risvegli precoci che lasciano ampio spazio a prolungate ruminazioni sulle difficoltà e le frustrazioni della giornata appena trascorsa o che si dovrà affrontare dopo il suono della sveglia, impedendo lo stand-by fisiologico di cui l’apparato cardiovascolare ha bisogno per mantenersi sano. Se la situazione riguarda brevi periodi (giorni o settimane) non è un grosso problema, ma se si protrae a lungo (anni) il discorso cambia radicalmente, e i rischi aumentano.

Per evitare problemi è fondamentale agire su entrambi i fronti, perché se è vero che lo stress disturba il sonno altrettanto vero è che un sonno insoddisfacente rende più nervosi e propensi a sviluppare ansia e stress. In particolare, gli esperti della Società Europea di Cardiologia (ESC) suggeriscono di:

  • imparare tecniche di rilassamento e usarle più volte al giorno;
  • seguire uno stile di vita sano (dieta equilibrata e attività fisica regolare);
  • evitare fumo, alcolici e sostanze stimolanti (eccesso di caffeina, energy drink ecc.);
  • mantenere ritmi regolari e addormentarsi e svegliarsi a orari fissi;
  • individuare strategie personali per ridurre lo stress lavorativo;
  • migliorare le relazioni sociali e aumentare i momenti di svago;
  • se il sonno non migliora, chiedere l’aiuto di uno specialista di Medicina del sonno;
  • se ansia e stress sono francamente eccessivi e difficili da controllare autonomamente, chiedere un supporto psicologico.

Fonte

Li J, Atasoy S, Fang X, Angerer P, Ladwig KH. Combined effect of work stress and impaired sleep on coronary and cardiovascular mortality in hypertensive workers: The MONICA/KORA cohort study. Eur J Prev Cardiol 2019; doi:10.1177/2047487319839183.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Cinzia Maria Zurra
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Medici Estetici, Nutrizionisti

    • Viale Rimembranze 5 - Triuggio
    telefono
  • Foto del profilo di Studio Medico San Pellegrino
    attivo 3 anni, 5 mesi fa

    Medici dello Sport, Medici di Base

    Fai passa parola!

    Consiglia questo special

    doctor ad un amico

    messaggio telefono visita a
    domicilio
    video
    consulenza
    WhatsApp conferenze
    e webinar
  • Foto del profilo di Dr. Monica Gamba
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Chirurghi Plastici, Medici di Base

    • Viale Radich 21/N - Grugliasco
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Massimo Carotenuto
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Chirurghi Generali, Medici di Base

    • Via Lepanto 95 - Pompei
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Franco Cicerchia
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Oculisti, Agopuntori, Medici di Base

    • Via Alcide de Gasperi 39 - Palestrina
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Stimolazione cerebrale profonda

La stimolazione cerebrale profonda (Deep brain Stimulation, DBS) è una metodica neurochirurgica che prevede l’impianto nel cervello di elettrodi che, opportunamente posizionati e attivati da un generatore di impulsi inserito

Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è un disturbo psichiatrico caratterizzato da pensieri ricorrenti, accompagnati da paure e preoccupazioni del tutto irrazionali e immotivate, che portano chi ne soffre a ripetere continuamente,

Depressione maggiore

La depressione maggiore (o “disturbo depressivo maggiore”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”), è un disturbo dell’umore che si contraddistingue per la presenza di

Sindrome da stanchezza cronica (CFS)

La sindrome da stanchezza o affaticamento cronico (CFS), oggi denominata anche associando l’acronimo ME/CFS (encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica) è una patologia piuttosto complessa che si manifesta con una condizione

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei

Bulimia nervosa

La bulimia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare più diffuso di quanto si creda e ampiamente sottodiagnosticato, soprattutto nelle forme lievi, che possono passare inosservate se non sono i

Sonno e menopausa

I disturbi del sonno sono uno dei problemi di salute segnalati più spesso dalle donne che si avvicinano alla menopausa e nel periodo successivo (climaterio). Il bisogno di dormire tende

Cefalea

La cefalea, il cosiddetto “mal di testa”, è probabilmente la forma più comune di dolore. Si tratta di un dolore cronico o ricorrente che interessa varie strutture del capo, come

Sincope

Con il termine sincope ci si riferisce a un episodio di svenimento, ossia a un’improvvisa perdita dei sensi, che può interessare persone di qualunque età e che può essere indotta

Declino cognitivo lieve

Il declino cognitivo lieve (Mild cognitive imparment, MDI) è una forma di decadimento delle prestazioni intellettive e delle capacità di memorizzazione e organizzazione delle attività intermedia tra il fisiologico calo
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile