ARTICOLI CORRELATI

I virus? Non sempre sono nocivi

Virus non è sempre sinonimo di “causa dannosa”, portatrice di effetti negativi. Almeno negli abissi marini, dove le infezioni virali del plancton costituiscono il motore della catena alimentare. La notizia

Gli anziani fanno sesso?

Gli anziani fanno sesso? Assolutamente sì e talvolta anche con maggiore soddisfazione e spensieratezza rispetto agli anni della gioventù.

Memoria e invecchiamento: quando preoccuparsi

Già a partire dai 55-60 anni, si può iniziare a sperimentare qualche inconveniente di memoria. Concentrarsi, trattenere informazioni e ricordare nomi, orari e appuntamenti può richiedere un piccolo sforzo in

Maculopatia: cause, diagnosi e terapia

La maculopatia è una malattia che colpisce la retina, per l’esattezza la sua parte più importante per la visione cioè quella centrale, chiamata macula. Questa importante regione dell’occhio può andare

L’invecchiamento cutaneo

Quando si parla di pelle si fa presto a ricondurre l’invecchiamento alla semplice comparsa di alterazioni macroscopiche: tutti i segni del passare degli anni sono invece frutto di fenomeni alquanto

Fibrillazione atriale e stress: serve un approccio integrato

fibrillazione-atriale

Tutte le malattie, in particolare quelle severe e/o ad andamento cronico, comportano oltre a disturbi e sintomi fisici più o meno caratteristici anche uno stress psicologico, che generalmente si traduce in una riduzione transitoria o persistente della qualità di vita e, in una quota di pazienti, in veri e propri stati di ansia e depressione. Come hanno evidenziato numerosi studi condotti negli ultimi anni, la fibrillazione atriale non sfugge a questa regola, con l’aggravante che lo stress psicologico conseguente alla malattia cardiaca può peggiorare i sintomi della fibrillazione atriale stessa, rendendola più difficile da gestire.

Nuovi dati a riguardo forniti da uno studio che ha coinvolto 78 pazienti con fibrillazione atriale parossistica o persistente, di età compresa tra 50 e 70 anni e nella metà dei casi in forte sovrappeso/obesi e/o affetti anche da ipertensione, afferenti a centri cardiologici specialistici di Melbourne (Australia), hanno permesso di precisare alcuni aspetti della correlazione tra benessere psicologico e malattia cardiaca.

In particolare, dalla valutazione dei soggetti arruolati nell’arco di 12 mesi è emerso che maggiore è l’entità dei sintomi della fibrillazione atriale e maggiore è lo stress psicologico percepito dai pazienti, con conseguente riduzione della qualità di vita globale. La più giovane età e il peso corporeo più elevato, insieme a un profilo di personalità caratterizzato da vulnerabilità allo stress, negatività e inibizione sociale, rappresentano aggravanti specifiche, in grado di aumentare lo stress psicologico percepito in modo indipendente dalla severità dei sintomi cardiaci. Il malessere psicologico globale che ne deriva è marcato per almeno un paziente su tre (35%) e comporta pensieri suicidari per un paziente su cinque (20%).

A fronte di queste correlazioni negative, lo studio australiano ha evidenziato anche un aspetto favorevole, di cui sarà importante tener conto in pratica clinica. In particolare, è stato rilevato che i pazienti con fibrillazione atriale sottoposti all’intervento di ablazione (oggi eseguito perlopiù transcatetere, in modo minimamente invasivo), oltre a beneficiare di una pressoché totale eliminazione dell’aritmia cardiaca, andavano incontro anche a una sostanziale diminuzione dello stress psicologico e dell’ideazione suicidaria nei 12 mesi post-intervento, nonché a significativo miglioramento della qualità di vita globale. Un vantaggio che non è stato, invece, riscontrato tra i pazienti trattati con farmaci antiaritmici.

Sulla base di questi risultati, si dovrebbe proporre l’ablazione della fibrillazione atriale a tutti quelli che ne soffrono? Evidentemente no, perché l’intervento è comunque associato a un minimo rischio operatorio ed è efficace nel 70-90% dei casi, non in tutti. Per la maggioranza dei pazienti, quindi, il primo approccio, resta di tipo farmacologico.

Ciò che lo studio sottolinea è soprattutto l’importanza di considerare, oltre a quelli clinici, anche gli aspetti psicologici al momento di scegliere il tipo di trattamento della fibrillazione atriale, soprattutto nei pazienti più giovani e/o con profili di personalità più problematici, e l’opportunità di includere il benessere psicologico tra gli obiettivi terapeutici. D’altro canto, per chi non è candidato all’intervento (quanto meno nell’immediato), può essere utile affiancare ai farmaci antiaritmici un intervento di supporto psicologico o di gestione dello stress.

Fonte

  • Walters TE et al. Psychological Distress and Suicidal Ideation in Patients With Atrial Fibrillation: Prevalence and Response to Management Strategy. J Am Heart Assoc. 2018;7(18):e005502. doi:10.1161/JAHA.117.005502 (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6222970/)

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott. Cristiano Crisafulli
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Diabetologo, Medici di Base, Internista

    • Via Vittorio Emanuele II 181 - Acireale
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Francesca Marceddu
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Anestesisti, Medici di Base

    • Via del Risorgimento 49 - Pirri
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Flavio Della Croce
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Psicoterapeuti, Medici di Base

    • Via Sacconi 1 - Borgonovo Val Tidone
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Squillante Gianni Erminio
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Agopuntori, Medicina Omeopatica, Medici di Base

    • Via Monterotondo 14 - Roma
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Domenico D'Angelo
    attivo 3 anni, 8 mesi fa

    Otorinolaringoiatri, Medici di Base, Medico Competente

    • Via Pola 5 - San Prisco
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Malattie delle valvole cardiache

Le malattie delle valvole cardiache comprendono un ampio gruppo di alterazioni strutturali e disfunzioni, congenite o più spesso acquisite, che impediscono alle valvole che separano le diverse camere del cuore

Linfedema

1/10 – Cos’è il linfedema Il linfedema è una condizione patologica cronica che si manifesta principalmente col gonfiore di una regione del corpo dovuto all’accumulo di linfa nei tessuti. Al

Aneurisma aortico

Con aneurisma aortico si intende la dilatazione permanente di un segmento ben delimitato dell’aorta, la più grande arteria del corpo che riceve il sangue direttamente dal ventricolo sinistro e lo

Aterosclerosi

L’aterosclerosi è un processo patologico che porta alla progressiva formazione di depositi localizzati composti principalmente da grassi e colesterolo e piastrine (ateromi o placche aterosclerotiche) all’interno delle pareti delle arterie

Infarto miocardico

L’infarto miocardiaco acuto, che in Italia colpisce ogni anno circa 100.000 persone, corrisponde alla morte di una parte del muscolo cardiaco a causa di un’interruzione del rifornimento di ossigeno e

Ablazione della fibrillazione atriale

L’intervento di ablazione della fibrillazione atriale (FA) è una procedura chirurgica finalizzata a eliminare la fonte dell’aritmia cardiaca, attraverso la distruzione selettiva di piccole porzioni del tessuto cardiaco presenti nelle

Insufficienza venosa

L’insufficienza venosa e i disturbi vascolari associati, come varici e teleangectasie (capillari superficiali), interessano soprattutto i vasi venosi delle gambe e delle braccia e sono legati principalmente alla diminuzione del

Arresto cardiaco

L’arresto cardiaco corrisponde all’interruzione della contrazione del cuore e della sua azione di pompa, conseguente a un’alterazione improvvisa e drastica della sua attività elettrica (fibrillazione ventricolare). L’arresto cardiaco è un’emergenza

Cellulite

La cellulite è un’alterazione su base infiammatoria del tessuto sottocutaneo ricco di grasso (pannicolo adiposo), innescato dal ristagno di liquidi dovuto alla cattiva circolazione venosa e linfatica (la linfa è

Stenosi carotidea

La stenosi carotidea corrisponde a un restringimento del calibro delle arterie carotidi, che sono i principali vasi sanguigni che riforniscono il cervello di sangue ricco di ossigeno e nutrienti (in
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile