ARTICOLI CORRELATI

La medicina narrativa (anticipazione)

Oggi molto spesso i medici identificano i pazienti non più con il loro effettivo nome, ma con il numero della stanza nella quale risiedono e magari con la patologia di

Liste di attesa

Mi è stato risposto che non accettano prenotazioni fino a tutto dicembre e che non hanno ancora le disponibilità per le liste di gennaio. E’ vero che non è possibile chiudere

Firmato a Roma il Manifesto di Fine Vita

Firmato a Roma il Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita. Si tratta del lavoro frutto di una particolare sensibilità nei confronti del dialogo interreligioso in ambito sanitario, nella prospettiva

Empowerment del paziente

“Nothing about me, without me” “Niente che io non sappia, non senza di me “ Questa la frase che meglio esprime il concetto di Empowerment del paziente nei termini del

Parkinson: il microbiota intestinale può interferire con la terapia

batteri-intestinali

Che cosa c’entra il microbiota intestinale con una condizione neurodegenerativa come la malattia di Parkinson? Fino a ieri, niente, si pensava. Oggi, invece, sembra che una relazione ci sia, quanto meno per chi assume farmaci a base di levodopa per tenere sotto controllo tremori e rigidità muscolare. Vale a dire, la stragrande maggioranza dei pazienti.

Il ruolo dei batteri intestinali

Gli intensi studi condotti negli ultimi anni ci stanno insegnando che il microbiota intestinale serve praticamente a tutto, facendo da interfaccia tra noi e il mondo e regolando innumerevoli reazioni enzimatiche e funzioni fisiologiche. Quando è in buona salute, tutto procede per il meglio; quando si destabilizza o si impoverisce, il rischio di veder insorgere o peggiorare disturbi e malattie di vario tipo aumenta sensibilmente.

Nel caso della malattia di Parkinson, la situazione è un po’ diversa. Le caratteristiche e l’attività dei batteri intestinali dei pazienti, infatti, non creano di per sé problemi, ma possono interferire con l’efficacia della terapia con levodopa: composto precursore della dopamina, che deve essere costantemente fornito dall’esterno per rimpiazzare la dopamina non più prodotta dalle cellule cerebrali della substantia nigra, degenerate a causa della malattia.

La levodopa non viene mai somministrata da sola, ma sempre in associazione a una seconda sostanza chiamata “inibitore delle decarbossilasi”, indispensabile per far sì che la levodopa non sia rapidamente trasformata in dopamina dalle decarbossilasi presenti nel sangue, ma che possa raggiungere il cervello, dove deve esplicare la propria azione di modulazione del tono muscolare.

È noto da decenni che, fin dall’esordio della malattia, pazienti diversi necessitano di dosaggi differenti di levodopa/inibitori delle decarbossilasi per tenere sotto controllo i sintomi della malattia di Parkinson e che, in tutti i casi, il dosaggio efficace aumenta progressivamente nel tempo (a causa di una diminuzione di efficacia dei farmaci). Finora, però, nessuno sapeva spiegare le ragioni alla base di questi fenomeni.

I nuovi dati sull’efficacia della terapia

Uno studio recentemente pubblicato su Nature Communication suggerisce perché ciò avvenga. In sostanza, il problema sembra essere legato alla capacità di alcuni batteri intestinali (in particolare, lattobacilli ed enterococchi, di cui è ricco il microbiota intestinale costitutivo) di trasformare la levodopa in dopamina a livello dell’intestino tenue, rendendola così facilmente degradabile subito dopo l’assorbimento e impedendo che ne arrivi una quantità sufficiente al cervello.

A quanto pare, alcuni pazienti affetti da malattia di Parkinson presentano un microbiota particolarmente attivo su questo fronte, a causa di un’attività delle decarbossilasi batteriche molto elevata: ciò renderebbe i pazienti parzialmente “resistenti” alla terapia con levodopa, da cui potrebbero trarre benefici minori della media e via via decrescenti nel tempo.

Benché resti da capire come sfruttare questi nuovi dati a livello clinico-pratico, si tratta di un’informazione importante perché offre la possibilità di migliorare e prolungare l’efficacia della terapia con levodopa con un approccio diverso da quelli usati finora, ossia modulando la composizione del microbiota intestinale e/o l’attività delle decarbossilasi batteriche.

Fonte

Sebastiaan P et al. Gut bacterial tyrosine decarboxylases restrict levels of levodopa in the treatment of Parkinson’s disease. Nature Communications 2019;10:310. doi:10.1038/s41467-019-08294-y

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Francesca Vittorelli
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Terapeuta, Agopuntori, Medici di Base

    • Corso Andrea Palladio 134 - Vicenza
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Irene Pistis
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via della Reoubblica 461/3 - Vergato
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Lucia Catalano
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Senologi, Medici di Base

    • Via Belluno 1 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Lorenzo Cerreoni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Macero Sauli 52 - Forlì
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Emanuela Costantino
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    • Via Gallinara 2/B - Cagliari
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Epilessia

L’epilessia è una patologia neurologica cronica del sistema nervoso centrale, caratterizzata da attacchi acuti (crisi epilettiche) ricorrenti, imprevedibili per frequenza, intensità e durata, intervallati da periodi di benessere nei quali

Sindrome da stanchezza cronica (CFS)

La sindrome da stanchezza o affaticamento cronico (CFS), oggi denominata anche associando l’acronimo ME/CFS (encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica) è una patologia piuttosto complessa che si manifesta con una condizione

Demenza vascolare senile

La demenza vascolare senile corrisponde a un processo di declino cognitivo che va al di là della fisiologica riduzione delle capacità intellettive associata all’invecchiamento. Nella maggioranza dei casi, la demenza

Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per la modalità con la quale si manifestano gli attacchi, che si concentrano appunto “a

Jet lag

Il jet-lag è un disturbo del sonno che interessa chi viaggia attraversando almeno 3-4 fusi orari, verso ovest o verso est, dovuto principalmente al temporaneo venir meno della sincronizzazione tra

Sonno e menopausa

I disturbi del sonno sono uno dei problemi di salute segnalati più spesso dalle donne che si avvicinano alla menopausa e nel periodo successivo (climaterio). Il bisogno di dormire tende

Depressione maggiore

La depressione maggiore (o “disturbo depressivo maggiore”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”), è un disturbo dell’umore che si contraddistingue per la presenza di

Emicrania

L’emicrania è una cefalea primaria che si manifesta con attacchi ricorrenti di mal di testa di intensità moderata o severa, di durata variabile dalle 4 alle 72 ore, intervallati da
L'anorgasmia

Anorgasmia

L’anorgasmia è la sindrome con la quale si indica la difficoltà ad avere orgasmi anche dopo una normale stimolazione sessuale. L’intensità e la frequenza di orgasmi nelle donne sono variabili
Alcolismo

Alcolismo

L’alcolismo è una vera e propria malattia, per come si presenta, per i disturbi che causa, per i sintomi che procura al paziente. Si usa il termine Alcolismo quando i
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile