ARTICOLI CORRELATI

Cause dell’infertilità maschile

Attraverso la storia, le donne sono state sempre accusate di essere la “causa” dell’infertilità maschile. Dal caso tristemente famoso di Enrico VIII che divorziava a ripetizione dalle sue mogli “sterili”, ai

Prostatite: cosa c’è da sapere

La prostata è una ghiandola dell’apparato urogenitale atta alla produzione del secreto prostatico, un fluido che durante l’eiaculazione, nell’uretra, si mescola con lo sperma proveniente dai testicoli per dare origine

Il varicocele: sintomi, cause e cura

Il varicocele è una dilatazione patologica delle vene testicolari (o spermatiche), che decorrono lungo il funicolo spermatico e che hanno il compito di drenare il sangue dai testicoli. Tale alterazione provoca un gonfiore

Cisti alle ovaie

Le cisti ovariche sono le neoformazioni che si sviluppano a carico delle ovaie, i due organi dove sono contenuti e maturano i gameti femminili (ovociti), posti lateralmente all’utero e in connessione con esso

Perché d’estate la coppia scoppia

Affermare che la coppia scoppia più facilmente durante la stagione estiva non è un luogo comune, bensì un dato di fatto suffragato ora da autorevoli studi scientifici. I motivi possono
Internet, Social Media e Sexual Media

Internet, Social Media e Sexual Media

Con la nascita e rapida evoluzione del World Wide Web si è aperta una nuova era di comunicazione di massa. Miliardi di utenti in tutto il mondo utilizzano Internet come

Anticoncezionali, perché in rari casi la pillola non funziona?

pills-1354782_1280

La pillola è considerata l’anticoncezionale più efficace. Può capitare, però, di restare incinta nonostante l’assunzione del farmaco. Se si esclude il malassorbimento, per esempio per vomito o diarrea, la spiegazione più semplice è che la donna si sia dimenticata una assunzione, oppure abbia sbagliato qualcosa. Un nuovo studio, però, apre nuove scenari. 

Lo studio

La ricerca della Scuola di medicina dell’Università del Colorado suggerisce che alcune donne siano portatrici di una variante genetica che interferisce con gli ormoni del contraccettivo, esponendole a rischio di gravidanze indesiderate. A condurre lo studio è stato il gruppo di Aaron Lazorwitz, che sospettava che dietro al fallimento di sistemi contraccettivi ormonali potesse esserci dell’altro, oltre all’errore umano. Come riportato su Inverse, il team di ricercatori sostiene che ciascuna donna potrebbe rispondere in modo differente al farmaco. 

Le varianti genetiche

Gli scienziati hanno avviato uno studio di farmacogenomica, un ramo di ricerca che indaga la relazione tra le varianti genetiche e la variabilità nella risposta ai farmaci che esiste tra gli individui. Sono state reclutate 350 donne in fertile (22,5 anni in media) che stavano facendo uso di un impianto ormonale a scopo contraccettivo da 12-36 mesi, e ne hanno analizzato il genoma, alla ricerca di varianti nei geni coinvolti nel metabolismo degli ormoni. 

I risultati

Quello che è emerso di interessante riguarda una variante genetica. Circa il 5 per cento del campione, infatti, è risultato portatore di una variante del gene Cyp3a7*1c, che pare responsabile dell’abbattimento dei livelli di ormoni rilasciati dal contraccettivo nel sangue. Le donne con questa variante genetica avevano in circolo una quota di ormoni contraccettivi sensibilmente inferiore rispetto alle altre non portatrici, nonostante il metodo dell’impianto rilasci una quantità fissa per tutte.Anche per i contraccettivi verso una medicina personalizzata.E’ noto che la pillola è lo strumento di contraccezione più sicuro a meno che….. non ci si dimentichi di prenderla o che, a causa di vomito o diarrea, ci sia un problema di assorbimento.Ma siamo proprio sicuri che sia proprio così?Il gruppo del prof. Aaron Lazorwitz presso l’Università del Colorado ha condotto uno studio di Farmacogenomica (ramo di ricerca che mette in relazione negli individui le varianti genetiche con l’incidenza di risposta ai farmaci) su 350 donne in età fertile che assumevano la pillola contraccettiva da 12-36 mesi, analizzandone il genoma per individuare eventuali variazioni individuali nei geni coinvolti nel metabolismo degli ormoni.La ricerca, pubblicata su Inverse, ha evidenziato che il 5% delle donne esaminate erano portatrici di una variante del gene Cyp3a7*1c ( un geneche contribuisce all’abbattimento del livello ormonale), per cui nel loro sangue circolava una quantità di ormoni contraccettivi  decisamente inferiore rispetto alle altre donne.Questo ad avvalorare l’ipotesi che  ciascuna donna, potrebbe rispondere in maniera diversa alla somministrazione della stessa quantità di ormoni.  

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Domenico D'Angelo
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Otorinolaringoiatri, Medici di Base, Medico Competente

    • Via Pola 5 - San Prisco
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Giovanni Adamo
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Angiologi, Medici di Base

    • Provincia di Ragusa - Ragusa
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Lepore
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Dermatologi, Medici di Base, Chirurghi Generali

    • 19 Via Manzoni Alessandro - Garbagnate Milanese
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Irene Pistis
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via della Reoubblica 461/3 - Vergato
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Flavio Della Croce
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Psicoterapeuti, Medici di Base

    • Via Sacconi 1 - Borgonovo Val Tidone
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Prostatite

La prostata è una ghiandola a forma di castagna, del diametro di alcuni centimetri, presente soltanto negli uomini; è posizionata davanti al retto, al di sotto della vescica e circonda

Calcolosi renale

La calcolosi renale è una patologia molto diffusa nei Paesi industrializzati, compresa l’Italia, soprattutto tra gli uomini adulti, colpiti con una frequenza circa doppia rispetto alle donne. I calcoli renali
La Malattia di Peyronie o del Pene Curvo

Malattia di Peyronie o del pene curvo

La malattia di Peyronie è una patologia derivante da una anomalia del pene dovuta ad un tessuto cicatriziale fibroso che compare sul pene modificandone la forma in erezione, che diventa

Tumore dell’endometrio

Il tumore dell’endometrio è una neoplasia che si sviluppa a livello del tessuto che riveste le pareti interne dell’utero e, per questa ragione, è chiamato anche semplicemente tumore dell’utero, in

Diverticolite

I diverticoli sono piccole tasche che si possono formare nel rivestimento del sistema digestivo. Di solito si producano più frequentemente nella parte inferiore dell’intestino crasso (colon). I diverticoli sono frequenti,

Amenorrea

Con il termine amenorrea si fa riferimento alla mancata comparsa o all’assenza di flusso mestruale per un periodo di tempo di almeno sei mesi consecutivi. In caso di mestruazioni “diradate”,

Cisti ovariche

Le cisti ovariche sono formazioni cave ripiene di fluido o altri materiali che possono occasionalmente formarsi all’interno o sulla superficie delle ovaie in diversi momenti della vita della donna, con

Sindrome dell’ovaio policistico

La sindrome dell’ovaio policistico o PCOS (Polycystic ovary syndrome) è un disturbo ormonale abbastanza comune tra le donne in età fertile, così definito in quanto legato alla presenza a livello

Tumore del rene

Come per tutti i tumori, le cause dell’adenocarcinoma e dei sarcomi renali risiedono in una serie di mutazioni genetiche che permettono a un gruppo di cellule di acquisire nuove caratteristiche

Cistiti

Con il termine cistite ci si riferisce all’infiammazione della vescica urinaria, nella maggior parte dei casi, conseguente a un’infezione batterica. Il disturbo è molto diffuso soprattutto tra le donne, che
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile