Prendi in mano la tua salute

Prendi in mano la tua salute

Prendi in mano la tua salute

ARTICOLI CORRELATI

OSAS – Sindrome delle Apnee ostruttive del sonno

Dall’inglese Obstructive Sleep Apnoea Syndrome ovvero Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno. Si tratta di una patologia correlata all’ostruzione, parziale o completa, ripetitiva delle prime vie aeree a livello della gola, largamente sotto

Sindrome della gamba senza riposo

I pazienti che ne soffrono riferiscono una sensazione di fastidio a una o a entrambe le gambe (con interessamento anche delle braccia nei casi più gravi) con la necessità indifferibile di muoverle, per esempio se

Fibromialgia

Cos’è la fibromialgia? La fibromialgia è una condizione permanente che colpisce milioni di persone nel mondo. Le persone che ne soffrono hanno muscoli doloranti e rigidi, ma non si evidenziano

Mens sana in corpore sano!

Già gli Antichi Romani erano a conoscenza della positiva correlazione tra esercizio fisico ed attività mentale. Ma non tutti gli sport sono uguali.  Quali sport favoriscono l’attività mentale e qual
Presidi Medici e Malattia di Peyronie

Presidi Medici e Malattia di Peyronie

Alcuni presidi medici, utilizzabili nella Malattia di Peyronie, possono affiancare le varie terapie farmacologiche, o di antiossidanti e integratori, con risultati evidenti di riduzione della curva peniena.

Disturbi del neurosviluppo e autismo

Come sappiamo le patologie del neurosviluppo sono in forte aumento e ci troviamo ogni giorno sia come professionisti del settore, sia come persone, a considerarne tutti i risvolti clinici e umani.

Le abilità emotive

L’apprendimento delle abilità emotive necessita di una metodologia diversa, dato che si presuppone una conoscenza adeguata del proprio mondo emotivo e lo sviluppo delle abilità relazionali. Il ruolo delle emozioni

Insonnia, individuate le aree del cervello a rischio

Man lying in bed turning off an alarm clock in the morning at 7am. Attractive man sleeping in his bedroom. Annoyed man being awakened by an alarm clock in his bedroom

L’insonnia è molto diffusa, a livello mondiale, infatti sono circa 770 milioni le persone interessate al problema.

Tuttavia ancora poco noti i fattori che possono causare difficoltà nell’addormentarsi. 

Un gruppo di ricercatori provenienti da più nazioni, diretto da scienziati di ricerca internazionale della Vrije Universiteit di Amsterdam ha messo a punto e pubblicato uno studio sulle pagine di Nature Genetics, che mette al centro della problematica  quei processi cerebrali che agiscono sul rischio dell’insonnia.

Il disturbo

L’insonnia può essere definita come un disturbo frequente e persistente in cui la persona che ne è interessata si trova ad affrontare grosse difficoltà ad addormentarsi e soffre di risvegli frequenti, ai quali seguono altre difficoltà ad addormentarsi nuovamente, anche quando non sembrano esserci impedimenti ambientali. 

Se questi disturbi persistono nel tempo e durano mesi , sicuramente si può parlare di insonnia cronica.

La scienza

Tutt’oggi la ricerca scientifica non ha potuto ancora individuare quali possano essere i geni responsabili ed i loro effetti negativi a livello cerebrale. 

Per poter far luce nella ricerca  Danielle Posthuma della Vrije Universiteit e Eus Van Someren dell’Istituto di neuroscienze olandese hanno costituito una squadra di scienziati, che per la prima volta sono stati in grado di mettere insieme tanti dati e informazioni sul dna e sulle specifiche abitudini del  sonno di un vasto numero di persone, ben 1,3 milioni. Hanno utilizzato informazioni e risorse provenienti della banca dati Uk Biobank e della 23andMe, creando in questo modo il più importante e grande “set di dati genetici” fino a quel momento mai disponibile.

I geni identificati

I ricercatori sono riusciti ad identificare, sulla base dell’elaborazione della vasta quantità di dati osservati,  il notevole numero di 956 geni,  che secondo le diverse varianti potrebbero rappresentare i contributi  per un aumento del rischio di insonnia

In seguito i ricercatori  hanno concentrato i loro studi per comprendere quali fossero i processi biologici, quali i tipi di cellule e quali le aree del cervello dai geni utilizzati. 

Si è stabilito che alcuni dei geni studiati rivestono un ruolo importante nelle funzionalità degli assoni, cioè quei prolungamenti dei neuroni che partecipano allo scambio di informazioni tra le cellule nervose. 

Gli scienziati sostengono che altri geni risultano essere attivi in specifiche cellule, i neuroni medi spinosi, che sono presenti nella corteccia frontale e nei nuclei subcorticali, quelle aree del cervello di cui si conosce la capacità di  influenzare la qualità del sonno.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Giuseppe Lepore
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Dermatologi, Medici di Base, Chirurghi Generali

    • 19 Via Manzoni Alessandro - Garbagnate Milanese
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Erminia Maria Ferrari
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Medicina Omeopatica, Medici di Base, Pediatri

    • Via San Carlo 3 - Castel Rozzone
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Domenico D'Angelo
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Otorinolaringoiatri, Medici di Base, Medico Competente

    • Via Pola 5 - San Prisco
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giovanni Arrichiello
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Ginecologi, Medici di Base

    • Corso Regina Margherita 260 - Torino
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Roberto Zaffaroni
    attivo 4 anni, 1 mese fa

    Medici di Base, Terapeuta

    • Via San Francesco D' Assisi 5 - Varese
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Attacco di panico

Cosa si intende per attacco di panico? Si intende come la manifestazione improvvisa di una forte paura accompagnata da un’altrettanto intensa sintomatologia fisica pur in assenza di un reale pericolo

Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è un disturbo cronico caratterizzato dall’insorgenza di una sensazione di generico disagio alle gambe, che si manifesta quando le gambe sono tenute ferme anche

Epilessia

L’epilessia è una patologia neurologica cronica del sistema nervoso centrale, caratterizzata da attacchi acuti (crisi epilettiche) ricorrenti, imprevedibili per frequenza, intensità e durata, intervallati da periodi di benessere nei quali

Sindrome da stanchezza cronica (CFS)

La sindrome da stanchezza o affaticamento cronico (CFS), oggi denominata anche associando l’acronimo ME/CFS (encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica) è una patologia piuttosto complessa che si manifesta con una condizione

Tumori cerebrali

I tumori cerebrali sono tumori rari che possono essere di tipo primitivo, ossia originare nel cervello, oppure formarsi come metastasi secondarie di neoplasie a carico di altri organi, come il

Emicrania

L’emicrania è una cefalea primaria che si manifesta con attacchi ricorrenti di mal di testa di intensità moderata o severa, di durata variabile dalle 4 alle 72 ore, intervallati da

Crisi emotiva

Nell’uso corrente la parola “crisi” ha un significato drammatico, ossia il passaggio da una condizione di stabilità ad una variabilità degli equilibri precedentemente assunti, ritenendo l’omeostasi quale unico referente di

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno

Le apnee ostruttive del sonno sono il tipo più diffuso di apnee del sonno: una categoria di disturbi accomunati dal verificarsi di ripetute interruzioni della normale respirazione mentre si dorme,

Disturbo da attacco di panico

Il disturbo da attacchi di panico è una malattia psichiatrica caratterizzata da episodi di improvvisa e intensa paura, angoscia e sensazione di morte imminente o forte timore per la propria

Distonia neurovegetativa

Se si ha la pazienza di intervistare un medico di famiglia il cui ambulatorio è sempre molto affollato, si scoprirà che una buona parte di pazienti sono afflitti da disturbi
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile