ARTICOLI CORRELATI

Immersioni, le regole fondamentali

Il corpo umano, pur muovendosi in acqua, nuotando o immergendosi, sa bene che essa rappresenta un pericolo costante dato che sotto questo elemento non può sopravvivere se non con riserve d’aria. Mai fare immersioni solitarie.

Cibo, sport, sesso: facili gli eccessi estivi

In estate tante esperienze piacevoli e soddisfacenti, nelle quali umore ed emozioni sono al top, condizioni che talvolta potrebbero anche causare errori di valutazione di alcuni pericoli nascosti in un crescendo di esperienze positive ed esaltanti. E allora ? Rovinarsi la festa con pensieri negativi e paure ?

Perchè mi vengono i crampi quando corro?

Un crampo muscolare può venire all’improvviso , come ad esempio durante una corsa , e non si annuncia con nessun tipo di segno. Al più ci si può accorgere che è in arrivo molto tardi , quando già il muscolo si sta contraendo o accavallando.

Applicazione di Stent (Angioplastica coronarica)

Lo stent coronarico è un “device” medico, ovvero uno strumento utilizzato nell’Angioplastica Coronarica per sgombrare la via alle possibili ostruzioni delle arterie coronarie seguendo delle tecniche invasive aventi l’obiettivo di ripristinare la regolare circolazione sanguigna all’interno del cuore garantendone la corretta funzionalità.

Il rigurgito della valvola mitrale

E’ una condizione in cui i lembi della valvola mitrale non si chiudono in modo ermetico, provocando la fuoriuscita di sangue all'indietro nell'atrio sinistro del cuore.

LA DISFUNZIONE ERETTILE, COSA SAPERE E COSA FARE

Il meccanismo che determina l’erezione nel maschio nasce da una eccitazione sessuale che a sua volta è il risultato della partecipazione di emozioni, del cervello, di flussi ormonali, di cuore e vasi, di muscoli e nervi. Talvolta anche uno solo di questi fattori può causare una disfunzione erettile, che può peggiorare quando ad essa si aggiunge uno stato di malessere emotivo e di stress o anche uno stato ansioso persistente.

Coronografia

La coronarografia, detta anche angiografia coronarica, è una tecnica radiologica invasiva utilizzata in ambito cardiologico per visualizzare il decorso e lo stato delle arterie coronariche.

Cardiomiopatia ipertrofica

La cardiomiopatia ipertrofica è una condizione in cui il muscolo cardiaco si ispessisce, diventando ipertrofico, in assenza di dilatazione dei ventricoli. La cardiomiopatia ipertrofica colpisce uomini e donne in egual misura. Spesso non

TAC Tomografia Assiale Computerizzata

La tomografia computerizzata, in sigla TC, ancora spesso chiamata comunemente TAC (tomografia assiale computerizzata) nonostante l’evoluzione della metodica, è un’indagine di imaging che fornisce informazioni strutturali tridimensionali molto dettagliate degli

Coronografia

coronografia

La coronarografia, detta anche angiografia coronarica, è una tecnica radiologica invasiva utilizzata in ambito cardiologico per visualizzare il decorso e lo stato delle arterie coronariche (i vasi arteriosi che avvolgono il cuore e che garantiscono il rifornimento di ossigeno e nutrienti al muscolo cardiaco), soprattutto quando si ha un forte sospetto che vi siano stenosi dovute a placche aterosclerotiche od occlusioni parziali dovute a coaguli (trombosi) associate a un elevato rischio di ischemia cardiaca oppure aneurismi a rischio di rottura.

Qualora, la stenosi o l’aneurisma siano confermati dall’indagine, in alcuni casi, è possibile intervenire in tempo reale durante la coronarografia con tecniche di angioplastica per correggere l’alterazione coronarica presente e prevenire, così, possibili eventi cardiovascolari acuti. Se la correzione immediata non è attuabile, le informazioni ottenute dall’angiografia coronarica sono preziose per pianificare l’intervento emodinamico o chirurgico più appropriato.

Descrizione

La coronarografia prevede l’inserimento di un catetere flessibile in un’arteria del braccio che viene fatto avanzare nel vaso sanguigno fino al punto in prossimità delle coronarie, dove deve rilasciare il mezzo di contrasto. Una volta che il mezzo di contrasto opaco ai raggi X si è diffuso in tutto il letto coronarico da visualizzare, il paziente viene sottoposto a una radiografia cardiaca che fornirà un’immagine del decorso delle arterie che avvolgono il cuore, evidenziandone eventuali ostruzioni e anomalie.

L’esame è effettuato mentre il paziente è sveglio e soltanto parzialmente sedato, per facilitare il rilassamento durante la procedura consentendogli però di interagire con i medici (per esempio, rispondere a domande), mentre per ridurre il dolore nel punto di inserzione del catetere viene somministrata un’anestesia locale. Durante l’intera valutazione, il paziente è sottoposto a monitoraggio elettrocardiografico e pressorio e viene valutata la quantità di ossigeno nel sangue (pO2), indicativa della funzionalità cardiopolmonare.

L’esecuzione della coronarografia dura, in media, circa un’ora, ma la sua durata può aumentare in caso di vasi sanguigni difficili da navigare (per esempio, a causa di stenosi o tortuosità soggettive) e, soprattutto, quando oltre alla valutazione diagnostica vengono attuate anche altre procedure emodinamiche, come l’angioplastica. Al termine della procedura, il catetere viene rimosso e il punto dell’incisione chiuso con una semplice pressione o con una clip.

Quando serve

L’angiografia coronarica viene eseguita soltanto quando le tecniche diagnostiche di imaging o altre valutazioni non invasive, come ecocardiogramma ed ecodoppler (a riposo o sotto sforzo) o la risonanza magnetica cardiaca, non sono adeguate o sufficienti a chiarire l’origine dei sintomi e dei segni evidenziati clinicamente oppure quando si ritenga plausibile la correzione del difetto coronarico presente contestualmente alla coronarografia (per esempio, la riapertura di un vaso semi-occluso con applicazione di uno stent coronarico).

Questo uso cauto dell’angiografia coronarica è legato al fatto che l’esecuzione dell’esame presenta rischi operativi bassi ma non nulli, legati soprattutto alla necessità di navigare le arterie con un catetere fino a raggiungere le coronarie da esaminare e di somministrare un mezzo di contrasto. L’uso di basse dosi di raggi X, necessari per evidenziare i vasi cardiaci, invece, è sostanzialmente innocuo.

Le principali indicazioni all’esecuzione della coronarografia comprendono:

  • sintomi indicativi di coronaropatia, come angina pectoris o dolore anginoso al braccio;
  • riscontro di dolore al torace, al collo/mandibola, al torace o al braccio, non spiegato da altri test;
  • aumento dei sintomi di un’angina già diagnosticata (angina instabile);
  • presenza di difetti cardiaci congeniti;
  • presenza difetti a una valvola cardiaca;
  • insufficienza cardiaca già diagnosticata;
  • riscontro di alterazioni di altri vasi sanguigni o traumi toracici;
  • esiti anomali in altre valutazioni cardiache (in particolare, test sotto sforzo).

In aggiunta, la coronarografia può essere utilizzata per pianificare meglio un intervento chirurgico (per via percutanea o a cielo aperto) o di angioplastica e per monitorarne gli esiti nel tempo (follow-up), allo scopo di evidenziare precocemente possibili recidive dell’alterazione coronarica iniziale (per esempio, la re-stenosi di un vaso nello stesso punto dove è già stato applicato uno stent o in un’altra zona dei vasi coronarici).

Avvertenze particolari

L’angiografia è un intervento invasivo che prevede una serie di valutazioni preliminari per poter essere effettuato e che viene gestito nella sala di emodinamica interventistica, alla stregua di un intervento chirurgico minore.

Conclusa la procedura è necessario restare alcune ore sotto monitoraggio, finché le condizioni cardiache e generali sono stabili. Se non sussistono criticità cliniche di base particolari (per esempio, un’età molto avanzata o patologie che aumentano il rischio di complicanze, come il diabete) e la procedura viene eseguita senza problemi, la coronarografia può essere eseguita in Day hospital e il paziente può tornare alla propria abitazione il giorno stesso. Viceversa, può essere necessaria una notte di ricovero.

Dopo l’esame, è raccomandato di bere in abbondanza per favorire l’eliminazione del mezzo di contrasto dal circolo sanguigno (salvo diversa indicazione medica), di non eseguire sforzi o attività pesanti per alcuni giorni e di non sfregare o toccare la piccola ferita nel punto di inserzione del catetere, fino alla completa guarigione.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dr. Lorenzo Cerreoni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Macero Sauli 52 - Forlì
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Massimo Carotenuto
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Chirurghi Generali, Medici di Base

    • Via Lepanto 95 - Pompei
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Giandomenico Mascheroni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Endocrinologi, Medici di Base, Medico Certificatore

    • Via Petrarca 53 - Carnago
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Vittorio Margutti
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ortopedici, Medici di Base

    • Via Marco Simone Poli 1 - Guidonia Montecelio
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Monica Calcagni
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici Estetici, Medici di Base

    • Via Casilina 32 - Arce
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Coronaropatia

Con il termine coronaropatia ci si riferisce a una “sofferenza” cronica delle coronarie, le arterie che riforniscono di sangue il muscolo cardiaco, nella maggioranza dei casi determinata dalla patologia arteriosclerotica

Ipertensione

In base a quanto stabilito dalle linee guida ESH-ESC, l’ipertensione arteriosa è definita dal riscontro di valori di pressione sistolica (massima) ≥ 140 mmHg e/o di valori di pressione diastolica

Ablazione della fibrillazione atriale

L’intervento di ablazione della fibrillazione atriale (FA) è una procedura chirurgica finalizzata a eliminare la fonte dell’aritmia cardiaca, attraverso la distruzione selettiva di piccole porzioni del tessuto cardiaco presenti nelle

Arresto cardiaco

L’arresto cardiaco corrisponde all’interruzione della contrazione del cuore e della sua azione di pompa, conseguente a un’alterazione improvvisa e drastica della sua attività elettrica (fibrillazione ventricolare). L’arresto cardiaco è un’emergenza

Infarto miocardico

L’infarto miocardiaco acuto, che in Italia colpisce ogni anno circa 100.000 persone, corrisponde alla morte di una parte del muscolo cardiaco a causa di un’interruzione del rifornimento di ossigeno e

Malattie delle valvole cardiache

Le malattie delle valvole cardiache comprendono un ampio gruppo di alterazioni strutturali e disfunzioni, congenite o più spesso acquisite, che impediscono alle valvole che separano le diverse camere del cuore

Ecodoppler cardiaco

L’ecocardiogramma, detto anche ecocardiografia, è una tecnica diagnostica di imaging basata sull’impiego di ultrasuoni, semplice e rapida da eseguire, innocua, indolore e a basso costo che, proprio per queste sue

Insufficienza cardiaca

L’insufficienza cardiaca corrisponde a una condizione nella quale il cuore non è in grado di ricevere e/o pompare con forza sufficiente il sangue verso i polmoni e il resto dell’organismo,

Fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo cardiaco più diffuso nel mondo occidentale. Negli Stati Uniti colpisce circa tre milioni di persone; in Italia, secondo le stime, a esserne

Shock, emergenza medica

Può accadere che la circolazione del sangue attraverso il corpo subisca una improvvisa modificazione dando luogo ad una condizione di shock fisiologico, con diminuzione del flusso e di crisi da
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile