ARTICOLI CORRELATI

Sonno e Memoria: La memoria nella profondità del sonno

Il cervello, anche quando dormiamo, lavora. Diverse ricerche ormai concordano nell’assegnare al cervello che dorme un ruolo centrale nella fissazione dei ricordi e quindi nell’apprendimento. La dimostrazione di questo apparente
Cos'è l'identità sessuale?

Cos’è l’identità sessuale?

L’identità sessuale è un costrutto che indica il modo in cui una persona vive il piacere, il sentimento, il rapporto con gli altri e come agisce la propria sessualità attraverso

Una visione di insieme

Il fitness cognitivo-emotivo risponde alle esigenza di favorire la crescita dei processi cognitivi ed emotivi, alla base della personalità matura. Se non si acquisisce uno stile di vita funzionale, nessun

La cannabis come medicina per le malattie neurologiche e psichiatriche

seedling-1062908_1280

Comunemente si definisce “droga leggera” per via dei suoi effetti edulcorati sul sistema nervoso centrale; in realtà, si tratta di una sostanza stupefacente vera e propria usata da tempo non solo per scopi “ricreativi”, ma anche medici e religiosi. Parliamo della cannabis (o canapa), una pianta angiosperma originaria dell’Afghanistan largamente coltivata in Asia, Europa e Africa. La cannabis si presenta in varie forme, tra cui l’“hashish”, la parte resinosa, e la “marijuana”, costituita dalle foglie e dai gambi della pianta essiccati e trinciati.

La storia

L’impiego della cannabis come medicina risale ad almeno 2500 anni fa e fu descritto nel primo trattato di farmacologia redatto in Cina. In Europa, l’ampia diffusione della cannabis è legata soprattutto al suo utilizzo in campo tessile, ma nel XVII e XVIII secolo fu usata anche in medicina come analgesico e sedativo. Numerosi gli scrittori e i poeti famosi che ne fecero uso, tra cui Verlaine, Rimbaud, Mallarmè,  Dumas, Baudelaire, Balzac, Hugo e Shakespeare. In Italia fu Raffaele Valieri, medico dell’Ospedale degli Incurabili di Napoli, a far conoscere le proprietà della cannabis in campo medico. Dal 2015, nel nostro Paese è stata legalizzata la coltivazione delle piante di cannabis da utilizzare per la preparazione di medicinali. Tuttavia, la cannabis non è ancora considerata una vera e propria terapia, ma un trattamento di supporto a quelli standard quando questi ultimi non hanno prodotto gli effetti desiderati o hanno determinato effetti secondari non tollerabili.

L’uso in medicina

La cannabis è attualmente la droga più utilizzata al mondo sia per il forte incremento nell’uso voluttuario sia per l’uso medico, specie per la cura di malattie neurologiche e psichiatriche, quali la sclerosi laterale amiotrofica, la sclerosi multipla, l’Alzheimer, il Parkinson, l’epilessia, il disturbo bipolare e la schizofrenia.
Prendiamo la malattia di Parkinson.  Studi scientifici recentissimi (2014 e 2015) sui malati trattati con estratti di cannabis hanno evidenziato significativi miglioramenti dei principali sintomi della malattia, quali tremore, rigidità e lentezza nei movimenti, ma anche di disturbi non motori, come alterazioni del ritmo sonno-veglia e dolore.
Per quanto riguarda l’impiego nel dolore, la cannabis è capace di migliorare il tono dell’umore e la qualità della vita nei soggetti affetti da HIV. Inoltre, negli ammalati di cancro la cannabis è in grado di combattere l’anoressia, la nausea e il vomito indotti dalla chemioterapia, come anche il dolore cronico, l’insonnia e la depressione del tono dell’umore.

Gli aspetti negativi

Appurate le sue qualità medicinali, la cannabis resta pur sempre una droga e, come tale, provoca effetti negativi, gravi e duraturi soprattutto nei giovani, in particolare in coloro che hanno cominciato ad assumere cannabis in età adolescenziale.
Dipendenza, turbe respiratorie, deficit della memoria, riduzione dell’attenzione e della concentrazione, turbe comportamentali, accentuazione di disturbi depressivi, ansiosi o psicotici sono tra gli eventi avversi più frequenti.
Nonostante le difficoltà nell’impiego terapeutico della cannabis, numerosi studi sul suo utilizzo medico continuano a essere condotti in tutto mondo. Tuttavia, spesso le conclusioni di tali ricerche non sembrano appropriate o correttamente applicabili nell’ambito della sanità pubblica. Negli studi effettuati, infatti, spesso mancano dati a supporto di un favorevole rapporto rischio/beneficio. Di qui le difficoltà nel redigere adeguati regolamenti o procedure per l’uso della cannabis in campo medico.

di Pietro Biagio Carrieri, Andrea Di Cesare, Massimo Persia

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Massimo Carotenuto
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Chirurghi Generali, Medici di Base

    • Via Lepanto 95 - Pompei
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Gianlorenzo Casani
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Geriatria, Medico Certificatore, Medici di Base

    • Via Costantino Baroni 71/73 - Milano
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giovanni Arrichiello
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base

    • Corso Regina Margherita 260 - Torino
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Antonio Varriale
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Dentisti, Medici di Base

    • Via Grotta dell Olmo 20 - Giugliano in Campania
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Carmela Tizziani
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medico Legale, Medico Certificatore, Medici di Base

    • Via Gaetano Bruno 25 - Napoli
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Depressione post-partum

La depressione post partum è un disturbo dell’umore caratterizzato da sintomi sovrapponibili a quelli della depressione maggiore e che si differenzia da quest’ultima essenzialmente per il fatto di insorgere nella

Sindrome di Menière

La sindrome di Menière è un disturbo dell’equilibrio caratterizzato da “attacchi” ricorrenti e imprevedibili, che comportano la comparsa di intense vertigini, associate a riduzione dell’udito, fischi e brusii. Ogni attacco
L'anorgasmia

Anorgasmia

L’anorgasmia è la sindrome con la quale si indica la difficoltà ad avere orgasmi anche dopo una normale stimolazione sessuale. L’intensità e la frequenza di orgasmi nelle donne sono variabili

Disturbo da alimentazione incontrollata

Il disturbo da alimentazione incontrollata è un disturbo del comportamento alimentare che si caratterizza per l’incapacità nel controllare l’assunzione di cibo, che si traduce nel ripetersi più o meno frequente

Glaucoma

Il glaucoma è una grave malattia dell’occhio che può causare cecità, principalmente a causa di un aumento della pressione interna dell’occhio che danneggia il nervo ottico. La malattia può insorgere

Demenza vascolare senile

La demenza vascolare senile corrisponde a un processo di declino cognitivo che va al di là della fisiologica riduzione delle capacità intellettive associata all’invecchiamento. Nella maggioranza dei casi, la demenza

Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per la modalità con la quale si manifestano gli attacchi, che si concentrano appunto “a

Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo è un disturbo psichiatrico caratterizzato da pensieri ricorrenti, accompagnati da paure e preoccupazioni del tutto irrazionali e immotivate, che portano chi ne soffre a ripetere continuamente,

Sonno e menopausa

I disturbi del sonno sono uno dei problemi di salute segnalati più spesso dalle donne che si avvicinano alla menopausa e nel periodo successivo (climaterio). Il bisogno di dormire tende

Apnee ostruttive notturne

Durante il sonno possono verificarsi degli episodi ripetitivi di ostruzione delle vie aeree superiori, spesso accompagnati a riduzione della saturazione di ossigeno. Tali episodi si accompagnano nella quasi totalità dei
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile