ARTICOLI CORRELATI

La gestione della complessità

Internet offre tanti spunti sul tema della complessità, una rete in cui si può rimanere legati senza via di uscita. La vita quotidiana è caratterizzata da stimoli, problemi, imprevisti e

Christmas Blues

Festività e Malinconia

Si chiama Christmas Blues quello stato di disagio, caratterizzato da depressione, ansia, insofferenza, stress, insonnia, stanchezza fisica e mentale che accompagna il periodo delle festività natalizie.

Autostima e crescita personale

La percezione che ciascun individuo ha di se è la massima espressione della maturazione della personalità. L’autostima, quindi, è collegata alla personalità. Stimarsi positivamente risponde al bisogno di stabilità psicologica,

Autonomia personale e competenza

Parlando di personalità e autonomia è possibile immaginare quanto sia difficile che questi concetti siano astratti. Nel mondo del lavoro esistono limiti obiettivi all’autonomia personale imposti dalla propria mente. Ciò

Stress e ben-essere

La vita è piena di imprevisti e di difficoltà; sarebbe bello vivere in un mondo ideale, ma non è così. Ogni uomo deve confrontarsi continuamente con problemi, ingiustizie, disagi e

Motivazione interiore e crescita personale

Spesso ci si domanda come è possibile conservare e accrescere le proprie motivazioni in un ambiente di lavoro che tende ad essere demotivante, come conservare la fiducia nei confronti di

Imparare a pensare

Pensiero e intelligenza sono due cose diverse: l’intelligenza è paragonabile alla potenza di un motore di un auto, il pensiero, invece, è l’abilità del guidatore. Molte persone seppur dotate di

L’autismo : si possono sviluppare protocolli terapeutici condivisi?

fonte-Salute-a-tutti

Nessun contatto con la realtà, incapacità a interagire e a comunicare con gli altri, difficoltà nel linguaggio, rigidità dei movimenti: sono queste alcune manifestazioni tipiche dell’autismo, malattia la cui conoscenza è ancora limitata nel mondo, soprattutto nei Paesi a basso o medio reddito, mentre nei Paesi ad alto reddito si investe molto nella ricerca. Per sanare questo squilibrio è nato all’ospedale “Bambino Gesù” di Roma un progetto per la realizzazione di un network internazionale di medici e ricercatori impegnati nello sviluppo di protocolli terapeutici da usare in condivisione. 

Fonte: Centro Ricreazione

Il progetto del bambino gesù

Nell’arco di quattro anni, medici e ricercatori provenienti da venti Paesi e quattro continenti collaboreranno nel campo della ricerca per la diffusione di buone pratiche basate sull’evidenza tra centri clinici di Paesi a basso e medio reddito. Sulla base degli studi che ogni membro del network porterà avanti nella propria area di riferimento, verranno sviluppati protocolli diagnostici e terapeutici che potranno essere applicati in ogni contesto sociale e culturale. In una fase successiva saranno formati a distanza operatori locali per l’applicazione dei protocolli sostenibili.

Cos’è l’autismo

Cos’è l’autismo? L’autismo – o disturbo dello spettro autistico (DSA) – è una patologia del neurosviluppo caratterizzata da un’organizzazione atipica di alcune funzioni mentali e delle relative aree del cervello. L’origine è genetica, ma sono implicati anche fattori ambientali, come l’esposizione ad agenti inquinanti durante la gravidanza. Altri elementi di rischio sono l’età avanzata dei genitori (soprattutto del papà), il basso peso alla nascita o la forte prematurità.

bambini autisticiFonte: Libera Notizia

Incidenza e caratteristiche dell’autismo

In Italia l’autismo coinvolge circa 500.000 famiglie; nel mondo 1 bambino ogni 100 presenta un disturbo dello spettro autistico. La probabilità che nasca un bambino con autismo supera l’1%, con una maggior prevalenza tra i maschi rispetto alle femmine (il rapporto è di 4 a 1). L’esordio è precoce (fra i 14 e i 28 mesi) e dura per tutta la vita.

Circa il 50% delle persone con autismo presenta una disabilità cognitiva. In generale, gli autistici manifestano una particolare attenzione per alcuni stimoli sensoriali, hanno una predisposizione a comportamenti ripetitivi e a routine rigide, ma anche una scarsa attitudine e motivazione all’interazione sociale reciproca. L’autismo, infatti, compromette la capacità di interagire e di comunicare con gli altri.

bambino autistico

Fonte: Irpinianews

Le cure per l’autismo

L’intervento precoce è fondamentale: équipe specializzate e multidisciplinari oggi sono in grado di fare diagnosi già a 2-3 anni, a 4 nelle situazioni maggiormente complesse, per poi adottare il trattamento più idoneo caso per caso. Non esiste una cura che consenta di guarire dall’autismo, ma esistono trattamenti, come il “parent training”, che migliorano significativamente la sintomatologia e la qualità di vita. Proprio all’ospedale pediatrico “Bambino Gesù” si effettua da anni una “terapia cooperativa mediata dai genitori”, che si rivolge a tutto il nucleo familiare e coinvolge il bambino a partire dall’età prescolare, a volte subito dopo la diagnosi. Il percorso dura 6 mesi: si inizia con una seduta a settimana e si finisce con una cadenza mensile.

autismo

Fonte: Per Noi Autistici

di Piercarlo Salari

SPECIALISTI CORRELATI

  • Foto del profilo di Dr. Marco Leoni
    attivo 2 anni fa

    Nefrologi

    • Via San Francesco d'Assisi 50 - Albano Laziale
    Telefono
  • Foto del profilo di Dott. Giuseppe La Rocca
    attivo 2 anni fa

    Neurochirurghi

    • Strada Statale 125 Orientale Sarda - Olbia
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Mirko Murtigni
    attivo 2 anni fa

    Anestesisti,Terapisti del Dolore

    • Via Mozza 31 - Prato
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Carlo Carravetta
    attivo 2 anni fa

    Ginecologi

    • Via Filangieri 36 - Napoli
    Telefono
  • Foto del profilo di Dr. Maria Cristina Iannacci
    attivo 2 anni fa

    Ginecologi,Sessuologi,Agopuntori

    • via Socrate 9 - Carpi
    Telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Attacco ischemico transitorio

L’attacco ischemico transitorio (TIA) è una forma lieve di ictus cerebrale ischemico o “mini-stroke”, che si verifica quando la circolazione cerebrale è parzialmente compromessa dalla presenza di restringimenti od occlusioni

Sonno e disturbi dell’umore

Disturbi del sonno e disturbi dell’umore sono legati a un doppio filo e si influenzano a vicenda in modo articolato. Decenni di studi e di esperienza clinico-pratica, tanto nell’ambito della

Malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer è la più comune e severa patologia degenerativa del cervello, caratterizzata da un progressivo decadimento delle funzioni cognitive (in particolare, della memoria e del linguaggio), associato
Alcolismo

Alcolismo

L’alcolismo è una vera e propria malattia, per come si presenta, per i disturbi che causa, per i sintomi che procura al paziente. Si usa il termine Alcolismo quando i

Disturbo da alimentazione incontrollata

Il disturbo da alimentazione incontrollata è un disturbo del comportamento alimentare che si caratterizza per l’incapacità nel controllare l’assunzione di cibo, che si traduce nel ripetersi più o meno frequente

Crisi emotiva

Nell’uso corrente la parola “crisi” ha un significato drammatico, ossia il passaggio da una condizione di stabilità ad una variabilità degli equilibri precedentemente assunti, ritenendo l’omeostasi quale unico referente di

Ictus emorragico

Secondo la definizione ufficiale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’ictus corrisponde a un’«improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit locale e/o globale delle funzioni cerebrali, di durata superiore

Declino cognitivo lieve

Il declino cognitivo lieve (Mild cognitive imparment, MDI) è una forma di decadimento delle prestazioni intellettive e delle capacità di memorizzazione e organizzazione delle attività intermedia tra il fisiologico calo

Sindrome da stanchezza cronica (CFS)

La sindrome da stanchezza o affaticamento cronico (CFS), oggi denominata anche associando l’acronimo ME/CFS (encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica) è una patologia piuttosto complessa che si manifesta con una condizione

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei

FORMAZIONE