ARTICOLI CORRELATI

Contusioni: cosa fare?

Le contusioni si formano quando un oggetto smusso colpisce alcune parti del corpo, rompendo i vasi ematici sottocutanei. Non c’è fuoriuscita di sangue e solitamente le contusioni si presentano tumefatte

Principali tipi di avvelenamento: gli oppiacei

Gli oppiacei sono considerati oppio, morfina, petidina, diamorfina, metadone, pentazocina e destropropossifene. Questi sono in grado di sedare il dolore e determinano farmaco-dipendenza. La loro produzione e vendita sono sotto

La disautonomia familiare

La disfunzione del sistema nervoso involontario, o disautonomia di tipo familiare è una malattia genetica che va ad interessare dei gruppi di cellule nervose, che non non risultano adeguatamente sviluppate e che non sopravvivono.

Glaucoma: cos’è, cause e sintomi premonitori

Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico e che, se non viene curata nel modo giusto, può portare anche alla cecità. Per questo motivo è importante imparare a riconoscere i suoi sintomi

L’orticaria cronica spontanea

Pomfi, prurito (spesso notturno) e gonfiore di alcune parti del corpo, talvolta deturpanti, senza una causa conosciuta e scompare per poi ripresentarsi all’improvviso e in maniera imprevedibile. Sono i sintomi

Avvelenamento da derivati del petrolio

I derivati del petrolio sono costituiti da idrocarburi alifatici, che possono contenere una piccola quantità di idrocarburi aromatici. Molti derivati del petrolio possono contenere anche una piccola percentuale di piombo

Addome acuto: cosa fare?

Nel momento in cui si presenta l’addome acuto è necessario intervenire chirurgicamente. Il dolore addominale è di diverso tipo a seconda dell’eziologia. I sintomi generali sono: dolore viscerale, dolore dal

Ulcera peptica: cos’è?

L’ulcera peptica è una malattia di notevole rilevanza sociale.  Dai dati attualmente disponibili risulta che nei Paesi occidentali il 2% della popolazione presenta un’ulcera attiva, mentre il 6-15% ha presentato nel
Problemi intestinali, la crusca

La Stipsi

La stipsi (ovvero, la stitichezza) è un’alterazione dell’alvo caratterizzata dalla emissione in frequente, difficoltosa ed apparentemente incompleta di feci di consistenza aumentata.

Rianimazione

rianimazione-2

Nel momento in cui si vede una persona immobile è necessario verificarne la sensibilità, scuotendo il corpo leggermente e dando dei piccoli colpi. Subito dopo è importante attivarsi e chiamare il numero d’emergenza locale, solitamente il 118.

Solo dopo aver chiamato l’ambulanza, girare la vittima sulla schiena. Se si pensa che abbia una lesione al collo, girare la vittima solo se necessario e solo dopo aver stabilizzato il collo. Piegare la testa della vittima indietro, sollevargli il mento con una mano e spingere la fronte verso il basso con l’altra mano. Se si sospetta una lesione è meglio sollevare il mento senza piegare la testa.

Se in questo modo non entra l’aria, inclinare la testa delicatamente, fin quando non entra. È necessario controllare il respiro della vittima, poggiando l’orecchio sulla bocca e sul naso della persona in questione. Verificare il movimento di sollevamento e di abbassamento del torace ed ascoltare il respiro.

Praticare la respirazione bocca a bocca. Tenere la testa piegata, il mento sollevato e chiudere il naso. Fare un respiro profondo e tenere le labbra schiacciate contro la bocca della vittima. In questo modo praticare due respirazioni, di 2 secondi ognuna, e riprendere fiato. A questo punto bisogna osservare il sollevamento del torace, per capire se l’aria sta penetrando nei polmoni. Se queste due respirazioni non sono state sufficienti, ripiegare la testa e provare altre due volte. Se la respirazione bocca a bocca non è efficace, bisogna sospettare un soffocamento e quindi devono essere messe in atto altre procedure.

Controllare il polso. Se quest’ultimo è presente praticare la respirazione artificiale ogni 5-6 secondi. Fermarsi ogni minuto e controllare il polso.

Se il polso è assente praticare la RCP. È necessario trovare la corretta posizione della mano facendo scorrere le dita lungo il margine della gabbia toracica, fino al solco costo-sternale. Mettere il dito medio del solco con l’indice vicino ad esso e la parte inferiore del palmo dell’altra mano sullo sterno. Poi rimuovere la mano dal solco, metterla sull’altra mano e intrecciare le dita. A questo punto praticare 15 compressioni, tenendo le spalle perpendicolari alle mani sul torace. Contare mentre si comprime e fare seguire due respirazioni brevi alle compressioni. Continuare così finché la vittima non si rianima o finché non giunge l’autombulanza.

Fonte: Guida tascabile di Pronto Soccorso di Mediserve

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Vincenzo Trengia
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Ginecologi, Ostetriche

    • Piazzale Giacomo Matteotti 22 - Pesaro
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Alberto Capozzolo
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Pneumologi

    • Via Mercadante km2 - Cassano delle Murge
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Milly Donati
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    • Via Lago di Como 25 - Ravenna
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Pasquale Bianco
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Anestesisti, Terapisti del Dolore

    • Corso Vittorio Emanuele 494 - Napoli
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giovanni Liberatori
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    • Via Marianopoli 40 - Roma
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Ipertensione intracranica

Ipertensione intracranica

L’aumento della pressione all’interno della scatola cranica può essere legata ad un edema cerebrale o alla presenza di una lesione espansiva intracranica, ad un ostacolo alla circolazione liquorale o all’associazione

Bruxismo

Il bruxismo è una condizione in cui si digrignano i denti: può accadere, in maniera inconsapevole, in stato di veglia o, più spesso, durante il sonno. Le persone che stringono

Epatite C

L’epatite C è un’infiammazione del fegato, determinata dall’infezione da parte dell’Hepatitis C virus (HCV), di cui esistono 6 varianti, caratterizzate da diversi genotipi, da differente distribuzione epidemiologica e sensibilità ai

Pleurite

La pleurite è una malattia respiratoria caratterizzata dall’irritazione e dall’infiammazione acuta della pleura, la membrana composta da due strati che avvolge i polmoni e li separa dagli altri organi e

Laringite

Per laringite si indica l’infiammazione della laringe, il tratto anteriore della trachea, in cui hanno sede le corde vocali e che è l’organo fondamentale della fonazione. In caso di laringite,

Cataratta

La cataratta è una condizione oculare determinata dall’opacizzazione del cristallino, la lente dell’occhio che viene attraversata dalla luce diretta alla retina e indispensabile per la visione. Quando il cristallino si
Dispepsia

Dispepsia

Dispepsia significa “digestione difficile” ed è il termine medico con cui spesso si indica l’indigestione, che invece ha un’accezione più generica e comprende una moltitudine di disturbi diversi della parte

Stomatomucositi

La stomatomucosite è una patologia della mucosa orale, detta anche stomatite. È un’infiammazione della bocca e colpisce il sottile rivestimento interno del cavo orale. Esistono diversi tipi di stomatomucosite, tra cui:

Artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica su base autoimmunitaria che colpisce in primo luogo le articolazioni, ma che interessa l’intero organismo e che con il tempo, soprattutto se non

Tumore del colon

Il carcinoma del colon-retto è il tumore maligno che più frequentemente colpisce colon, retto e appendice. È la terza forma più comune di cancro nel mondo. È caratterizzato dalla crescita
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile