ARTICOLI CORRELATI

La medicina narrativa (anticipazione)

Oggi molto spesso i medici identificano i pazienti non più con il loro effettivo nome, ma con il numero della stanza nella quale risiedono e magari con la patologia di

Effetto Placebo e Nocebo, il potere della mente

Effetto placebo e del suo contrario nocebo Il più vecchio e spettacolare episodio di alternanza, nella stessa persona, di un effetto placebo e del suo contrario nocebo, pubblicato nella letteratura
Christmas Blues

Festività e Malinconia

Si chiama Christmas Blues quello stato di disagio, caratterizzato da depressione, ansia, insofferenza, stress, insonnia, stanchezza fisica e mentale che accompagna il periodo delle festività natalizie.

Rabbia, a volte cattiva consigliera

Come ti senti quando qualcuno ti insulta, ti attacca verbalmente o ti guarda con occhi pieni di disapprovazione, disprezzo?Quando ti senti minacciato, giudicato, non apprezzato e non amato?Si scatena in

Funzione adulta e adolescenza

Genitori, insegnanti, bidelli, medici, allenatori sportivi, ma anche passeggeri della metro o spettatori in un cinema, siamo tutti adulti in ruoli differenti. Ma proprio tutti, in quanto adulti, siamo differenti

Estinguere la fobia con una cura integrata

Una recente ricerca pubblicata su PNAS, la rivista dell’Accademia americana delle scienze, dimostra che la combinazione di psicoterapia e cortisone in persone sofferenti di fobia specifica (nella fattispecie quella dei

Rabbia, a volte cattiva consigliera

rabbia

Come ti senti quando qualcuno ti insulta, ti attacca verbalmente o ti guarda con occhi pieni di disapprovazione, disprezzo?
Quando ti senti minacciato, giudicato, non apprezzato e non amato?Si scatena in te una reazione rabbiosa. Senti come un fuoco che brucia dentro di te e questo ti fa immediatamente reagire in modo esplosivo, urlare a gran voce o cercare le parole più spiacevoli per ferire la persona che, secondo te, ha causato la tua sofferenza.
La rabbia è un’emozione che, come tutte le emozioni, ha la sua ragione di essere. Nasce infatti come derivata dell’istinto di sopravvivenza. 
Attiva, a livello cerebrale, sostanze chimiche per scatenare le reazioni necessarie a difenderci fisicamente dalla violenza (fuga, attacco ecc.). Se però queste sostanze restano in circolo per troppo tempo non solo avranno una funzione tossica per il nostro corpo ma attiveranno anche reazioni sproporzionate e impulsive.  
L’illusoria soddisfazione iniziale, derivante dalla nostra reazione di rabbia e dall’adrenalina che viene attivata, si trasforma in disagio, senso di colpa, frustrazione nel ferire qualcuno e nel non riuscire a rispondere in modo diverso.
Ma noi possiamo liberarci di queste emozioni pervasive e spiacevoli!Per questo, è importante riconoscere in anticipo i segni di rabbia crescente, di questa fiamma che si nutre di risentimento e che diventa sempre più grande fino a quando non crea un fuoco ingovernabile.
Questo significa che è meglio stare zitti e mantenere la rabbia dentro? Non sarebbe forse peggio reprimere tutto?
Possiamo utilizzare una comunicazione non violenta, nella quale riconosciamo il diritto alla nostra rabbia, diciamo chiaramente cosa pensiamo e come ci sentiamo, ma non necessariamente usando parole aggressive, che sono dannose per tutte le parti coinvolte.
Ad esempio, invece di puntare il dito dicendo “tu”, la persona che ha bisogno di esprimere la propria opinione su un’ingiustizia subita può dire “io” esprimendo come si è sentito “..assalito, maltrattato, giudicato, insultato, umiliato …”
Se facciamo la domanda “mi permetti di dirti qualcosa di spiacevole?”, l’altra persona ha la possibilità di accettare o meno. Se accetta di ascoltarti, significa che il suo cervello è già pronto a ricevere delle informazioni.
Ricordiamoci che possiamo sempre operare delle scelte. Siamo infatti responsabili delle nostre azioni, del nostro linguaggio, del nostro comportamento, delle nostre emozioni, abbiamo il potere di scegliere ciò che è benefico o tossico nella nostra vita.
Non siamo invece responsabili di come gli altri reagiscono o dello stato in cui si trovano.
Se riconosciamo la nostra rabbia, se la guardiamo in faccia senza negarla, siamo già sulla buona strada. Possiamo quindi imparare a regolare queste esplosioni, a limitarle il più possibile o a trasformarle in modo positivo, per evitare di esserne completamente invasi.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Francesca Marceddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Anestesisti, Medici di Base

    • Via del Risorgimento 49 - Pirri
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Federica Filigheddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base

    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Panico
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Dermatologi, Medici di Base

    • Viale Prassilla 41 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Ilaria Berto
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base, Agopuntori, Medici Estetici

    • Via Antonio Corradini 1 - Este
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Erminia Maria Ferrari
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medicina Omeopatica, Medici di Base, Pediatri

    • Via San Carlo 3 - Castel Rozzone
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Attacco ischemico transitorio

L’attacco ischemico transitorio (TIA) è una forma lieve di ictus cerebrale ischemico o “mini-stroke”, che si verifica quando la circolazione cerebrale è parzialmente compromessa dalla presenza di restringimenti od occlusioni

Insonnia

L’insonnia è un disturbo del sonno estremamente comune che può interessare persone di tutte le età per ragioni differenti e presentarsi in varie forme e varianti, accomunate dal fatto di

Tumori cerebrali

I tumori cerebrali sono tumori rari che possono essere di tipo primitivo, ossia originare nel cervello, oppure formarsi come metastasi secondarie di neoplasie a carico di altri organi, come il

Disturbo di personalità borderline

Il disturbo di personalità borderline è un disturbo psichiatrico caratterizzato da una percezione altalenante del proprio valore e della propria identità, con oscillazioni repentine che vanno da una visione molto

Schizofrenia

La schizofrenia è una malattia psichiatrica cronica severa e invalidante, che insorge prevalentemente alla fine dell’adolescenza o all’inizio dell’età adulta, determinando un’alterata percezione della realtà e conseguenti reazioni e comportamenti

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei

Trauma cranico

Un trauma cranico, detto anche “concussione” in termini medici, consiste nello scontro violento della testa contro una superficie dura o, viceversa, di un oggetto contundente contro la teca cranica e/o

Stenosi del canale vertebrale

La stenosi del canale vertebrale consiste nel restringimento di un tratto del canale presente lungo tutta la colonna vertebrale (formato dalla successione allineata dei piccoli fori presenti al centro di
Alcolismo

Alcolismo

L’alcolismo è una vera e propria malattia, per come si presenta, per i disturbi che causa, per i sintomi che procura al paziente. Si usa il termine Alcolismo quando i

Disturbo da attacco di panico

Il disturbo da attacchi di panico è una malattia psichiatrica caratterizzata da episodi di improvvisa e intensa paura, angoscia e sensazione di morte imminente o forte timore per la propria
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile