ARTICOLI CORRELATI

Gli attacchi ischemici transitori

L’attacco ischemico transitorio, o ischemia transitoria, (TIA) è definito come episodio di deficit neurologico causato da una ischemia cerebrale focale con recupero completo entro 24 ore. Mediamente la durata di un

Sviluppo emotivo e apprendimento

La nostra società e la nostra scuola investono molto sullo sviluppo dell’intelletto e sullo sviluppo di funzioni neuropsicologiche complesse come quella del linguaggio, della cognizione spaziale, temporale, o grafica, nonché della lettura, della scrittura, dell’aritmetica e della capacità di eseguire ragionamenti logici e di memorizzare.
Disturbo bipolare

Le complicazioni nel disturbo bipolare

Dal punto di vista clinico va detto che talvolta il disturbo bipolare può accompagnarsi ad alcune patologie preesistenti che possono aggravare una condizione già di per se abbastanza seria, con sintomi più intensi, per i quali la terapia applicata può dare risultati di minore efficacia. Ma quali sono le più presenti?

Jet lag: cos’è?

Il jet lag (termine inglese, letteralmente “ritardo da getto”; spesso indicato come mal di fuso) o disritmia, discronia o ancora disincronosi circadiana, è una condizione clinica che si verifica quando si attraversano vari fusi orari (di solito più di due fusi

I segni fisici dell’ansia

Inizia come uno stato mentale ma spesso l’ ansia si accompagna a dei sintomi veri e propri. L’ansia può far alzare l’indice glicemico, esporre più facilmente all’influenza, e perfino avere

Il disturbo ossessivo compulsivo

DOC

Il disturbo ossessivo compulsivo (DOC) è un disturbo psichiatrico caratterizzato da pensieri ricorrenti, accompagnati da paure e preoccupazioni del tutto irrazionali e immotivate, che portano chi ne soffre a ripetere continuamente, in modo ossessivo e incontrollato, determinate azioni o processi nel tentativo di placare l’ansia e di proteggersi da eventi nefasti altrimenti ritenuti inevitabili, nonostante siano, in realtà, altamente improbabili.

Disturbi e sintomi

Spesso, le attività svolte da chi soffre di disturbo ossessivo compulsivo sono del tutto “normali” e innocue, ma diventano patologiche a causa dell’ossessione con cui vengono ripetute e dell’impossibilità di farne a meno. Comportamenti compulsivi tipici comprendono: il lavaggio ossessivo e ripetuto delle mani, dei capelli o di tutto il corpo, nel timore di contaminazioni; la verifica, ripetuta anche decine di volte, di aver chiuso il gas o le finestre prima di uscire di casa; la disposizione di vestiti, oggetti, libri in un ordine ben preciso e immodificabile.

Non di rado chi soffre di disturbo ossessivo compulsivo assilla amici e familiari (spesso la madre) con continue ed esasperanti richieste di rassicurazione sul fatto di essere pettinato, di non avere difetti o segni sulla pelle, di avere i denti puliti oppure di essere aiutato a “controllare meglio” i dettagli che causano agitazione e ansia e che teme di non poter verificare a sufficienza da solo.

Se disturbo ossessivo compulsivo non viene trattato, con il tempo, i comportamenti ossessivo-compulsivi si moltiplicano e aggravano, determinando un serio deterioramento della qualità di vita e delle relazioni familiari, ritiro sociale e lavorativo, con esiti invalidanti. Inoltre, possono subentrare problemi medici legati agli effetti dei comportamenti ossessivi (come per esempio dermatiti o alopecia dovute ai lavaggi eccessivi) e pensieri suicidari. Per prevenire queste evoluzioni sfavorevoli è cruciale che i familiari della persona interessata richiedano un consulto medico fin dai primi segni di malattia, rivolgendosi in prima battuta al medico di famiglia o direttamente allo psichiatra.

Cause

Le cause del disturbo ossessivo compulsivo non sono note, ma si ritiene che la malattia sia determinata da una complessa interazione tra fattori genetici predisponenti (ancora da determinare) e l’esposizione a stimoli o eventi stressanti durante l’infanzia o in fasi successive della vita, nonché a possibili fattori ambientali specifici (per esempio, infezioni), che restano però da precisare e verificare.

La probabilità di essere interessati dalla malattia è maggiore se si soffre anche di altri disturbi psichiatrici (in particolare, afferenti all’area dei disturbi d’ansia e della depressione), se si hanno tratti di personalità predisponenti (perfezionismo, eccessiva tendenza all’apprensione e al controllo, insicurezza ecc.) e se altre persone della famiglia soffrono di disturbo ossessivo compulsivo (in particolare, uno o entrambi i genitori). Dal punto di vista neurologico il disturbo ossessivo compulsivo è legato a una serie di alterazioni nel funzionamento dei circuiti cerebrali che regolano l’impulsività, le emozioni e la risposta allo stress, a oggi, caratterizzate soltanto in parte.

Diagnosi

La diagnosi di disturbo ossessivo compulsivo si basa sul riscontro di comportamenti e azioni di vario tipo caratterizzati da ripetizione ossessiva, compulsione e impossibilità di rinunciare a compierli senza andare incontro ad ansia e angoscia severe e invalidanti.  Talvolta, riconoscere la malattia non è semplice poiché le manifestazioni possono risultare in parte sovrapponibili a quelle di altri disturbi psichiatrici come l’ansia, forme di depressione con tratti psicotici o la schizofrenia. La diagnosi di disturbo ossessivo compulsivo è, in molti casi, tardiva perché i familiari del malato tendono ad abituarsi ai comportamenti stravaganti e a sottovalutare la gravità dei segnali d’allarme, anche adottando, più o meno consapevolmente, un atteggiamento “protettivo” o di negazione della malattia.

Il ritardo diagnostico dipende, inoltre, dal fatto che, spesso, anche i familiari del malato presentano tratti di personalità simili a quelli tipici del disturbo ossessivo compulsivo, benché a livello subclinico, e hanno quindi una minore “sensibilità” nel riconoscere la malattia. In caso di manifestazioni ossessivo-compulsive di recente insorgenza, soprattutto in persone prive di familiarità per la malattia, devono essere indagati possibili fattori scatenanti specifici, come la presenza di patologie organiche (per esempio, disturbi della tiroide) oppure l’assunzione di farmaci (in particolare, gli agonisti della dopamina, usati per trattare la malattia di Parkinson) o sostanze d’abuso (alcol, psicostimolanti ecc.).

Come si cura

Gli interventi terapeutici necessari per far regredire il disturbo ossessivo compulsivo vanno individuati in funzione della severità delle manifestazioni, dell’età del paziente e della durata della malattia. Se il disturbo è insorto da poco tempo e/o non è particolarmente grave, il primo approccio proposto è di tipo psico-comportamentale ed è indirizzato a ottenere un progressivo “decondizionamento” dalle abitudini ossessivo-compulsive, partendo da quelle che creano un disagio più lieve e che interferiscono meno le attività quotidiane. In sostanza, si cerca di “disabituare” il paziente a compiere i rituali consolidati e a farli sentire sempre meno necessari.

Quando il disturbo è più invasivo e/o presente da molto tempo, per ottenere esiti clinici apprezzabili diventa necessario aggiungere agli interventi psicoterapici anche una terapia farmacologica. I farmaci di riferimento per il trattamento del disturbo ossessivo compulsivo sono gli antidepressivi, in particolare quelli appartenenti alle classi degli inibitori del sistema di recupero della serotonina (SSRI) e della noradrenalina (SNRI), che dovranno essere assunti per diversi mesi, proseguendo per un certo periodo anche dopo la scomparsa dei sintomi.

In relazione alle caratteristiche del disturbo nel singolo paziente, in alcuni casi, potrà essere necessario associare agli antidepressivi anche farmaci di tipo diverso, come per esempio antipsicotici. In pazienti selezionati, non adeguatamente controllati da psicoterapia e trattamenti farmacologici, può essere preso in considerazione il ricorso alla stimolazione cerebrale profonda (Deep Brain Stimulation, DBS), con impianto di microelettrodi che hanno il compito di sollecitare specifici circuiti cerebrali coinvolti nel controllo degli impulsi.

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Federica Filigheddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici di Base

    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Gianlorenzo Casani
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Geriatria, Medico Certificatore, Medici di Base

    • Via Costantino Baroni 71/73 - Milano
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Flavio Della Croce
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Psicoterapeuti, Medici di Base

    • Via Sacconi 1 - Borgonovo Val Tidone
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Fabio Fabi
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Medici dello Sport, Internista, Medici di Base

    • Via Sarsina 147 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Domenico Napolitano
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base, Medici Estetici

    • Viale Orazio Flacco 5 - Bari
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Cefalea tensiva

La cefalea tensiva è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per gli episodi di dolore diffuso a tutto il capo, di intensità lieve o moderata, che

Bulimia nervosa

La bulimia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare più diffuso di quanto si creda e ampiamente sottodiagnosticato, soprattutto nelle forme lievi, che possono passare inosservate se non sono i

Disturbo da stress post-traumatico

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è un disturbo psichiatrico che può insorgere a qualunque età in persone che hanno vissuto o hanno assistito a un evento traumatico che abbia

Ansia

L’ansia o, più precisamente, il “disturbo d’ansia generalizzata”, come indicato nel “Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali – DSM 5”. È una malattia psichiatrica caratterizzata da: preoccupazione e ansia intense
Alcolismo

Alcolismo

L’alcolismo è una vera e propria malattia, per come si presenta, per i disturbi che causa, per i sintomi che procura al paziente. Si usa il termine Alcolismo quando i

Malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson è una patologia neurodegenerativa del sistema nervoso centrale legata all’invecchiamento, che colpisce circa il 2,5% delle persone con più di 70 anni e che si caratterizza

Attacco ischemico transitorio

L’attacco ischemico transitorio (TIA) è una forma lieve di ictus cerebrale ischemico o “mini-stroke”, che si verifica quando la circolazione cerebrale è parzialmente compromessa dalla presenza di restringimenti od occlusioni

Disturbo di personalità borderline

Il disturbo di personalità borderline è un disturbo psichiatrico caratterizzato da una percezione altalenante del proprio valore e della propria identità, con oscillazioni repentine che vanno da una visione molto

Declino cognitivo lieve

Il declino cognitivo lieve (Mild cognitive imparment, MDI) è una forma di decadimento delle prestazioni intellettive e delle capacità di memorizzazione e organizzazione delle attività intermedia tra il fisiologico calo

Meningite

“M” come meningite meningococcica Cosa si intende per meningite? Anche se il termine evoca subito la forma da meningococco, è bene non dimenticare che “meningite” vuol dire infiammazione delle meningi,
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile