ARTICOLI CORRELATI

Coppie separate dal Covid-19

I rapporti sessuali al tempo del Covid 19

Le direttive adottate per ridurre il rischio di contagio da Covid 19 limitano i contatti interpersonali, influenzando anche la vita sessuale. Sebbene il Covid-19 non sia classificabile come malattia sessualmente trasmissibile. Tutto questo causa degli effetti nelle abitudini sessuali delle persone.

Anoressia nervosa

L’anoressia nervosa è stata inserita nel DSM 5 (2013) nella più ampia categoria diagnostica chiamata Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione. La caratteristica principale di questo disturbo è il rifiuto del cibo. Il

Quarantena: impatto e costi psicologici

quarantena

The Lancet Journal ha pubblicato una recentissima review relativa all’impatto e al costo in termini psicologici derivanti dalla quarantena. 

Sono stati presi in considerazione 24 lavori fatti tra il 2004 e il 2020 in vari paesi (Canada, Cina, Sud Corea, Svezia, Liberia, Taiwan) sugli effetti della quarantena adottata in occasioni di epidemie (SARS, Ebola, Influenza Equina) .

Sono stati esaminati gli effetti sintomatici della quarantena, gli elementi  stressogeni ed i fattori che dovrebbero essere presi in considerazione per attutirne gli effetti negativi. 

 La quarantena rappresenta un’esperienza eccezionale e spiacevole: l’incertezza generalizzata e sullo stato di malattia, la limitazione della libertà, l’allontanamento dai propri cari e dalle proprie abitudini di vita, la noia possono indurre particolari reazioni psicologiche se non addirittura vere e proprie sintomatologie.

Si evidenziano quindi generalizzati disturbi psicologici  (irritabilità, nervosismo, umore basso), difficoltà emotive (tristezza, paura, rabbia, confusione, colpevolezza) sintomi (insonnia, ansia, depressione, stress, sintomi post-traumatici da stress). In un numero basso sono segnalati suicidi ed azioni legali.

Di particolare interesse risulta il fatto che gli operatori sanitari posti in quarantena sembrano attivare comportamenti di evitamento, come la riduzione al minimo del contatto diretto con i pazienti.

Gli elementi che concorrono ad innalzare il livello di stress si possono così riassumere:

  • prolungamento della quarantena (periodi di quarantena più lunghi sono maggiormente associati a sintomi di stress post-traumatico e a comportamenti di evitamento e rabbia
  • informazioni inadeguate (le informazioni dovrebbero essere sempre improntate ad una logica chiara per evitare confusione sullo scopo della quarantena)
  • paure di infezione (linee guida poco chiare e insufficienti sulle azioni da intraprendere sono associate ad ansia ed insicurezza. Le persone in quarantena infatti spesso temono di essere infettate o di infettare gli altri e valutano catastroficamente eventuali sintomi fisici))
  • forniture inadeguate (sia in termini di presidi sanitari che di approvvigionamenti sono fonte di frustrazione e, anche dopo la fine della quarantena, sono associate ad ansia e rabbia)
  • perdite finanziarie (le preoccupazioni finanziarie collegate con l’obbligata inattività rappresentano, anche diversi mesi dopo la fine della quarantena, una fonte di rabbia e di ansia 
  • stigmatizzazione (nel caso dell’epidemia di Ebola in Senegal ad esempio diversi operatori sanitari hanno riportato le tensioni nate nelle loro famiglia che, a seguito del coinvolgimento nella quarantena, hanno iniziato a considerare il loro lavoro troppo pericoloso)
  • angoscia (conseguente a frustrazione e noia derivanti dal confinamento, dalla perdita di routine, dal ridotto contatto fisico e sociale, dal senso di isolamento dal mondo).

Un discorso specifico dovrebbe riguardare il disagio psicologico negli operatori sanitari in quarantena, anche se ci sono delle prove contrastanti sul fatto che questo gruppo sia a rischio più elevato di angoscia.

Se è vero che durante il periodo di quarantena l’effetto psicologico negativo non sorprende, il fatto che esso, anche se in un numero ristretto di studi, possa essere rilevato mesi o anni dopo è da prendere in considerazione. Questo per approntare, come parte integrante del processo di pianificazione della quarantena, le misure di mitigazione più efficaci.

La lunghezza della quarantena non dovrebbe modificarsi, anche una piccola estensione rischia di vanificare tutto l’impianto e di aumentare in maniera esponenziale la frustrazione e la demoralizzazione.

Le risorse dovrebbero essere garantite

Un servizio online dedicato e gestito da operatori sanitari che possa fornire istruzioni su cosa fare in caso di sviluppo di sintomi di malattia, aiuterebbe e rassicurerebbe le persone, abbassando sentimenti come paura, preoccupazione e rabbia.

Il lavoro da casa dovrebbe essere organizzato ed incentivato sia per evitare le angosce collegate con le perdite finanziarie, sia per evitare la noia.

Le persone in quarantena dovrebbero essere informate su cosa possono fare per evitare la noia e ricevere consigli pratici sulle tecniche di gestione dello stress e di coping, fornendo attività significative.

Possono essere utili gruppi di supporto specifici

E’ lecito pensare che le persone con una preesistente instabilità di salute mentale necessitino di un sostegno aggiuntivo durante la quarantena.

Per gli operatori sanitari sarebbe necessario uno specifico supporto da parte dei dirigenti per facilitare il loro ritorno al lavoro.

Fare appello all’altruismo e al vincolo sociale che lega una comunità serve comunque e sempre a dare senso ad una misura restrittiva e generalizzata come la quarantena.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Lucia Catalano
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Senologi, Medici di Base

    • Via Belluno 1 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giandomenico Mascheroni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Endocrinologi, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via Petrarca 53 - Carnago
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Domenico D'Angelo
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Otorinolaringoiatri, Medici di Base, Medico Competente

    • Via Pola 5 - San Prisco
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Cinzia Maria Zurra
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Medici Estetici, Nutrizionisti

    • Viale Rimembranze 5 - Triuggio
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Sergio Ettore Salteri
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Chiropratici, Posturologi

    • Via Vial di Romans 8 - Cordenons
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Ansia

L’ansia o, più precisamente, il “disturbo d’ansia generalizzata”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”. È una malattia psichiatrica caratterizzata da: preoccupazione e ansia intense

Aneurisma cerebrale

Un aneurisma cerebrale è una malformazione vascolare che si presenta come una piccola sporgenza o protuberanza sferica lungo la parete di un’arteria presente nel cervello. La sua presenza è rischiosa
La Malattia di Peyronie o del Pene Curvo

Malattia di Peyronie o del pene curvo

La malattia di Peyronie è una patologia derivante da una anomalia del pene dovuta ad un tessuto cicatriziale fibroso che compare sul pene modificandone la forma in erezione, che diventa

Meningite

“M” come meningite meningococcica Cosa si intende per meningite? Anche se il termine evoca subito la forma da meningococco, è bene non dimenticare che “meningite” vuol dire infiammazione delle meningi,

Svenimento

Lo svenimento è un termine semplice di uso comune che viene utilizzato per descrivere una perdita di coscienza che può verificarsi in un qualunque momento della vita per innumerevoli ragioni,

Trauma cranico

Un trauma cranico, detto anche “concussione” in termini medici, consiste nello scontro violento della testa contro una superficie dura o, viceversa, di un oggetto contundente contro la teca cranica e/o

Demenza vascolare senile

La demenza vascolare senile corrisponde a un processo di declino cognitivo che va al di là della fisiologica riduzione delle capacità intellettive associata all’invecchiamento. Nella maggioranza dei casi, la demenza

Bulimia nervosa

La bulimia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare più diffuso di quanto si creda e ampiamente sottodiagnosticato, soprattutto nelle forme lievi, che possono passare inosservate se non sono i

Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è un disturbo cronico caratterizzato dall’insorgenza di una sensazione di generico disagio alle gambe, che si manifesta quando le gambe sono tenute ferme anche

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile