ARTICOLI CORRELATI

La gestione del tempo

Ci sono diversi modi per utilizzare il tempo e quello peggiore è di fare bene qualcosa che non c’è bisogno di fare, sprecando energie che non portano a nulla. Siamo

Stress lavorativo e difficoltà organizzative

Keith Yamashita e Sandra Spataro nel loro libro “On-Off” hanno affermato il problema della motivazione personale nel contesto di un gruppo e determinato alcune strategie contro lo stress del lavoro.
L’intesa di coppia e le festività natalizie

L’intesa di coppia e le festività natalizie

Nell’immaginario collettivo le feste Natalizie sono cariche di una forte retorica: tutti dovrebbero essere buoni e felici, le famiglie riunirsi in maniera armonica e gioiosa, l’anno nuovo rappresentare una svolta decisiva di cambiamento…

Partire sani e tornare malati, perché succede?

Spesso durante le vacanze ci si stanca ancora di più, perché si tende a svolgere più attività fisica rispetto al normale. Talvolta ne risente anche la salute, per cui è necessario stare molto attenti.
Uomo seduto in posizione scorretta

Cattive abitudini che causano mal di schiena

Quando il mal di schiena è presente troppe volte nel nostro quotidiano, dopo aver fatto tutte le indagini cliniche per escludere delle specifiche patologie, bisogna interrogarsi sulle proprie abitudini, cancellando o modificando quelle che potrebbero esserne la causa.

Lo stress come fonte di sopravvivenza

stress

Molto spesso nei contesti lavorativi è possibile che si vengano a creare situazioni di disagio, collegate anche a patologie psichiche. Ciò influisce negativamente sul benessere del lavoratore, attraverso l’aumento del consumo di sigarette o l’abuso di bevande alcoliche.

Il vissuto di disagio inizia con una perdita di motivazione, una caduta di interesse verso il lavoro, ed una demotivazione verso l’attività lavorativa, fino ad una attribuzione di colpe verso l’esterno. Questo atteggiamento appare come una difesa rispetto ad una situazione lavorativa frustante e non gratificante. Se il lavoro piace, ma lo si vive con dissonanza, ciò che viene fuori è un effetto deleterio sull’assetto emotivo dell’individuo. Anche a livello aziendale ci possono essere conseguenze devastanti, che riducono la produttività dell’azienda. I lavoratori sotto stress hanno la sensazione di essere soffocati dal tempo e dagli impegni. In condizioni normali l’individuo dovrebbe essere in grado di gestire il proprio livello di stress, mettere in atto strategie difensive, utilizzando in modo efficace i propri meccanismi di difesa psicologici. Quando però lo stress diventa eccessivo si trasforma in fattori di crisi e di disagio. Ogni individuo reagisce a modo proprio, si pone in relazione a sè stesso e all’ambiente, risponde agli stimoli della vita quotidiana. Ovviamente esistono delle situazioni estreme nei confronti delle quali ogni essere vivente avrebbe difficoltà di adattamento e di sopravvivenza, ma è possibile osservare che ogni individuo risponde diversamente dall’altro. Difronte agli stimoli l’individuo si attiva per fornire delle risposte adeguate. Lo stimolo può essere un pensiero, un’emozione o qualsiasi altro evento della vita. Gli stimoli vengono valutati in relazione al proprio modo di rapportarsi alla realtà, secondo delle modalità particolari.

Hans Selye ha descritto nella “sindrome generale di adattamento” alcune fasi tipiche dello stress. In un primo momento si ha una fase di allarme, in cui l’individuo valuta lo stimolo, ne prende atto e si prepara ad affrontarlo. La seconda fase è quella della resistenza, finalizzata alla conservazione dell’equilibrio. Infine, c’è la fase di esaurimento, dove le riserve d’energia possono esaurirsi. Per gestire queste fasi l’organismo attiva modificazioni biologiche, comportamentali e psicologiche.

Lo stress non si può evitare, infatti è proprio grazie allo stress che riusciamo a sopravvivere. Lo stress è il modulatore delle funzioni biologiche e psicologiche dell’individuo, aiuta a vivere bene e a dare il meglio di se. Un certo grado di stress ha effetti positivi in quanto aiuta le persone a migliorare in situazioni critiche, facendole diventare più attente e affinando le capacitò di concentrazione.

È possibile fare importanti riflessioni

  • Ogni individuo ha un limite soggettivo di tolleranza allo stress
  • Una condizione soggettiva persistente di tensione genera frustrazione
  • Condizioni di iperadattamento sono nefaste

Lo stress non conosce eccezioni: ogni individuo ha un limite, superato il quale non riesce più a gestire la tensione. È importante conoscere questa soglia ed avere la consapevolezza del livello di tensione, in quanto lo stress può essere silenzioso e non percepito da subito.

Fonte: Non ho tempo per… Come logora curare: operatori sanitari sotto stress di Ferdinando Pellegrino

SPECIALISTI IN EVIDENZA

  • Foto del profilo di Dott.ssa Ilaria Berto
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Medici di Base, Agopuntori, Medici Estetici

    • Via Antonio Corradini 1 - Este
    telefono
  • Foto del profilo di Dott. Massimo Carotenuto
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Chirurghi Generali, Medici di Base

    • Via Lepanto 95 - Pompei
    telefono
  • Foto del profilo di Dott.ssa Francesca Vittorelli
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Terapeuta, Agopuntori, Medici di Base

    • Corso Andrea Palladio 134 - Vicenza
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Monica Gamba
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Medici Estetici, Chirurghi Plastici, Medici di Base

    • Viale Radich 21/N - Grugliasco
    telefono
  • Foto del profilo di Dr. Tiziana Volpe
    attivo 3 anni, 12 mesi fa

    Ginecologi, Medici di Base, Professional Counselor

    • Piazzale Jonio 50 - Roma
    telefono

PATOLOGIE CORRELATE

Anoressia

L’anoressia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare che induce chi ne soffre a privarsi volontariamente del cibo o ad assumerne quantità estremamente limitate e non compatibili con le richieste

Sindrome di Menière

La sindrome di Menière è un disturbo dell’equilibrio caratterizzato da “attacchi” ricorrenti e imprevedibili, che comportano la comparsa di intense vertigini, associate a riduzione dell’udito, fischi e brusii. Ogni attacco

Tumori cerebrali

I tumori cerebrali sono tumori rari che possono essere di tipo primitivo, ossia originare nel cervello, oppure formarsi come metastasi secondarie di neoplasie a carico di altri organi, come il

Svenimento

Lo svenimento è un termine semplice di uso comune che viene utilizzato per descrivere una perdita di coscienza che può verificarsi in un qualunque momento della vita per innumerevoli ragioni,

Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo è una forma primaria di mal di testa che si caratterizza per la modalità con la quale si manifestano gli attacchi, che si concentrano appunto “a

Malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer è la più comune e severa patologia degenerativa del cervello, caratterizzata da un progressivo decadimento delle funzioni cognitive (in particolare, della memoria e del linguaggio), associato
Alcolismo

Alcolismo

L’alcolismo è una vera e propria malattia, per come si presenta, per i disturbi che causa, per i sintomi che procura al paziente. Si usa il termine Alcolismo quando i

Sindrome delle apnee ostruttive del sonno

Le apnee ostruttive del sonno sono il tipo più diffuso di apnee del sonno: una categoria di disturbi accomunati dal verificarsi di ripetute interruzioni della normale respirazione mentre si dorme,

Stenosi del canale vertebrale

La stenosi del canale vertebrale consiste nel restringimento di un tratto del canale presente lungo tutta la colonna vertebrale (formato dalla successione allineata dei piccoli fori presenti al centro di

Meningite

“M” come meningite meningococcica Cosa si intende per meningite? Anche se il termine evoca subito la forma da meningococco, è bene non dimenticare che “meningite” vuol dire infiammazione delle meningi,
CULTURA E SALUTE
 
AGGIORNAMENTI
 
PERCORSI
 

la tua pubblicità
in esclusiva SU
MY SPECIAL DOCTOR

completa il form e sarai ricontattato da un nostro responsabile