ARTICOLI CORRELATI

Rimedi casalinghi: cosa funziona?

Curare i disturbi con i rimedi Meglio non dare totale credito a quanto si è sentito dire in giro in termine di rimedi curativi, sempre meglio parlarne prima con il
Forse un pò disidratato?

Forse un po’ disidratato

Quando si ha sete e si sente il bisogno di bere è già segno di disidratazione. La stanchezza può anche dipendere da una condizione di disidratazione. L’organismo ha un costante

I sintomi mestruali riducono la produttività delle donne in età fertile

katarzyna-grabowska-oA1-rirIJ2E-unsplash
Se pensate che i fastidi fisici e psicologici che possono accompagnare i giorni del flusso mestruale e quelli che lo precedono siano cosa di poco conto, o siete uomini o siete donne molto fortunate. Anche quando non si soffre di vere e proprie patologie associate al ciclo mestruale come l’endometriosi, infatti, i sintomi con cui gran parte delle donne deve fare periodicamente i conti durante tutta o parte della vita fertile sono abbastanza impegnativi da sopportare e da gestire.   Crampi e dolore al basso ventre, che può irradiarsi alle gambe; mal di schiena; nausea e disturbi intestinali; difficoltà di concentrazione e cefalea; stanchezza e malessere generale; irritabilità, nervosismo; depressione o ansia. Ancorché benigne e transitorie, combinate in vario modo per tipologia e intensità, queste manifestazioni possono interferire significativamente con le attività quotidiane per uno o più giorni, impedendo di assolvere ai propri impegni di studio e lavoro nel migliore dei modi. Con ripercussioni anche sul piano socioeconomico, in considerazione della perdita di produttività.  Uno studio olandese su scala nazionale che ha coinvolto quasi 33mila donne, reclutate nell’ambito della popolazione generale femminile in età fertile (15-45 anni), ha valutato questo impatto attraverso la somministrazione di questionari online che hanno indagato sia la perdita di produttività legata alle assenze da scuola o dal posto di lavoro correlate al flusso mestruale sia quella associata al “presentismo”, ossia alla presenza in condizioni psicofisiche non eccellenti.  Dalle risposte ottenute è risultato che il 13,8% delle donne in età fertile deve occasionalmente assentarsi dal lavoro o dagli impegni di studio a causa dei disturbi mestruali, perdendo in media 1,3 giorni all’anno. Se questo dato può apparire rassicurante (ma non lo è, se si considera che si tratta di un valore medio e che il flusso mestruale è un fenomeno fisiologico e non una malattia), altrettanto non si può dire della percentuale di presentismo e riduzione della produttività correlata, sperimentati da ben l’80,7% delle partecipanti allo studio per una media di 23,2 giorni all’anno (ossia circa 2 giorni per ogni ciclo).  I ricercatori hanno calcolato che una perdita di produttività di un terzo (33%) rispetto a quella assicurata in condizioni psicofisiche ottimali per il periodo medio di presentismo registrato corrisponde a una perdita di produttività annuale complessiva di quasi 9 giorni: al pari di una vera e propria malattia. Inoltre, va considerato che l’assenteismo riscontrato tra le donne coinvolte nell’indagine è probabilmente inferiore a quello effettivo, dal momento che a rispondere al questionario online sono state prevalentemente donne con livello di istruzione più elevato e impegnate in attività che richiedono minori sforzi fisici rispetto a quelle svolte da donne con livello di istruzione inferiore.  Lo studio conferma anche che, nonostante i considerevoli disagi causati dal flusso mestruale, soltanto una minoranza di donne si rivolge al medico per trovare una soluzione soddisfacente (45% secondo la ricerca olandese, ma intorno al 15% in altre indagini), rassegnandosi a convivere con i malesseri periodici. Una situazione che si dovrebbe cercare di modificare attraverso una maggiore educazione sia delle donne sia dei medici alla tutela del benessere femminile e della salute riproduttiva e sviluppando politiche del lavoro orientate a garantire una maggiore flessibilità dell’orario e delle mansioni, nell’ottica di ridurre i disagi e la perdita di produttività nella fase più critica del ciclo. A beneficio di tutti. 

Fonte: Schoep ME et al. Productivity loss due to menstruation related symptoms: a nationwide crosssectional survey among 32748 women. BMJ Open 2019;9:e026186. doi:10.1136/bmjopen-2018-026186 
Photo by Katarzyna Grabowska on Unsplash

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Gianlorenzo Casani
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Geriatria, Medico Certificatore, Medici di Base

    • Via Costantino Baroni 71/73 - Milano
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Francesca Marceddu
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Anestesisti, Medici di Base

    • Via del Risorgimento 49 - Pirri
    telefono
  • Foto del profilo di Studio Medico San Pellegrino
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici dello Sport, Medici di Base

    Fai passa parola!

    Consiglia questo special

    doctor ad un amico

    messaggio telefono visita a
    domicilio
    video
    consulenza
    WhatsApp conferenze
    e webinar
  • Foto del profilo di Dr. Monica Gamba
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Medici Estetici, Chirurghi Plastici, Medici di Base

    • Viale Radich 21/N - Grugliasco
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Irene Pistis
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via della Reoubblica 461/3 - Vergato
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Piede diabetico

Il piede diabetico è una patologia complessa che si sviluppa come complicanza del diabete non controllato in fase avanzata e che rappresenta la prima causa di amputazione non traumatica nella

Calcolosi renale

La calcolosi renale è una patologia molto diffusa nei Paesi industrializzati, compresa l’Italia, soprattutto tra gli uomini adulti, colpiti con una frequenza circa doppia rispetto alle donne. I calcoli renali

Malocclusione

Il termine malocclusione indica una relazione di morso impropria tra i denti dell’arcata superiore e di quella inferiore. In alcuni casi, il disallineamento è dovuto a una discrepanza posizionale o

Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia respiratoria cronica, debilitante e severa, caratterizzata da progressivo deterioramento e “cicatrizzazione” del tessuto polmonare, che riducono la capacità respiratoria e rendoni via via più

Cefalea tensiva

La cefalea tensiva è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per gli episodi di dolore diffuso a tutto il capo, di intensità lieve o moderata, che

Tumore dell’ipofisi

I tumori dell’ipofisi (o ghiandola pituitaria) sono un gruppo di neoplasie prevalentemente benigne che interessano una piccola struttura posta al centro del cervello, posteriormente alla radice del naso, che ha

Gozzo

Il gozzo corrisponde alla tumefazione più o meno voluminosa e sporgente che compare nella parte anteriore centrale del collo principalmente in persone che si trovano per periodi prolungati in condizioni
Dermatiti

Dermatiti

Il termine dermatite fa riferimento a un gruppo abbastanza eterogeneo di malattie della pelle, in gran parte caratterizzate da infiammazione più o meno accentuata e indotte dalle cause più disparate

Micosi

Le micosi cutanee sono un gruppo abbastanza ampio e diversificato di affezioni dermatologiche determinate dalla colonizzazione dell’epidermide da parte di microrganismi come Malassezia furur (responsabile della pitiriasi versicolor), funghi dermatofiti
Dispepsia

Dispepsia

Dispepsia significa “digestione difficile” ed è il termine medico con cui spesso si indica l’indigestione, che invece ha un’accezione più generica e comprende una moltitudine di disturbi diversi della parte
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile