ARTICOLI CORRELATI

Il dolore improvviso nel bambino

Il dolore improvviso nel bambino

I bambini che lamentano un dolore durante le ore del sonno si risolvono in breve tempo senza dover ricorrere ad un trattamento speciale ma talvolta la causa può esserci e va individuata rapidamente per prevenire peggioramenti dei sintomi.

Contusioni: cosa fare?

Le contusioni si formano quando un oggetto smusso colpisce alcune parti del corpo, rompendo i vasi ematici sottocutanei. Non c’è fuoriuscita di sangue e solitamente le contusioni si presentano tumefatte

Gas industriali, fumiganti, ecc: di cosa si tratta?

Tantissimi gas industriali, fumiganti e solventi volatili vengono impiegati nell’industria e alcuni di essi è possibile incontrarli nella vita di tutti i giorni. Essi hanno caratteristiche fisico, chimiche diverse, per

Scottature e ustioni. Acqua o olio?

Nella tranquillità della nostra cucina possiamo inavvertitamente incorrere in una scottatura. Quasi sempre ricorriamo subito ai metodi tradizionali, trasmessi dai nostri genitori. Attenzione però, non sempre questi rimedi sono giusti!

L’orticaria nel bambino

Un segno tipico dell’orticaria nel bambino è rappresentato dai ponfi che appaiono sulla pelle un pò a rilievo e possono presentarsi più o meno arrossati.

Nervo ottico

Si può prevenire il glaucoma?

La prevenzione più significativa del glaucoma sta nel sottoporsi ad una visita oculistica al presentarsi dei primi disturbi o dei sintomi specifici della malattia oculare.

are e disturboossessivo compulsivo

Vita familiare e disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è una malattia in grado di stravolgere le persone che ne sono affette, modifiìcandone del tutto le abitudini, le attività e la qualità della vita, ma estende le sue conseguenze alla famiglia del paziente causando una condizione di vita difficile e impegnativa.

Obiettivi del training fisico in riabilitazione cardiaca

riabilitazione

La riabilitazione cardiaca secondo una definizione correntemente accettata in Europa, negli Stati Uniti e in Canada è “la somma degli interventi effettuati sul paziente per garantire le migliori condizioni fisiche e psico-sociali”. Tale miglioramento permette ai pazienti affetti da una cardiopatia cronica di riprendere il proprio ruolo nella società. L’obiettivo principale è quello di normalizzare gli elementi di disabilità, instauratisi successivamente ad eventi cardiaci acuti. Solitamente, i candidati ideali per il training fisico sono i pazienti nella fascia di rischio bassa o intermediaria. Chi sottopone al training può ottenere i seguenti benefici:

  • Riduzione della mortalità.
  • Miglioramento della tolleranza allo sforzo.
  • Una migliore sensazione generale di benessere.
  • Un più frequente ritorno al lavoro.

Per questi motivi la riabilitazione attraverso training fisico rappresenta una componente essenziale del programma assistenziale del paziente coronaropatico. Negli Stati Uniti solo l’11% dei soggetti colpiti da un evento coronarico si sottoponeva a riabilitazione, ma negli ultimi anni la percentuale è arrivata quasi al 40%. Per quanto riguarda l’Italia non si conoscono le cifre esatte. I benefici apportati dalla riabilitazione cardiaca sui tassi di mortalità cardiovascolare potrebbero risultare meno significativi rispetto a quanto documentato dai maggiori trial, eseguiti alcuni anni fa. Per tanto l’importanza dell’esercizio fisico è riconducibile al suo effetto sulla mortalità, ma anche sul ruolo di evento catalizzatore, che promuovo altri aspetti della riabilitazione.

Un programma di training fisico riabilitativo include i seguenti stadi:

  • Valutazione medica
  • Stratificazione di rischio
  • Prescrizione di esercizio fisico
  • Educazione del paziente
  • Informazione rivolta ai pazienti sulla loro malattia

Il training fisico, inoltre, si pone obiettivi a breve termine e a lungo termine.

Fonte: Riabilitazione cardiovascolare di Mediserve

SPECIALISTI CORRELATI

  • Foto del profilo di Dott.ssa Eleonora Piccinetti
    attivo 2 anni fa

    Dietisti,Nutrizionisti

    • Via Vigada 12 - Carignano
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott. Ksenia Dedova
    attivo 2 anni fa

    Medici Estetici,Dermatologi

    • Via Veio 52 - Roma
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Andrea Falchi
    attivo 2 anni fa

    Oculisti

    • Viale Teracati 51 - Siracusa
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Roberta Mariotti
    attivo 2 anni fa

    Psicologi,Psicoterapeuti,Psicologo Clinico

    • Via Corso d'Augusto 81 - Rimini
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Valentina Civitelli
    attivo 2 anni fa

    Dentisti,Chirurghi Maxillo Facciali

    • Via Giovanni del Pian dei Carpini 96/2 - Firenze
    Telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Shock, emergenza medica

Può accadere che la circolazione del sangue attraverso il corpo subisca una improvvisa modificazione dando luogo ad una condizione di shock fisiologico, con diminuzione del flusso e di crisi da

Stenosi carotidea

La stenosi carotidea corrisponde a un restringimento del calibro delle arterie carotidi, che sono i principali vasi sanguigni che riforniscono il cervello di sangue ricco di ossigeno e nutrienti (in

Coronaropatia

Con il termine coronaropatia ci si riferisce a una “sofferenza” cronica delle coronarie, le arterie che riforniscono di sangue il muscolo cardiaco, nella maggioranza dei casi determinata dalla patologia arteriosclerotica

Scompenso cardiaco (acuto)

Lo scompenso cardiaco acuto (Acute Heart Failure, AHF) è una condizione clinica potenzialmente pericolosa per la vita che può derivare dal peggioramento di uno scompenso cardiaco cronico già diagnosticato (insufficienza

Malattie delle valvole cardiache

Le malattie delle valvole cardiache comprendono un ampio gruppo di alterazioni strutturali e disfunzioni, congenite o più spesso acquisite, che impediscono alle valvole che separano le diverse camere del cuore

Ipertensione intracranica

L’aumento della pressione all’interno della scatola cranica può essere legata ad un edema cerebrale o alla presenza di una lesione espansiva intracranica, ad un ostacolo alla circolazione liquorale o all’associazione

Fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo cardiaco più diffuso nel mondo occidentale. Negli Stati Uniti colpisce circa tre milioni di persone; in Italia, secondo le stime, a esserne

Ablazione della fibrillazione atriale

L’intervento di ablazione della fibrillazione atriale (FA) è una procedura chirurgica finalizzata a eliminare la fonte dell’aritmia cardiaca, attraverso la distruzione selettiva di piccole porzioni del tessuto cardiaco presenti nelle

Soffio al cuore

Il “soffio al cuore” non è di per sé una patologia, ma soltanto il segnale che il sangue all’interno del cuore fluisce troppo in fretta o in modo “disordinato”, producendo

Stenosi giugulare

La stenosi giugulare corrisponde a un restringimento del lume delle vene giugulari, che sono i principali vasi sanguigni che raccolgono il sangue povero di ossigeno proveniente dal cervello e lo

FORMAZIONE